Teschi di Smart e famosi

Abbiamo sentito parlare di rapitori di corpi, di quegli infami equipaggi della requisizione di mezzanotte del diciannovesimo secolo che hanno fatto avanzare la causa della medicina. Cranioklepty: Grave Robbing e Search for Genius , di Colin Dickey, esamina un altro tipo di furto ottocentesco come un'arte dubbiamente nobile: scrive di collezionisti che hanno scoperto dove venivano sepolti i geni deceduti per afferrare i loro preziosi teschi.

Dickey si apre con la riesumazione del compositore musicale, Franz Joseph Haydn, poiché i resti di Haydn erano destinati a essere trasferiti a scavi migliori. Con sorpresa di tutti, la maggior parte di lui era lì nella tomba, ma non c'era nulla tra le sue spalle e la sua parrucca. Una squadra intraprendente l'aveva afferrato. Avevano anche assunto un complice per disinnescare il cranio e immergerlo nell'acqua limpida per lo sbiancamento e la conservazione. Non era solo una reliquia per loro; ha tenuto la promessa di prove scientifiche di genio. Quindi, aveva valore per i collezionisti.

Questo tipo di imbroglio avvenne in un'epoca in cui i "lettori della gente" credevano di poter profilare un uomo in base a dossi e depressioni sul suo cranio. I criminologi hanno aperto musei perché pensavano che avremmo potuto capire meglio la mente criminale osservando i resti scheletrici dei criminali.

Tuttavia, mentre i teschi dei criminali erano abbastanza facili da acquisire, i resti di un genio erano un'altra cosa. Queste persone non hanno compreso la nozione di donare le loro teste alla scienza. (C'è stata un'eccezione: i membri dell'élite Society of Mutual Autopsy hanno donato il loro cervello al gruppo per la dissezione postmortem.)

I capi della maggior parte dei geni sono entrati nelle loro tombe, il che li ha resi bersagli notturni per intraprendenti necropreneurs.

Tuttavia, non tutti gli stalker del cranio desideravano capitalizzare i loro macabri recuperi. Alcuni volevano possederli, come se da qualche osmosi magica potessero assorbire la creatività di questa persona. Per lo meno, potevano studiare il teschio dell'uomo e documentare i dettagli del suo segreto.

Così, durante il diciannovesimo secolo, se eri una superstar intellettuale – un'artista, un filosofo, un compositore, un poeta o anche un mistico di talento – eri un bel gioco una volta andato. Tra le storie raccontate in questa oscura storia di idee c'è il "salvataggio" dei teschi di Mozart, Goya e Beethoven.

Uno dei racconti davvero ironici di Dickey riguarda Emanuel Swedenborg, il mistico cristiano del diciottesimo secolo, noto per il suo virtuosismo intellettuale. Mentre era vivo, aveva descritto degli spiriti che entravano nella sua camera cerebrale e parlavano con lui. Sembravano demoniache per lui, quindi non gli piaceva come coinquilino nel suo spazio cerebrale. Tuttavia, questo aspetto del suo misticismo ha attirato la sua quota di cranioklept.

Dopo che Swedenborg morì nel 1772, un certo numero di persone si chiedeva se fosse davvero morto o lo stesse solo fingendo, così nessuno avrebbe scoperto la sua presunta immortalità. Tuttavia, il suo sepolcro rimase indisturbato per quasi due decenni fino a quando qualcuno finalmente non aprì la bara, solo per vedere. Era lì, ma i suoi resti erano ora vulnerabili. Nel 1816, un ladro ne approfittò.

Assistendo a un altro funerale, individuò la bara, pizzicò impulsivamente la testa e immaginò di uccidere sul mercato dei famosi teschi. Tuttavia, scoprì presto che i discepoli di Swedenborg stimavano che i resti mortali fossero solo di poco più di un verme che gioca a golf sul tuo muso. Nessuno ha offerto soldi per il teschio.

Un frenologo, infine, lo raccolse per cercare di localizzare "l'organo dell'immaginazione". Apparentemente fallì, e il cadavere in decomposizione di Swedenborg riprese la testa.

Cranioklepty è una lettura oscuramente divertente, sulla falsariga di altre storie morbose del diciannovesimo secolo raccontate due volte. Lo raccomando vivamente per antropologi, storici, psicologi cognitivi, Goti e pesti inquieti. È abbastanza unico.

Infatti, sul suo sito web, Dickey invita i lettori a selezionare la persona di cui afferrerebbero il teschio se ne avessero la possibilità. È divertente vedere le risposte: Cleopatra, Dostoevskij, Lovecraft, Thoreau e persino Jimmy Hoffa. Chi sceglieresti?

Solutions Collecting From Web of "Teschi di Smart e famosi"