Terapia per i professionisti del trauma: perché il conflitto?

Fornire aiuto agli altri, ma a disagio nel cercare assistenza per se stessi.

Come psicologa traumatologica, insegno regolarmente lezioni sul tema dell’auto-cura a studenti e professionisti che intendono lavorare o lavorare con popolazioni traumatizzate. La cura di sé comprende strategie o attività in cui un individuo può partecipare intenzionalmente per prendersi cura della sua salute psicologica, emotiva e fisica. Queste strategie possono includere, ma non si limitano a mangiare pasti bilanciati, esercitarsi, sviluppare una routine di sonno regolare e mantenere il supporto sociale nei rapporti con la famiglia e gli amici. In ciascuna delle mie conferenze promuovo anche un’altra strategia essenziale di auto-cura: andare in terapia. Ma ho più volte notato che il mio suggerimento di terapia è quasi sempre accolto da un silenzio sbalordito, da persone che si muovono scomodamente sui loro sedili e da occhi deviati.

Ho incontrato molte persone che lavorano con popolazioni stressate – che si tratti di organizzazioni senza scopo di lucro, agenzie governative o non governative, ospedali, istituzioni religiose, primi soccorritori o nel campo della salute mentale o dell’istruzione – e hanno spesso incontrato la stessa risposta per quanto riguarda l’iscrizione alla terapia. Nello specifico, ho notato che i professionisti o gli studenti che sono orgogliosi di essere in prima linea nell’offrire aiuto alle popolazioni stressate si vergognano di cercare assistenza. Perché lo stigma verso la terapia?

Alla ricerca di una risposta a questa contraddizione, ho contattato il dott. Dan Lannin dell’Illinois State University e il professor Patrick Corrigan dell’Illinois Institute of Technology, due ricercatori incentrati sul tema dello stigma. La ricerca di Lannin si concentra sulle barriere psicologiche alla ricerca di assistenza sanitaria mentale. Una barriera importante è lo stigma sociale legato alla terapia, in quanto può suggerire una malattia mentale. Questo stigma sociale può provocare l’auto-stigma o l’interiorizzazione di stereotipi sociali negativi legati alla malattia e alla terapia mentale. Come ha spiegato Lannin, questi professionisti potrebbero rispondere a paure profonde di problemi di salute mentale e di voler prendere le distanze dalla paura di essere etichettati come “danneggiati” o “pazzi”. Questa paura è comprensibile, date le scoperte di Corrigan sul fatto che la società ha molti stereotipi, pregiudizi e discriminazioni riguardo alla malattia mentale.

Illinois State University

Dr. Dan Lannin

Fonte: Illinois State University

Lannin ha spiegato che studenti o professionisti che lavorano con popolazioni traumatizzate possono avere un conflitto a causa della loro identità o dei loro valori, “In particolare, è molto importante essere considerati di alto livello e competenti, avere un senso di status sociale. Ottenere aiuto potrebbe contraddire quei valori e obiettivi di vita. “Le persone che lavorano nel campo del trauma potrebbero scoprire che” i loro valori sono tirati in due direzioni: da una parte, vogliono essere compassionevoli verso gli altri, dall’altra parte, potrebbero aver bisogno di essere egoisti se vogliono concentrarsi sul proprio successo e quelle motivazioni potrebbero essere spinte e tirate “.

Eppure ci sono molte ragioni per frequentare la terapia che non hanno nulla a che fare con la malattia mentale o la patologia. La paura di un’etichetta o di un giudizio esterno può impedire ai professionisti di ottenere il supporto di cui hanno bisogno su un’ampia varietà di argomenti. Ad esempio, la terapia può essere il tempo e lo spazio per discutere delle questioni relazionali o familiari, esaminare vari aspetti della loro identità o elaborare eventi della loro gioventù. La terapia può essere una risorsa eccellente per fissare obiettivi personali e professionali, un ambiente efficace per l’autoesame o uno spazio per la guarigione. Per coloro che sono interessati a lavorare come terapista, si può imparare molto sulla relazione terapeutica, sia imparando i metodi di trattamento di altri terapeuti, sia affrontando la loro esperienza di lavoro con i pazienti. Inoltre, lavorare con le popolazioni che hanno subito traumi può essere molto stressante, ed è importante per i professionisti avere uno spazio sicuro in cui possono elaborare le loro esperienze lavorative e il loro stress di accompagnamento, stabilire i confini e combattere il burnout.

Illinois Institute of Technology

Professor Patrick Corrigan

Fonte: Illinois Institute of Technology

Lannin raccomanda che i seminari, le università, le aziende e le organizzazioni siano tolleranti, dimostrino gentilezza e si adoperino per “calmare la voce autocritica” dei propri allievi, studenti e dipendenti. Crede che in “istituzioni in cui stimiamo la salute mentale è vitale promuovere e modellare valori compassionevoli e parlare dell’importanza di essere compassionevoli verso gli altri”.

Per combattere il potenziale stigma della malattia mentale, Corrigan ha raccomandato di invitare “una persona con esperienza vissuta di malattia mentale e averli in classe come un rispettato coetaneo.” Esorta i professionisti a ricordare che “veniamo dall’empatia. Ecco dove è la nostra efficacia. ”

Lavorare con popolazioni traumatizzate può essere intenso, gratificante, stimolante ed eccitante. Ma lavorare con popolazioni traumatizzate quando si ha esperienza nella terapia può potenzialmente fare un’enorme differenza nella qualità del proprio lavoro professionale e della vita privata. Lo stigma di vedere un esperto di salute mentale non dovrebbe costituire una barriera all’autocura.

Credito d’immagine LinkedIn: Kiwis / Shutterstock

Riferimenti

Lannin, DG, Ludwikowski, WMA, Vogel, DL, Seidman, AJ, & Anello, K. (2018). Ridurre le barriere psicologiche alla terapia attraverso la contemplazione e l’autoaffermazione. Stigma e salute . Pubblicazione online anticipata. http://dx.doi.org/10.1037/sah0000139

Corrigan, P. (2004). Come lo stigma interferisce con l’assistenza sanitaria mentale. Psicologo americano, 59 (7), 614-625.

  • Settembre è il mese nazionale per la prevenzione del suicidio
  • Il ruolo della rabbia nella depressione
  • L'American College of Pediatricians è un gruppo anti-LGBT
  • 9 Raccomandazioni sulla prevenzione della violenza giovanile
  • Terapia psicodinamica 101
  • Durante i periodi stressanti, crea un giardino di gratitudine
  • Il potere del cervello positivo
  • Musica per creatività produttiva
  • Mangiare meglio può alleviare la depressione
  • Gli ebrei austriaci rispondono al nazismo, parte 3 di 3
  • Le persone ansiose sono in realtà estremamente intuitive
  • Rivisitare Tarasoff
  • Piccoli passi
  • Murales: detenuti e vittime del crimine creano insieme
  • Come i sintomi sono soluzioni
  • Non devi amare prima te stesso
  • Tutto ciò che è vecchio è di nuovo nuovo
  • L'autenticità porta alla felicità?
  • Lag Blues e uso di sostanze
  • No, il tuo chiropratico non è un assassino
  • Probabilmente non ti renderà felice
  • Perché lo stigma della malattia mentale persiste?
  • Sessualità Oggi nel film "The Perfect Vagina"
  • Serie di disintossicazione, parte 2: caffè
  • Ascoltare le voci dei nostri bambini - Più duro di quanto suoni
  • Come la vivida immaginazione può aiutare le persone a disimparare la paura
  • Essere un soggetto di Oliver Sacks
  • Stressato!
  • La tua schiena o collo fa male-cosa puoi fare?
  • Lust on the Loose
  • Livelli tonici di attività fisica stimola il tuo nervo vago
  • Lutto in pezzi
  • Le persone con ADHD possono davvero dire "Le menzogne ​​oneste"?
  • Genitori: Spot Vittime e Villiani nella tua famiglia
  • 10 idee che possono darti una vita sessuale migliore
  • Che cos'è "cibo medico" per l'ADHD?