Test standardizzati: cosa succede alla storia?

L'eccellente libro di Dianne Ravitch, The Death and Life of the Great American School System, Come Testing and Choice is Undermining Education, è una lettura essenziale per tutti coloro che si interessano delle scuole pubbliche in America. Essendo uno dei migliori storici americani in materia di istruzione, Ravitch ha condotto la ricerca per sostenere le sue forti affermazioni contro l'approccio del nostro paese ai test. Altrettanto importante, scrive in uno stile accessibile a tutti i genitori, non solo agli esperti di educazione.

Durante la lettura del suo libro, mi sono trovato a disagio con una sola cosa. Ravitch afferma che una delle principali debolezze del No Child Left Behind Act è il suo focus sull'inglese e la matematica. A causa di questa enfasi sulle competenze di base, molte scuole in tutta l'America hanno cambiato o ignorato completamente le altre componenti di un curriculum a tutto tondo, come la storia, la scienza, le lingue straniere, l'arte e la musica. Ravitch ha ragione ad insistere sul fatto che tutti questi argomenti siano molto importanti, ma mi chiedevo: stava forse insinuando che la NCLB sarebbe stata più forte se includesse più soggetti? Il governo federale dovrebbe insistere su test annuali nella storia, nella scienza e in altre aree?

In teoria, ciò potrebbe sembrare ragionevole; in pratica è un incubo. Prendi il caso della Virginia, il mio stato di origine. Dato che NCLB consente a ogni stato di sviluppare il proprio regime di test, Virginia ha usato questa opportunità per imporre linee guida curriculari su tutte le materie, dalla musica alla chimica, e per richiedere test standardizzati in storia, scienza ed economia. Gli insegnanti spesso si lamentano del fatto che il contenuto richiesto dallo stato non è appropriato per l'età. Ad esempio, ai laureati di terza elementare viene chiesto di memorizzare termini economici astratti come "risorse di capitale" e "specializzazione economica". "I bambini di otto anni potrebbero essere in grado di circondare queste parole in un test, ma quando chiedi loro cosa significano, la comprensione dei bambini è vaga al meglio. Gli stessi problemi si verificano in altre materie. Il nostro insegnante di scienze di quinta elementare, interrogato sui termini SOL che i suoi studenti avrebbero dovuto padroneggiare entro la fine dell'anno, si è lamentato apertamente che "non ho imparato la maggior parte di questi termini fino al liceo!"

I SOL della Virginia hanno avuto un effetto particolarmente sconfortante quando si tratta di studi sociali, l'argomento più pesantemente testato dallo stato. Nei gradi da tre a dodici, il curriculum di storia è orientato verso la preparazione di test standardizzati a scelta multipla, il che significa che gli insegnanti trascorrono molto tempo a trivellare fatti. Questo approccio pedagogico non solo libera la gioia dalla storia dell'apprendimento, ma significa anche che le abilità linguistiche degli studenti soffrono.

Dopo l'inglese, la storia è l'argomento che dovrebbe coinvolgere maggiormente la lettura e la scrittura. Nella scuola elementare, i bambini si divertono a leggere storie sulla storia americana e le culture antiche, e sono in grado di scrivere paragrafi, e talvolta saggi completi, su ciò che hanno imparato. La storia dovrebbe fornire un'opportunità per rinforzare l'insegnamento delle arti linguistiche (e far apparire quei punteggi dei test di lettura NCLB). Invece, la necessità di prepararsi per gli esami a scelta multipla trasforma la storia dalla scrittura e dai progetti creativi, in una dose massiccia di flashcard e fill-in-the-bubble.

Quindi, come possiamo convincere i nostri figli ad essere entusiasti della storia del loro paese e della storia del mondo, se stiamo uccidendo il piacere dietro l'argomento?

Continuerò con questo nel mio prossimo post, ma invito i lettori a continuare a condividere le proprie impressioni, positive e negative, su come i vostri stati gestiscono test standardizzati e NCLB.

Solutions Collecting From Web of "Test standardizzati: cosa succede alla storia?"