Teresa d'Avila: donna mistica, visionaria o fiorente?

DepositPhotos/VIA Institute
Fonte: DepositPhotos / VIA Institute

Da blogger ospite speciale:
Claudia Morales Cueto

In questa festa di Santa Teresa d'Avila (15 ottobre), mi viene in mente quando ho iniziato a leggere il suo lavoro durante un periodo molto stressante della mia vita. Volevo imparare a pregare e trovare serenità. A quel tempo, ero un editore esecutivo per quattro riviste mensili e mio figlio e mia figlia erano in età avanzata, affrontando nuove sfide nei loro anni adolescenti. Questo è stato un momento di trasformazione. Gli scritti di Santa Teresa, il mistico del XVI secolo, non solo mi hanno mostrato come abbracciare il cambiamento e pregare in questi tempi difficili, ma anche come vivere pienamente. In altre parole, Santa Teresa mi ha insegnato a fiorire!

Sono stato particolarmente ispirato da come Santa Teresa era una donna con i piedi per terra e ha abbracciato i suoi punti di forza con autenticità. Ciò ha contribuito al benessere di molte persone nel corso dei secoli (fino ai giorni nostri) e ha avuto un chiaro impatto sul contributo al bene superiore.

Ho studiato Santa Teresa d'Avila (conosciuta anche come Santa Teresa di Gesù, specialmente nei paesi di lingua spagnola) per quasi due decenni e ho scritto quattro libri su questo santo ispiratore. Quando stavo scrivendo il mio primo libro, Vida que transforma vidas ( Una vita che trasforma le vite ), che è una guida su come leggere il libro di Teresa chiamato Vita , sono diventato particolarmente curioso di qualcosa:

Come poteva Santa Teresa sopportare l'estesa presa in giro e il rifiuto delle sue esperienze mistiche, oltre ad essere ripetutamente sentita dai suoi più fidati confessori che le sue personali e potenti esperienze erano demoniache? Quali forze del personaggio l'avrebbero aiutata a sopportare questo e per poi prosperare?

Ho deciso di usare la mia conoscenza della sua vita, personalità e scritti per portare VIA Survey dal suo punto di vista. Ho pensato che questo avrebbe rivelato i suoi punti di forza principali del personaggio e aiutarmi a capire la fonte della sua capacità di recupero. Se una donna può ribellarsi all'infinito, e prosperare lungo la strada, nonostante i numerosi ostacoli, deve essere una donna che usa fortemente i suoi punti di forza del personaggio.

Questo è vero per Santa Teresa.

Lasciami iniziare nominando i suoi punti di forza. Usando questa tattica con VIA Survey, i più alti punti di forza-firma di Santa Teresa d'Avila-erano il coraggio, l'amore, l'onestà, il perdono, la gratitudine, l'onestà e la speranza. Mi concentrerò su tre di questi punti di forza della firma mentre li usava nella sua vita: coraggio, amore e speranza.

Una donna di coraggio

Bravery significa non ritirarsi dalla minaccia o dalle difficoltà e difendere ciò che è giusto anche se c'è opposizione. Il coraggio può essere fisico, psicologico e morale. Santa Teresa d'Avila combatté molte battaglie, sia interne che esterne. Il suo coraggio, unito a una significativa onestà, la incoraggiarono a sottoporre le sue esperienze mistiche a vari teologi. Questi esperti, uno dopo l'altro, dubitarono del suo merito e proibirono persino a lei di pregare e di rimanere solo per mesi, attribuendo le sue esperienze divine alle forze del male.

Era abbastanza coraggiosa da obbedire, ma aveva anche il coraggio di continuare a cercare altri consiglieri in un momento in cui l'Inquisizione era implacabile. La sua tendenza naturale era il desiderio di piacere, ma doveva lottare con questo desiderio per essere libera di realizzare il suo scopo: una vita dedicata alla preghiera e all'amore. Fu questo scopo a scatenare la sua trasformazione personale per ispirare in seguito il suo desiderio di fondare un monastero nel 1562 e alcuni anni dopo la lanciò sulle strade di Castiglia, in Spagna, per fondarne molti altri. Nel 1575 la sua riforma fu proibita e le fu ordinato dai suoi superiori (il Capitolo Generale dei Carmelitani) di non lasciare il suo convento, che fungeva da prigione.

Tuttavia, Santa Teresa ha combattuto. Dimostrò il coraggio morale di combattere per ciò che credeva fosse giusto. Nonostante non lasci il suo convento, scrisse un'abbondanza di lettere a monasteri, alleati, amici, familiari e consulenti per mantenere viva la "scintilla" della riforma. Le sue azioni non erano offensive o aggressive, ma esercitava il perdono, l'intelligenza sociale e una difesa attiva dei suoi ideali. Ha spiegato: "Se Dio non ci avesse dato i buoni amici che ha fatto, tutto sarebbe stato inutilmente".

Una donna di amore trascendente

Santa Teresa d'Avila è la fondatrice dell'Ordine dei Carmelitani Scalzi (monache, fondata nel 1562, ed è stata l'unica donna a fondare un ordine per gli uomini – i frati nel 1568). E ispirò molte comunità spirituali in cui si pratica la preghiera contemplativa. Fu la prima donna riconosciuta come Dottore della Chiesa (1970) perché i suoi scritti hanno preziose lezioni per i fedeli su come pregare e amare. Per S. Teresa, la preghiera non è auto-assorbimento o compiacimento personale, ma una relazione d'amore con Dio che ci permette di uscire da noi stessi attraverso il servizio e il dono di sé. Santa Teresa insegna che la preghiera è un modo per perfezionare l'amore e che la pratica dell'amore contribuisce alla profondità della preghiera.

S. Teresa afferma che il "business" della preghiera non è nel pensiero, nella capacità intellettuale o nella conoscenza accademica. Invece, ha sottolineato che proprio come tutte le anime sono capaci di amare, tutti sono capaci di pregare. Poiché si tratta di una relazione personale con Dio, la preghiera è definita dalla mutualità, e non dalle idee o dal ragionamento. Come esperta di natura umana, Santa Teresa sottolinea che se ci infastidisce passare dalla preghiera al servizio degli altri, è perché cerchiamo più la nostra soddisfazione o perché nella solitudine ci sono meno occasioni di offendere Dio. Tuttavia, nessuno può essere certo delle proprie virtù se queste non sono state messe alla prova. Ha aggiunto, "così facendo ci rendiamo conto di chi siamo e del livello di virtù che abbiamo." Nella solitudine, l'autoinganno è facile; nella vita comune, realizziamo la verità su noi stessi.

Una donna piena di speranza fiduciosa

Come può una suora senza soldi o posizione sociale stabilire 17 monasteri per suore e due conventi per frati, in soli 20 anni?

Nel suo libro, Life , St. Teresa ha scritto: "L'amore è sempre stimolante e pensa a cosa farà".

Era chiaro, il cuore di Santa Teresa traboccava d'amore. Desiderava condividere la sua esperienza di preghiera e creare comunità con uno stile di vita incentrato sull'amore, l'umiltà e la libertà. Santa Teresa ha vissuto con speranza, una forza che è cognitiva, emotiva e motivazionale nella sua aperta direzione verso il futuro. Non è una fantasia illusoria perché la speranza è fondata sulla nozione che i buoni eventi saranno più probabili se si fa tutto ciò che si può. In questo modo, Santa Teresa ha unito la sua forza di perseveranza (la sua ottava forza suprema) con la sua firma forza di speranza mentre realizzava ognuno dei suoi 19 fondamenti di una vita spirituale e come un prolifico scrittore di lettere e libri. Si è disposta con tutto il suo essere a Dio e alla sua comunità, esprimendo un forte potere.

Credeva che ciò che impedisce a Dio di mostrarci le sue meravigliose e grandi opere è la nostra mancanza di determinazione. Quindi, la perseveranza e la speranza sono cruciali. La sua speranza è stata incoraggiata dalla fiducia in Dio e dal fare affidamento sulla sua determinazione e sulle parole divine che le hanno dato quando stava lavorando per stabilire il suo primo fondamento: "entra come puoi". Per lei, questa frase è strettamente correlata alla sua determinazione per raggiungere i suoi obiettivi, mentre allo stesso tempo, essere flessibile per regolare il suo percorso, se necessario.

Conclusione

Decenni fa, era comune avere amici di penna, amicizie che vengono mantenute da lontano scrivendo lettere. Ricordo di avere parecchi amici di penna da bambino. Con Teresa, tuttavia, ho sviluppato un'amicizia attraverso i suoi libri. Esaminando attentamente i suoi scritti, ho viaggiato indietro nel tempo e ho camminato con lei sulle strade del Castille del XVI secolo. È diventata presente per me e mi ha colpito profondamente qui nel 21 ° secolo, come guida e madre spirituale.

La cosa più importante, lei mi insegna che i fiori della virtù devono essere annaffiati, che le erbacce devono essere strappate e che la vita fiorente è quella di autenticità e bontà basata sull'incarnazione delle forze.

Claudia Morales Cueto
Fonte: Claudia Morales Cueto

Informazioni su Claudia Morales Cueto

Claudia Morales Cueto è una ex alunna di una scuola teresiana, una moglie e una madre, ha una laurea in Comunicazione presso l'Università Iberoamericana (Città del Messico), un Diploma in Psicologia Positiva della stessa istituzione e un Master in Leadership Positiva da Universidad Tecmilenio (Messico). È autrice di quattro libri che servono come guide per comprendere gli scritti di Santa Teresa di Gesù (ulteriori informazioni su https://www.facebook.com/AmigosdeTeresa/). Come scrittrice, montatrice e insegnante, la sua pratica professionale unisce i suoi interessi nella comunicazione, nella psicologia positiva e nella spiritualità. Lei è un istruttore qualificato MBSP (Mindfulness-Based Strengths Practice) e guida questi corsi in Messico.

Solutions Collecting From Web of "Teresa d'Avila: donna mistica, visionaria o fiorente?"