Tesoro, ho portato a casa un po 'di miele

L'uomo di Hadza con il miele

La maggior parte delle discussioni sull'evoluzione alimentare umana si concentrano su carne e patate. Cioè, gli studiosi discutono dell'importanza degli animali ottenuti dalla caccia e di altre risorse vegetali raccolte come i tuberi cucinati. Quella discussione lascia fuori qualcosa di dolce: tesoro.

Che prove ci sono che i padri non hanno portato a casa solo del bacon, ma forse anche del miele? Il primo posto dove guardare è il registro dei cacciatori-raccoglitori umani.

Tra gli Hadza, cacciatori-raccoglitori della Tanzania, il cibo più preferito è il miele, classificato ancora più alto della carne. I padri possono fare uno sforzo considerevole – e affrontare occasionalmente pungiglione – per acquisire questa preziosa risorsa alimentare. È importante sottolineare che, a differenza dei grandi animali di selvaggina, che sono spesso ampiamente condivisi tra Hadza e altre società di raccolta, il miele è meno probabile che venga condiviso al di fuori dei membri immediati di un padre.

Per altre società di cacciatori, il miele è una risorsa preziosa. Serviva come cibo stagionale importante tra il dolore del Paraguay e l'Hiwi del Venezuela, tra le altre società. Gli isolani andamesi si sono divertiti, così come diverse popolazioni di aborigeni australiani. Anche l'arte rupestre, disseminata in diversi continenti e attraverso decine di migliaia di anni, rappresenta l'arte della raccolta del miele da parte di vari foraggiatori. Un angolo di una grotta ad Alta Mira, in Spagna, datato forse 25.000 anni fa, ritrae la collezione di miele.

Il miele è una fonte densa di zuccheri semplici come glucosio e fruttosio. Le larve che possono essere mescolate con esso possono anche fornire alcuni grassi e proteine. È un alimento energeticamente denso in un mondo naturale privo dei buffet pieni di dolci di oggi. Può aiutare ad alimentare il grande cervello affamato di glucosio che noi umani abbiamo sviluppato.

Mentre la raccolta del miele può essere una famiglia o un grande sforzo di gruppo, i padri sono spesso i sollevatori pesanti. Tra l'Efe della Repubblica Centrafricana, dove il consumo di miele può comprendere fino a 1900 calorie al giorno durante i periodi dell'anno, qualcuno deve scalare gli alberi alti per raggiungere gli alveari dove è riposto. Spesso, sono i giovani e i padri un po 'più anziani a farlo. Tra gli Hadza, una delle principali cause di ferimento tra i giovani era caduta dagli alberi di baobab mentre cercava di prendere il miele. Ci sono anche le possibili punture d'ape di cui preoccuparsi; fumare fuori gli alveari prima di nabbing a nido d'ape è un modo comune per ridurre quelle punture.

Quindi continuiamo le discussioni sulle risorse alimentari fornite dai nostri antenati paterni. Ma allarghiamo l'attenzione oltre la carne. Divertiti, tesoro, perché ti ho portato del miele.

Per ulteriori informazioni su questo argomento, si prega di consultare un'eccellente recensione: Crittenden, AN. 2011. L'importanza del consumo di miele nell'evoluzione umana. Food and Foodways 19: 257-273.

Solutions Collecting From Web of "Tesoro, ho portato a casa un po 'di miele"