Tesoro, ho schiacciato i capi dei bambini!

Original cartoon by Alexandra Martin
Fonte: cartone originale di Alexandra Martin

Il legame della testa per cambiare la forma della testa di un bambino è sicuramente una delle forme più radicali di modifica del corpo imposta socialmente. Legando strettamente la testa di un bambino si ottengono modelli cranici estremamente insoliti che gli antropologi chiamano deformazioni craniche artificiali . Poiché gli esempi più eclatanti e conosciuti si trovano in Sud America, si ritiene comunemente che la deformazione cranica sia un evento sconcertante limitato a quella parte del mondo. In effetti, casi estremi di deformazione del cranio in Sud America hanno ripetutamente dato luogo a accuse selvagge sull'intervento alieno. In combinazione con le enigmatiche linee di Nazca ("visibili solo dallo spazio"), i teschi umani dalla forma strana di Paracas e Nazca in Perù hanno contribuito in modo particolare ad alimentare storie fantasiose.

Image made available by Didier Descouens under the Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International license
Deformazione artificiale del cranio umano, cultura proto-nazca (200-100 aC), regione di Nazca, Perù. (Museo di storia naturale di Tolosa)
Fonte: immagine messa a disposizione da Didier Descouens con licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International

Rimodellando la testa di un bambino

Sebbene la deformazione permanente del cranio causata dal legame deliberato della testa di un bambino sia stata particolarmente ben segnalata dal Sud America, è in realtà trovata in tutto il mondo. La maggior parte dei casi è documentata solo da evidenze archeologiche, sebbene in alcuni luoghi la pratica del legame della testa sia continuata fino a tempi abbastanza recenti. Gli abitanti di Tolosa (Francia) stavano ancora vincendo le teste dei bambini per renderli più lunghi fino all'inizio del secolo scorso, mentre gli isolani costieri nell'isola meridionale di Malakula (Vanuatu) continuarono una pratica simile quasi alla fine del secolo.

Figure adapted from Enchev et al. (2010), including additional data for Africa from Ricci et al. (2008)
Mappa che mostra la distribuzione mondiale della modellatura artificiale della testa nella storia recente
Fonte: figura adattata da Enchev et al. (2010), inclusi i dati aggiuntivi per l'Africa da Ricci et al. (2008)

La deformazione della testa radicale deve essere eseguita presto nella vita, mentre il cranio di un bambino è ancora flessibile. La procedura elaborata di solito inizia subito dopo la nascita e continua per diversi mesi, a volte fino a due anni. Le forme distintive della testa prodotte dal legame della testa variano ampiamente da un luogo all'altro, ma tendono ad adattarsi a un particolare modello in qualsiasi sito in un dato momento. Le forme variano tra i profili alti con spianatura frontale e forme estremamente allungate. Bende morbide (comunemente fatte di stoffa) sono quasi universalmente applicate per alterare la forma della testa, e in molti casi vengono utilizzati anche pezzi di legno per ottenere l'appiattimento nei punti desiderati. Poiché la deformazione cranica artificiale richiede un processo lungo mesi di legame della testa, la sua origine è enigmatica. Ciò che lo rende ancora più sconcertante è che questa pratica culturale è emersa in modo indipendente in numerosi luoghi in tutto il mondo. Sebbene alcune tradizioni possano essersi diffuse attraverso la migrazione, come è stato suggerito per i migranti dello Stretto di Bering che popolavano le Americhe, si sviluppò chiaramente in isolamento in molti altri luoghi senza alcuna prova di una precedente storia.

Released into the public domain by Fruitpunchline, who photographed three drawings on an information panel in the Museo Regional de Antropología in Mérida (Yucatán) and adapted them for use on Wikipedia
Tre disegni di metodi di legatura della testa usati dai popoli maya per modellare la testa di un bambino
Fonte: Rilasciato nel pubblico dominio da Fruitpunchline, che ha fotografato tre disegni su un pannello informativo nel Museo Regionale di Antropologia di Mérida (Yucatán) e li ha adattati per l'uso su Wikipedia

A prima vista, sembra altamente improbabile che una pratica culturale così complessa con esiti sostanzialmente simili possa essere sorte in così tante occasioni in modo indipendente. Ma c'è una spiegazione abbastanza semplice. In molte culture, tra cui diverse società moderne, i bambini vengono portati in giro a reggette. Immobilizzare le teste dei bambini su una tavola rigida su base giornaliera per lunghi periodi può inavvertitamente portare alla deformazione. Ne ho trovato prove evidenti nelle collezioni del Field Museum di Chicago mentre esaminavo alcuni teschi umani provenienti da popolazioni che utilizzavano il cradle-boarding. Poiché la forma del cranio era irregolare, era abbastanza ovvio che il risultato non era intenzionale. Con un legame deliberato alla testa, la forma del cranio risultante è solitamente perfettamente simmetrica.

Domande sulla deformazione della testa

La domanda più ovvia da porsi è: "Perché così tante società umane hanno colpito in modo indipendente l'idea di legare le teste dei bambini per produrre una forma distintiva?" Come molti casi sono noti solo da studi archeologici, è difficile rispondere a questo con ogni certezza. Tuttavia, la spiegazione più frequente – e anche la più probabile – da offrire è che una particolare forma della testa sia stata concepita come un distintivo di rango. Questo è, ad esempio, indicato dal fatto che la deformazione cranica artificiale era apparentemente tipica degli amministratori nell'impero Maya. Ma questo non è sempre il caso. Il legame di testa a Tolosa, per esempio, era riferito come prevalente nella classe inferiore. Possedere una forma particolare della testa è in ogni caso un modo molto efficace per enfatizzare la differenza tra gruppi di persone e talvolta ha connessioni abbastanza ovvie con la mitologia o la religione.

Skull image from Toulouse Natural History Museum by Didier Descouens via Wikimedia Commons; photograph of Marie Laynet from the collection of Fernand Delisle, in the public domain
Cranio adulto di Tolosa (Francia) con deformazione cranica artificiale a fianco di una fotografia di Marie Laynet, nata a Fourquevaux (Haute-Garonne)
Fonte: Immagine del cranio del Museo di storia naturale di Tolosa di Didier Descouens tramite Wikimedia Commons; fotografia di Marie Laynet dalla collezione di Fernand Delisle, nel pubblico dominio

Un'altra domanda comprensibilmente comune è "Il legame della testa influisce negativamente sul cranio o sul cervello?" Il pionieristico antropologo francese Paul Broca (noto per il suo riconoscimento di un centro linguistico chiave nel cervello umano) credeva che la deformazione cranica alterasse certe capacità umane. E alcuni credevano che i contadini di Tolosa che praticavano il legamento della testa soffrissero di un'intelligenza diminuita. Tuttavia, numerosi studi hanno indicato che il legame della testa ha effetti trascurabili sul cranio stesso e che l'inevitabile modifica della forma del cervello non ha effetti collaterali sfortunati. Finché il volume del cervello è invariato, il suo funzionamento apparentemente rimane intatto. Un documento del 1989, spesso citato da Susan Antón, ha esaminato i cambiamenti nella base del cranio e nella forma del viso che accompagna la deformazione artificiale in tre diverse popolazioni peruviane. Sono stati identificati cambiamenti marcati nelle dimensioni, ma la struttura di base del cranio non è stata modificata. Una successiva pubblicazione del 1992 di Antón e colleghi ha esaminato specificamente le giunzioni tra le ossa (suture) in crani deformati artificialmente. Sono state trovate differenze minori, a seconda del tipo di deformazione in questione. In particolare con i teschi con appiattimento fronte-retro, sono state trovate altre ossa accessorie lungo le suture tra le ossa principali nella parte posteriore del cranio, probabilmente un risultato dell'ampliamento generale. Ciò suggerisce che il legame della testa causa poche modifiche nella crescita delle suture e conferma l'impressione che non vi siano effetti profondi sulla crescita del cranio o sulla funzione cerebrale.

Public domain, via Wikimedia Commons
Antico murale egizio di El-Amarna (1375-1358 aC circa), raffigurante due figlie di Akhenaton – Nefernoferuaton Tasherit e Nofernoferure. Ashmolean Museum, Oxford
Fonte: dominio pubblico, tramite Wikimedia Commons

Legame di testa nell'antico Egitto?

Ci sono stati diversi suggerimenti che il legame alla testa si è verificato anche nell'antico Egitto, in particolare durante la XVIII dinastia. Vari murales e sculture hanno indicato che Akhenaton e Nefertiti avevano forme della testa insolitamente allungate e che lo stesso era vero per le sei figlie di Akhenaton (Merytaten, Meketaten, Ankhesenpaaten, Nefernoferuaton Tasherit, Nofernoferure, Setepenre) e di suo figlio Tutankhamon. Ed è ora noto dagli studi delle mummie che i teschi di entrambi Akhenaton e Tutankhamon hanno effettivamente forme distintamente allungate. Nel caso di Tutankhamun, una depressione a forma di sella sulla parte superiore del cranio insieme a una depressione complementare sotto la parte posteriore coincide strettamente con gli effetti ben documentati del legame della testa in altre regioni. È interessante notare che l'allungamento della testa estremo è stato il risultato favorito. Tuttavia, non vi è alcuna prova chiara del legame della testa prima o dopo i regni di Akhenaton e Tutankhamon.

In effetti, gli egittologi hanno generalmente respinto la possibilità di legare la testa nell'antico Egitto. Le teste allungate in murales e sculture sono interpretate come un'esagerazione stilistica che accompagna la rappresentazione pubblica di Akhenaton e della sua famiglia a El-Amarna. E la deformazione cranica artificiale è stata esclusa con la motivazione che non è mai stata trovata alcuna registrazione di tale pratica, nonostante l'ampia documentazione disponibile per molte altre usanze. Il verificarsi di teschi di forma strana è stato attribuito in modo non convincente ad una condizione ereditaria derivante da Akhenaton.

Per il momento, la questione del legame della testa nell'antico Egitto rimane irrisolta, sebbene le forme distintive del cranio di Akhenaton e Tutankhamon forniscano indicazioni allettanti. Infatti, recenti studi di scansione di mummie egiziane condotte da JP Brown e da me al The Field Museum hanno rivelato che una lieve deformazione cranica era apparentemente presente in Minirdis, il figlio di un sacerdote Stolista di Akhmim. Forse questa pratica culturale si è verificata anche durante il primo periodo tolemaico ad Akhmim, che era un importante centro religioso.

Intervento alieno?

Abbastanza chiaramente, i teschi umani sorprendentemente allungati trovati in siti come Nazca e Paracas in Perù sono semplicemente casi estremi della ben documentata pratica di legatura della testa. Tuttavia, la nozione selvaggia che quelle strane forme del cranio sono il risultato di un intervento alieno rimane ostinatamente persistente. In una recente svolta su questa interpretazione stravagante, è stato affermato che il DNA estratto da crani deformati da Paracas è significativamente diverso dal normale DNA umano. Al momento, nessun dettaglio è stato pubblicato in una rispettabile rivista peer-reviewed. Non trattenere il respiro!

Riferimenti

Antón, SC (1989) Deformazione intenzionale della volta cranica e cambiamenti indotti della base cranica e della faccia. American Journal of Physical Anthropology 79 : 253-267.

Ayer, A., Campbell, A., Appelboom, G., Hwang, BY, McDowell, M., Piazza, M., Feldstein, NA e Anderson, RC (2010) La storia sociopolitica e basi fisiologiche della deformazione cranica. Neurochirurgia Focus 29 (6), E1 : 1-6.

Barras, C. Perché i primi umani rimodellarono i crani dei loro bambini. http://www.bbc.com/earth/story/20141013-why-we-reshape-childrens-skulls

Cheverud, JM, Kohn, LAP, Konigsberg, LW & Leigh, SR (1992) Effetti della modifica cranica artificiale della volta cranio-occipitale sulla base cranica e sul viso. American Journal of Physical Anthropology 88 : 323-345.

Childress, DH & Foerster, B. (2012) L'enigma della deformazione cranica: teschi allungati degli antichi. Kempton, IL: Adventures Unlimited Press.

Dingwall, EJ (1931) Deformazione craniale artificiale: un contributo allo studio delle mutilazioni etniche. Londra: John Bales, Sons & Danielsson.

El-Najjar, MY & Dawson, GL (1977) L'effetto della deformazione craniale artificiale sull'incidenza delle ossa del wormian nella sutura lambdoidal. American Journal of Physical Anthropology 46 : 155-160.

Enchev, Y., Nedelkov, G., Atanassova-Timeva, N. & Jordanov, J. (2010) Aspetti paleoneurosurgici delle deformazioni del cranio artificiale proto-bulgaro. Neurochirurgia Focus 29 (6), E3 : 1-7.

Kiszely, I. (1978) Le origini della deformazione cranica artificiale in Eurasia dal sesto millennio aC al VII secolo d.C. British Archaeological Reports International Series (Supplemento) 50 : 1-76.

Obladen, M. (2012) A immagine di Dio? La tradizione della modellatura della testa infantile. Journal of Child Neurology 27 : 672-680.

Ricci, F., Fornai, C., Tiesler Blose, V., Rickards, O., & Manzi, G. (2008) Prove di deformazione cranica arti fi ciale dalla preistoria successiva dell'Acacus Mts. (Libia sudoccidentale, Sahara centrale). International Journal of Osteoarchaeology 18 : 372-391.

Solutions Collecting From Web of "Tesoro, ho schiacciato i capi dei bambini!"