Terapia per un dollaro, parte I

Sono nato all'ospedale ebreo di Brooklyn il 30 novembre 1944. Meno di cinque anni dopo, prima di terminare l'asilo, decisi di diventare uno psicologo clinico, una decisione da cui non ho mai smesso. Forse la mia scelta di prima età aveva qualcosa a che fare con il fatto che mia madre mi ha messo in terapia prima dei tre anni.

Più tardi ho scherzato sul fatto che mia madre mi mandava da un terapeuta se tornavo a casa da scuola con qualcosa di meno di un B plus. Stavo esagerando, ma solo un po '.

A differenza di altri genitori del giorno che consideravano la terapia come l'ultima risorsa per i malati di mente, la mia progressiva madre ebrea considerava la terapia come un'esperienza di apprendimento. Per gran parte della mia vita da adulto mi sono irritato con mia madre per avermi sempre sottoposto a terapia senza una buona ragione che potessi dire. Poi, quando avevo quarantatré anni, ho messo alle strette mia madre nella cucina della mia casa a Topeka, nel Kansas, e l'ho affrontata con la grande domanda: perché ero stato messo in psicoterapia da quando avevo appena finito i pannolini ? Sicuramente, non ero più pazzo di nessun altro ragazzo sul blocco.

Mia madre sorrise. "L' ho preso per un dollaro " , ha detto.

" Hai quello che per un dollaro ?" Ho chiesto, non registrando che lei aveva appena risposto alla mia domanda.

" I migliori terapeuti per te e Susan !"

Mia madre spiegò che aveva ottenuto una speciale polizza di assicurazione sanitaria che consentiva a mia sorella e me di andare a sedute settimanali di terapia per un dollaro. Lo psichiatra di Susan era acclamato a livello nazionale nei circoli psicoanalitici; il mio era il suo discepolo. Questo è stato sicuramente un vero affare.

" Ho avuto problemi ?" Inseguii incerto.

" Certo ," rispose mia madre in modo ragionevole. "Non tutti?"

Dare ai suoi figli un inizio precoce in terapia ovviamente riflette più dell'amore di mia madre per un buon affare. A differenza di altre madri del suo tempo che consideravano la terapia un'ultima risorsa per i malati di mente, mia madre pensava che la terapia fosse un'esperienza di apprendimento. La terapista familiare Monica McGoldrick, esperta di etnia culturale, nota che gli ebrei entrano in terapia più facilmente di qualsiasi altro gruppo culturale e si trattengono più a lungo, considerandola un'opportunità per capire. A questo proposito, mia madre era fedele allo stereotipo.

Anche mia madre è andata per il meglio di ciò che credeva fosse più importante. Sebbene fossimo poveri durante la maggior parte dei miei anni di crescita a Brooklyn, mia madre si assicurò che mia sorella Susan e io avessimo le seguenti quattro cose:
(1) un terapeuta
(2) buone scarpe (non intendo elegante)
(3) un materasso rigido e di qualità
(4) un pediatra alto (non diverso dal dottor Benjamin Spock, che era anche un affare).

Mia madre era sicura che queste quattro cose – insieme ai valori e ai principi che ci ha trasmesso – avrebbero fornito alle sue figlie le basi di cui avevamo bisogno per "essere qualcuno" e non solo "trovare qualcuno", come era culturalmente prescritto in quel momento .

Per continuare nella parte II.

Solutions Collecting From Web of "Terapia per un dollaro, parte I"