Terapie di arte creativa: salute o professioni di salute mentale?

Recentemente ho scritto un pezzo intitolato "Art Therapy e il suo Accreditation Counseling Wah-Wah" [ovvero sull'impatto degli standard di accreditamento dell'istruzione di counselor sulle licenze statali] per la piattaforma di LinkedIn Pulse . Quel breve articolo ha suscitato molte domande da parte dei lettori su dove le terapie di arti creative [in particolare arte, musica e danza / movimento terapia] cadono in termini di classificazione – cioè, queste terapie sono considerate professioni di salute mentale o professioni sanitarie alleate? La risposta breve è "è complicato".

La musicoterapia , una professione con una laurea di primo livello e una certificazione di bordo, è forse la più chiara in termini di visione professionale. In effetti, la musicoterapia come professione ha quella che considero la visione più unificata per la sua professione di tutte le terapie delle arti creative. L'American Music Therapy Association afferma chiaramente che gli interventi di musicoterapia possono essere progettati Gli interventi di musicoterapia possono essere progettati per promuovere il benessere, gestire lo stress, alleviare il dolore, promuovere la riabilitazione fisica, migliorare la memoria ed esprimere sentimenti. La maggior parte di questi risultati rientra nel campo della salute e del benessere oltre agli obiettivi psicosociali di autoespressione e capacità comunicative. Mentre ci sono musicoterapeuti a livello di master e di dottorato che praticano da strutture psicodinamiche e altre strutture psicoterapeutiche, le basi della professione sono rivolte verso la salute alleata ed è qui che la musicoterapia ha stabilito con successo un campo per i suoi professionisti.

La terapia danza / movimento è molto simile alla musicoterapia in termini di promozione del benessere, riduzione dello stress e riabilitazione fisica. Inoltre è sempre più riconosciuto per le sue applicazioni con problemi di salute mentale come traumi psicologici a causa della recente enfasi su concetti come "il corpo mantiene il punteggio [Bessel van der Kolk]", la risposta vagale [Stephen Porges] e l'esperienza somatica [Peter Levine ]. Tuttavia, nonostante l'approccio basato sul corpo centrale per la danza / terapia del movimento, l'American Dance Therapy Association ha preso una posizione sulla sua identità nel 2000, emettendo una dichiarazione che ha allineato la professione con la professione di counseling mentale tramite il National Board of Certified Consiglieri [vedi http://www.nbcc.org/Assets/Newsletter/Issues/summerfall00.pdf e http://www.adta.org/resources/Documents/ADTA%20Fact%20Sheet%20-%20aascb.pdf. Quindi, se si decide di diventare un terapeuta di danza / movimento, è probabile che il programma di livello master che frequenterai offrirà corsi in modo che, dopo la laurea, tu abbia diritto a richiedere una licenza per consulenti professionali o di salute mentale.

L'arte-terapia , sfortunatamente, ha una narrativa molto più complessa e spesso sconcertante. Da un lato, l'enfasi attuale nella maggior parte dei programmi di educazione alla terapia d'arte laurea è sulla consulenza per la salute mentale, offrendo corsi per soddisfare sia la certificazione del consiglio in arteterapia e consulenza licensure a livello statale. Alcuni programmi educativi hanno o stanno per ottenere l'accreditamento nella formazione del counselor dal Council on Accreditation of Counselling and Related Programs [CACREP] in modo che i laureati possano più facilmente soddisfare i requisiti di idoneità per il counselor licensure negli Stati Uniti. Tuttavia, qui emerge la complessità e la perplessità – esiste anche un movimento a livello nazionale per offrire l'accreditamento per i programmi educativi dalla Commissione sull'accreditamento dei programmi di educazione sanitaria alleata [CAAHEP], un organismo che accredita la programmazione educativa in radiologia, perfusione , tecnologia di anestesia, tecnologia chirurgica e terapia ricreativa, tra gli altri [vedere http://www.caahep.org/default.aspx]. Al contrario di CACREP [probabilmente ora vi state confondendo con gli acronimi], CAAHEP è un accreditamento che tende alle professioni sanitarie. Il fondamento logico per un accreditamento specifico per l'educazione all'arte terapeutica è lo sviluppo della concessione e della reciprocità di arteterapia attraverso le linee di stato, la standardizzazione delle competenze di arteterapia, il controllo di qualità per il consumatore e infine il rimborso per i servizi di arteterapia, che finora sono stati sporadici.

Quindi le terapie di arti creative sono attività di salute mentale o di salute alleata? La risposta potrebbe essere "entrambe". Dipende in gran parte da due fattori. Pragmaticamente, il fattore determinante potrebbe essere il modo in cui questi approcci sono accettati all'interno delle attuali e future impostazioni dell'assistenza sanitaria. Inoltre, la ricerca sulle terapie artistiche creative [in particolare studi clinici randomizzati] determinerà come e dove questi approcci sono percepiti come efficaci. E per ulteriori informazioni sul campo delle sfide della terapia artistica in particolare, si prega di leggere il mio post su Pulse su LinkedIn.com.

Come lo Spaventapasseri (The Wizard of Oz, 1939) disse: "Certo, alcune persone vanno in entrambe le direzioni"

Cathy Malchiodi, PhD

© 2014 Cathy A. Malchiodi

Visita il mio sito web all'indirizzo www.cathymalchiodi.com per ulteriori informazioni su terapie artistiche e arti creative.

Per ulteriori informazioni su Trauma-Informed Art Therapy e Trauma-Informed Artsive Therapy, visitare il Trauma-Informed Practices e l'Expressive Arts Therapy Institute all'indirizzo www.trauma-informedpractice.com.

Solutions Collecting From Web of "Terapie di arte creativa: salute o professioni di salute mentale?"