Test genetici per il trattamento della depressione: siamo ancora lì?

Prima di prendere un antidepressivo, dovresti catalogare i tuoi geni?

La Mayo Clinic offre esami del sangue che esaminano le varianti genetiche che influenzano il modo in cui il corpo e il cervello gestiscono le sostanze psicoattive. I geni più importanti nel codice del pannello per gli enzimi che abbattono i farmaci. Se ha un enzima troppo piccolo (o nessuno), una dose di farmaco normale potrebbe causare effetti collaterali eccessivi. Se hai troppo, quella stessa dose normale si rivelerebbe omeopatica.

Queste differenze possono essere sorprendenti. Alcuni nordafricani (e un certo numero di rifugiati somali si sono stabiliti vicino a Mayo, nel Minnesota) hanno ripetizioni multiple di geni per gli enzimi che abbattono il Prozac, il Paxil e l'Effexor; dosi normali di questi farmaci sono quasi inutili per i pazienti di questa popolazione. Quasi la metà dei giapponesi, al contrario, è preparata per i livelli ematici e cerebrali delle stesse sostanze. Un diverso gruppo enzimatico gestisce Celexa, Lexapro ed Elavil. Quindi, in teoria, dovrebbe aiutare a conoscere il tuo profilo.

David Mrazek, presidente della psichiatria di Mayo e un ricercato ricercatore, ha recentemente esaminato la farmacogenomica per i tirocinanti e la facoltà qui a Brown. La presentazione è stata impressionante. È ragionevolmente chiaro che entro un decennio dovremmo tutti arrivare al nostro studio medico con una smart card o una password per un file basato sul Web che contiene l'intero genoma. Per utilizzare tali dati, i professionisti si rivolgeranno a programmi informatici che tengono conto dei dati di laboratorio e delle interazioni gene-gene e quindi formulano raccomandazioni cliniche su tali decisioni come il dosaggio dei farmaci. (Le finanze di questa operazione non sono chiare, i profitti possono essere nel software di interpretazione più che nell'accertamento genetico. Le istituzioni come Mayo stanno cercando di piazzarsi bene in questo mercato.)

Guardando le immagini power-point, non potevo decidere quanto sia importante la tecnologia qui e ora. Gli intervalli per le raccomandazioni sulla dose in letteratura, basati sulle variazioni degli enzimi, tendono a scorrere nell'intervallo tra il 50% e il 150%. Cioè, ad alcuni pazienti dovrebbe essere somministrata solo la metà della dose solitamente raccomandata, e circa la metà ancora. I medici che sono già nel campo "start low and go slow" possono fare abbastanza bene senza dati di geni. E poiché gli attuali algoritmi non tengono conto di interazioni complesse, non è chiaro quanto siano accurati nel singolo caso. La lezione di Mrazek mi ha fatto pensare a una colonna che ho scritto per gli psichiatri, nel 1993, sui pazienti che fanno bene a dosi molto basse di farmaci. Tra pochi giorni metterò online quel saggio, come post su questo blog. La nuova genomica conferma la vecchia saggezza clinica.

La mia sensazione per il momento è che riserverei il test genico per i pazienti che sembrano aver bisogno di farmaci ma che non rispondono o che sembrano "sensibili" a tutti i farmaci che provano. Mi chiedo quanto ciò che si appoggia alla mia parte abbia a che fare con le preoccupazioni di costo. (I test sembrano funzionare a circa $ 300 per un gene e $ 600 per un panel, nei pressi di Mayo, l'assicurazione copre i costi.) Se i test fossero gratuiti, li vorrei nella tabella di ogni paziente? Come dico, verrà il giorno. Forse tra tre o quattro anni, vedremo pannelli genetici per la psichiatria che predicono la reattività dei farmaci in modo più raffinato, con informazioni che vanno oltre gli enzimi ai trasportatori e ai recettori attivi nel cervello. E poi all'orizzonte c'è l'intero genoma e la sfida di farci servire quei dati.

Solutions Collecting From Web of "Test genetici per il trattamento della depressione: siamo ancora lì?"