The 9/11 Generation Speaks

La recente uccisione di Osama Bin Laden è stata accolta, come tutti sappiamo, con celebrazioni a Washington, New York e Boston, le città più coinvolte negli attacchi dell'11 settembre. Alcuni hanno visto queste celebrazioni come sconvenienti; altri li vedono come naturali.

Ciò che mi colpisce è che coloro che hanno celebrato erano, quasi del tutto, studenti universitari.

Penso che sia la caratteristica chiave: questi giovani uomini e donne avevano 8 o 12 anni quando sono avvenuti gli attacchi dell'11 settembre. Hanno vissuto il trauma attraverso gli occhi dei bambini. Ora festeggiano il recupero con il fervore dei giovani adulti.

Quelli di noi che hanno trent'anni o più hanno emozioni un po 'diverse; piuttosto coerentemente, coloro che hanno vissuto l'11 settembre come adulti sembrano reagire ad Abbottabad come adulti un po 'più stanchi. Non festeggiamo; non siamo nemmeno sorpresi; sembra tutto anticlimatico

Mi chiedo, tuttavia, se noi adulti un po 'più grandi possiamo dire che la nostra reazione è "giusta" in contrasto con i nostri piccoli amici adulti più giovani. Finché le guerre sul terrore continuano, sono loro e i loro amici che faranno i combattimenti; lo sovvenzioniamo semplicemente tramite l'IRS.

Posso entrare in empatia con gli studenti universitari a Boston, New York e DC. Sono la generazione dell'11 / 9; sono cresciuti in un mondo in cui la guerra era normale, dove vedere i soldati negli aeroporti è routine, dove i loro amici e parenti vanno a combattere. Quando avevo 9 anni, la guerra del Vietnam finì definitivamente; la mia infanzia era un periodo di stanchezza da guerra, di rifiuto della guerra. Sono cresciuto aspettando la pace, quasi mai vedendo soldati in luoghi pubblici.

La loro infanzia non è la mia infanzia. Sono cresciuti con la paura, l'odio e la guerra. Non c'è da stupirsi che siano scesi in strada. Potrebbero finalmente espirare un po '.

E i prossimi dieci anni? che tipo di mondo vivranno i bambini di oggi, i miei figli?

Dopo il Vietnam, pensammo che una guerra senza fine, lontana, senza obiettivi chiari, non sarebbe mai più accaduta. Abbiamo sbagliato.

Forse sono solo un altro adulto sfinito, ma non penso che sarei sorpreso se queste guerre continuassero ad accadere, se non contro quest'uomo, poi contro quello. Spero di sbagliarmi; il giovane idealista in me lo desidera. Ma la mia esperienza suggerirebbe il contrario.

Erik Erikson, così famoso per il suo lavoro sull'adolescenza, fece una volta un commento trascurato: l'età adulta, disse, è la fase più difficile della vita.

Solutions Collecting From Web of "The 9/11 Generation Speaks"