Test pilota

Revisione di Make It Stick: The Science of Successful Learning . Di Peter C. Brown, Henry L. Roediger III e Mark A. McDaniel. Harvard University Press. 313 pp. $ 27,95

Dopo il suo primo esame alla Georgia Regents University Medical School, Michael Young si rese conto che le sue abitudini di studio dovevano cambiare. Sebbene avesse letto e riletto il materiale assegnato, non era stato in grado di recuperare informazioni importanti e applicare concetti durante l'esame. Dopo aver esaminato alcune ricerche sull'apprendimento, Young cominciò a fermarsi mentre studiava e si poneva domande, anche se il rallentamento con una data di prova incombente e tanto materiale da coprire lo rendeva nervoso. Al suo secondo anno, Young si era mosso verso la cima della sua classe.

In Make It Stick , due professori di psicologia, Henry Roediger III e Mark McDaniel, e Peter Brown, scrittore di fiction e saggistica, attingono a scoperte recenti in psicologia cognitiva e campi correlati in un contesto accattivante, informativo e, a volte, – un'analisi intuitiva di come la conoscenza è e può essere meglio codificata e recuperata. Dopo aver sottolineato che molti di noi dimenticano il 70% di tutto ciò che abbiamo ascoltato o letto, gli autori affermano che "la sfida centrale" consiste nel trovare modi costruttivi per "interrompere il processo dell'oblio". La capacità intellettuale, sottolineano, non è difficile -cablato dalla nascita; diventiamo più capaci utilizzando tecniche che "ci permettono di ragionare, risolvere e creare".

Secondo gli autori, un gran numero di studi confutano la tesi secondo cui rileggere libri di testo o serie di termini, sottolineando o evidenziando passaggi, la strategia utilizzata dalla stragrande maggioranza degli studenti e sostenuta da genitori e insegnanti, li brucia nella memoria. In effetti, la ripetizione e il concentrarsi su una cosa e una sola cosa sono dispendiose in termini di tempo, non si traducono in richiami duraturi e inducono un "inconsapevole inganno", perché la familiarità con la prosa sembra padronanza del contenuto.

Il recupero attivo produce benefici molto migliori e più duraturi; maggiore è lo sforzo, più forti saranno i risultati. Gli autori raccomandano di lasciare scadere gli intervalli tra le lezioni che coinvolgono lo stesso materiale perché l'apprendimento duraturo richiede processi di consolidamento. E sostengono la pratica di interleaving su due o più abilità (invece di concentrarsi su una alla volta), anche se inizialmente gli studenti non rispondono bene a "saltare in giro".

Sebbene gli autori riconoscano che il test è diventato un parafulmine per i critici dell'educazione americana, costituiscono un caso convincente che frequenti quiz "low stakes" stimolano gli studenti a studiare a casa, essere più attenti in classe e valutare con precisione ciò che sanno e fanno non sapere; consentono agli insegnanti di adattare le istruzioni per colmare le lacune nella comprensione. E gli autori sostengono che la memoria è migliorata quando gli studenti sono costretti a fornire una risposta invece di scegliere tra più opzioni di scelta.

I test frequenti sono particolarmente preziosi, come indicano Brown, Roediger e McDaniel, perché gli studenti (e, per così dire, tutti noi) tendono a sovrastimare la propria competenza (o, in alcuni casi, a "apprendere l'impotenza appresa"). "La risposta all'illusione e all'errore di valutazione", scrivono, è di sostituire l'esperienza soggettiva con indicatori oggettivi al di fuori di noi stessi. I "test dinamici" proposti dagli psicologi Robert Sternberg e Elena Grigorenko, suggeriscono gli autori, possono identificare le debolezze e misurare i progressi da un esame all'altro. I "limiti superiori delle prestazioni" possono essere stabiliti da fattori al di fuori del controllo dell'individuo, "ma la maggior parte di noi può imparare ad avvicinarsi al nostro pieno potenziale nella maggior parte delle aree".

Destinato principalmente a studenti, genitori e insegnanti, Make It Stick offre anche consigli pratici per gli studenti di tutte le età, in tutte le fasi della vita. Invece di colpire 45 tiri, divisi in tre set (15 fastballs, 15 curveball, 15 cambi) durante le prove di battuta, gli autori suggeriscono che i giocatori dovrebbero assicurarsi che i tre tipi di pitch vengano alternati casualmente nella sessione. Questo approccio, riportano gli autori, ha rafforzato le capacità di battuta presso la California Polytechnic State University, a San Louis Obispo. And Brown, Roediger e McDaniel mostrano che i dispositivi mnemonici sono utili non solo nella memorizzazione a memoria, ma nell'organizzazione di grandi quantità di conoscenza per un recupero più facile.

Valuable per le sue informazioni e intuizioni, Make It Stick merita un encomio speciale per riconoscere i limiti della ricerca sul campo. Gli autori citano uno studio, ad esempio, che conferma l'opinione secondo cui "i giochi di addestramento del cervello" migliorano "l'intelligenza fluida" (la capacità di ragionamento astratto) e "l'intelligenza cristallizzante" (il magazzino degli individui della conoscenza si accumula). Ma ammettono che lo studio ha avuto un piccolo numero di partecipanti e che i suoi risultati non sono stati replicati. E avvisano i lettori del sito Web PsychFileDrawer.org , che elenca studi i cui risultati non sono stati confermati da altri studiosi.

Come gli autori implicano, gli psicologi cognitivi hanno ancora molto da imparare sull'apprendimento. E le tecniche pedagogiche avanzate da Brown, Roediger e McDaniel non sono una panacea per ciò che affligge l'istruzione negli Stati Uniti. Detto questo, con la sua sfida credibile alla saggezza convenzionale, Make It Stick indica la strada da seguire, con una prospettiva molto reale di benefici tangibili e duraturi.

Solutions Collecting From Web of "Test pilota"