Termina procrastinazione ora: un primo passo chiave, semplice

Copertina del libro di Knaus Fine Procrastinazione ora Ho fatto alcune interviste con i colleghi per i miei podcast iProcrastinate . Più di recente, ho intervistato un clinico molto noto per il suo lavoro sulla procrastinazione, il dott. William (Bill) Knaus. Si può dire che ha avuto anni di esperienza, poiché è stato in grado di affermare l'ovvio in modo così semplice. Ecco un chiaro esempio.

Il mio collega Bill Knaus ha trascorso un'ora al telefono con me ieri parlando di procrastinare. La sua esperienza è stata sviluppata nel corso dei decenni, con il suo primo articolo accademico nel 1973 e il suo primo libro scritto insieme a Albert Ellis ( Overcoming Procrastination ) pubblicato nel 1977. Ci sono stati molti libri e pubblicazioni da allora, così come innumerevoli ore di consulenza procrastinators nella sua pratica clinica

Naturalmente, data questa profondità di esperienza, non posso nemmeno iniziare a riassumere tutto ciò che ha da dire (il podcast fornirà un ulteriore background). Invece, voglio concentrarmi su una semplice idea relativa allo sviluppo dell'autocoscienza. La consapevolezza di sé è un primo passo cruciale nell'imparare a cambiare la tua abitudine di procrastinazione.

Come ho scritto in precedenza sulla terapia comportamentale razionale-emotiva e sulla procrastinazione (vedi ad esempio l'intolleranza al disagio: perché potremmo arrenderci per sentirci bene), ci sono molti pensieri irrazionali che possono avviare e mantenere il nostro rinvio. Questi includono perfezionismo e paura di fallire, per esempio. Forse la più semplice e più accessibile, o almeno la più verificabile, è la convinzione che domani sarà un giorno migliore per il compito da svolgere.

Come dice Bill, "Quando affrontiamo un compito che crea persino un sussurro di disagio affettivo, è molto probabile che ci distacchiamo dal compito." Mi piace come dipinge "The Wheedler" che si siede sulle nostre spalle e si offre attività alternative e scuse per non impegnarsi nel compito a portata di mano. Penso che il modo di pensare più classico di Wheedler sia quello di convincerti che "ti sentirai più simile domani". Quindi, lo rimanderai a domani. Il fatto è che possiamo facilmente testare questa ipotesi e, nel farlo, potenzialmente sfidiamo uno dei nostri pensieri irrazionali e costruiamo una certa consapevolezza di quanto sia irrazionale il nostro ritardo.

È semplice, non è vero? La prossima volta che rimanderai un incarico a domani, dicendoti domani (più tardi) è meglio, poi annota semplicemente il giorno dopo se pensi che domani sia meglio. Le probabilità sono, non lo è. In ogni caso potreste sentire più sensi di colpa e pressioni legate al compito in questione e tuttavia non avere più motivazione per svolgere il compito.

Questo approccio auto-osservante è elegante in termini di semplicità. Stai monitorando i tuoi pensieri, i tuoi sentimenti e le tue azioni in modo da poter "connettere i punti". Fare questo costruirà la consapevolezza di sé e questo è il primo passo verso il cambiamento nelle nostre vite.

Il secondo passo è ancora più semplice , ed è quello su cui io e Bill siamo completamente d'accordo. Inizia.

È stato detto abbastanza. Smetti di leggere ora. Vai a trovare un compito che è stato particolarmente preoccupante in termini di inutile ritardo e iniziare. . . proprio adesso.

Nota di Blogger:
Bill ha un altro libro (oltre a 5 altri titoli) che sarà pubblicato da McGraw Hill questa primavera, "Fine procrastinazione ora". Puoi preordinare ora su Amazon.

Solutions Collecting From Web of "Termina procrastinazione ora: un primo passo chiave, semplice"