Terapia di Slumdog

Ti sei mai chiesto perché il protagonista di un film o di un romanzo è definito il "personaggio" principale?

Forse è perché la maturità dei personaggi della persona è ciò che deve cambiare e crescere se deve mai esserci un lieto fine alla storia.

Scoprirai che quello che vediamo nel nuovo straordinario pluripremiato premio Oscar, The Millionaire, è il processo stesso di psicoterapia, illustrato in modo impeccabile.

Questo film è così pieno di simbolismo sulla crescita personale, la maturità, la mascolinità, la femminilità, il processo di terapia e la psicoanalisi che potremmo probabilmente parlare per mesi a riguardo.

Per quelli di voi che hanno avuto genitori assenti, genitori negligenti, genitori violenti, o il trauma della perdita di un genitore, per quelli di voi che provengono da ambienti svantaggiati, o sono stati vittime di pregiudizi o razzismo, il classismo – o addirittura gli è stato detto non sei educato o abbastanza alto per vivere come gli altri che amano la salute, il lavoro significativo o trovare l'amore – questo dramma è per te.

In realtà, il film è anche per la persona felice e di successo, e tutti in mezzo.

Sono passati vent'anni da quando studiavo all'estero a Mumbai, in India, e quando questo film mostrava la modernizzazione della città rappresentata nello stesso periodo – dalla tragedia di orfani volutamente zoppicanti e storpi, alla gioia e alla magia di un città e cultura così ricca di diversità, storie, arte e vita – non ho potuto fare a meno di essere stupita e sorpresa dal modo in cui il film insegna anche metaforicamente il valore della psicoterapia, la professione scelta decenni dopo aver vissuto quel posto.

Per quelli di voi che non conoscono Slumdog Millionaire, la storia è riassunta come segue:

"La storia di Jamal Malik, un orfano di 18 anni proveniente dai bassifondi di Mumbai, che sta per sperimentare il più grande giorno della sua vita. Con tutta la nazione che guarda, è solo una domanda lontano dal vincere uno strabiliante 20 milioni di rupie in India "Chi vuol essere milionario?" Ma quando lo spettacolo si interrompe per la notte, la polizia lo arresta con l'accusa di imbroglio; come può un bambino di strada sapere così tanto?

Nel disperato tentativo di provare la sua innocenza, Jamal racconta la storia della sua vita nella baraccopoli dove lui e suo fratello sono cresciuti, delle loro avventure insieme sulla strada, di incontri viziosi con bande locali e di Latika, la ragazza che amava e perdeva. Ogni capitolo della sua storia rivela la chiave per la risposta a una delle domande del gioco.

Ogni capitolo della storia sempre più stratificata di Jamal rivela dove ha appreso le risposte ai quiz apparentemente impossibili dello show. Ma una domanda rimane un mistero: che cosa sta facendo questo giovanotto senza un apparente desiderio di ricchezza nel gioco?

Quando il nuovo giorno si alza e Jamal torna a rispondere alla domanda finale, l'ispettore e sessanta milioni di spettatori stanno per scoprirlo.

Al centro della sua narrazione sta la domanda su come qualcuno viene a sapere le cose che sanno della vita e dell'amore ".

-Fox Searchlight

Come il film chiede all'inizio – un ragazzo e una ragazza poveri, ignoranti, orfani troveranno un giorno l'amore e il successo? La vita può essere "giusta" in termini di "kharma?" Una possibilità per noi di meditare è che "è scritto".

"Lavoro" contro "destino"

"È scritto", come molte opere di Alexandre Dumas, ci pone la domanda su quanto delle nostre vite siano "destino", "destinato" o "predestinato". Siamo davvero i maestri del nostro destino, il modo in cui ci piace pensare in Occidente, o siamo gettati al vento, inermi indifesi alla mercé della nostra genetica, delle nostre culture, delle nostre convinzioni e abitudini dei nostri genitori e di tutte le forze economiche e sociali dell'ambiente?

In terapia, ci piace pensare al primo e sforzarci di guidare il nostro destino attraverso il processo di perspicacia, maturità e crescita personale in generale.

Nel film, "è scritto" che il ragazzo incontra la ragazza, il ragazzo perde la ragazza, il ragazzo e la ragazza sono persi, e con sufficiente crescita e saggezza, ragazzo e ragazza si ritrovano, per la vita. Sì, anche da miserabili origini, povertà, guerra, carestia, orfani e ignoranti, possiamo trovare l'amore, il successo, la guarigione e la felicità.

Non è un destino magico, non una fortuna casuale. Dopotutto, un giorno, molti di noi sono letteralmente diventati orfani – i nostri genitori non sono più in giro per dare risposte confortanti dell'infanzia.

Invece di casualità o magia, è il tratto di curiosità su noi stessi e gli altri – la volontà di far maturare il carattere maturo dalle nostre interazioni – che ci aiuterà a trascendere la perdita dei nostri genitori e, un giorno, a trovare significato e soddisfazione nonostante il nostro stesso declino.

Il carattere è il destino

Nelle parole del filosofo, Epitteto, che una volta disse: "Il carattere è il destino".

Cosa significa esattamente questo – questo tipo di "destino"? E che cosa ha a che fare con la psicoterapia, la crescita e la maturità?

E se le nostre vite fossero una serie di scelte, alcune delle quali risultassero costruttive e benefiche, mentre altre risultassero distruttive nel loro effetto risultante su noi stessi e sugli altri.

I nostri "destini" nell'amore, nel lavoro e nella vita dipendono interamente non solo dalla qualità dell'ambiente in cui siamo nati, dalla genetica che abbiamo ereditato e dai tempi sociali, culturali ed economici con cui dobbiamo confrontarci, ma anche dal qualità delle nostre scelte specifiche nella vita.

Quelle scelte saranno sempre più "on the mark" più alto è il nostro livello di saggezza, rispettoso dei confini che teniamo, e più "consapevole" (o abile di ciò che alcuni terapeuti chiamerebbero "Osservare l'Io") noi avere. Pertanto, i modi più accurati e creativi che possiamo capitalizzare su tutto ciò che abbiamo imparato nelle esperienze della nostra vita fino ad ora, tutti raccolti in quella che potremmo chiamare "maturità di carattere".

Questo è il modo in cui il nostro sviluppo del personaggio è davvero il nostro destino, e quindi come il processo di psicoterapia del personaggio può davvero cambiare in modo permanente il proprio destino in meglio.

Capita anche di essere quello che il personaggio principale di Slumdog – Jamal – ci mostra letteralmente attraverso la sua storia. Perché, come Jamal finalmente impara attraverso i suoi orribili traumi e abusi, le sue perdite, i suoi sogni, i suoi desideri e quella che sembra solo una sciocchezza, lui – come noi – è lo scrittore e il narratore della storia della sua stessa vita – i traumi, i dolori, le gioie e le lezioni di cui sono il materiale fondamentale da cui facciamo oggi le nostre scelte di vita.

È chiamato a partecipare allo spettacolo più teletrasmesso nella storia indiana – a fare scelte una per una, ognuna più difficile della precedente, e il cui esito metterà tutto in gioco sulla vita. Le sue scelte determineranno se avrà successo materiale. Determineranno se troverà l'amore che ha desiderato per tutta la vita. E alla fine determineranno le risposte alle domande che tutti abbiamo bisogno di sapere:

  • È possibile uscire dal basso status economico?
  • È possibile superare un passato traumatico, o addirittura mettere a frutto le lezioni di questo, forse anche convertirle in forza?
  • L'amore è "destinato", in cui alcuni di noi sono semplicemente "non destinati ad essere" sposati, al sicuro in una storia d'amore, o si trovano tra le braccia di ciò che è stato definito "un'anima gemella?"
  • Siamo i padroni del nostro destino, o la vita è tutta una esperienza aleatoria su cui non abbiamo controllo?

Dato che il nucleo del film è in riferimento ai personaggi di The Three Musketeers, di Alexandre Dumas, e potrebbe quindi non sorprendervi che l'intero film sia una moderna rivisitazione della sua altra opera amata, The Count of Monte Cristo, il cui personaggio principale è stato più sfidato dal tratto caratteriale dell'ingenuità – una mancanza di saggezza da ragazzo la cui correzione lo ha portato fuori dalla prigione, dalla miseria e dal tradimento per trovare la giustizia personale e sociale.

Il personaggio costruisce la saggezza e le decisioni sagge costruiscono una vita

Nelle decisioni che prendiamo oggi, solo la saggezza delle lezioni del nostro passato ci vedrà attraverso in assenza dei testimoni mentoring delle nostre vite che sono i nostri genitori.

Se non ricordiamo quelle lezioni, se non abbiamo vissuto abbastanza vita, o vissuto "troppo sicuro" per tutto il tempo – o lasciare che le ferite ei traumi della vita ci abbattano invece di modellarli nelle chiavi del nostro futuro destino – allora tutto è veramente perso. Non possiamo crescere, non possiamo diventare adulti completi e non possiamo vincere i frutti di una vita di maturità, il destino felice che cerchiamo.

Domanda per domanda in una recensione della vita sul quiz, mentre viene interrogato e torturato (niente di nuovo) dalle guardie che lo accusano di imbrogliare, Jamal ha gli episodi della vita che hanno risposto alla domanda da 1000 rupie, alla domanda 100000 e al 5 milioni di domande sulla rupia.

Ma a questo punto anche le risposte date dal suo passato finiscono. Ora è da solo e deve operare con la sua intelligenza, trovando la risposta da 10 milioni di dollari nel presente, con solo ciò che osserva qui e ora.

Che è un ospite furbo, duplice ed edipico e geloso.

Aha! La risposta è l'esatto opposto del suo "suggerimento gratuito" – il dono del nuovo tratto caratteriale dell'intuizione o "astuzia" in Jamal. Come con Dumas 'Edmund Dantes, è la nuova crescita della saggezza mondana attraverso i suoi travagli che vengono raccolti per dare la vittoria a questo livello di domande della vita.

Così tante persone che hanno bisogno di terapia guardano involontariamente alle autorità "genitori di noi" – i nostri insegnanti, i datori di lavoro e persino i nostri governi – solo per essere deluse ancora e ancora.

Questo è l'ospite dello show milionario – l'autorità narcisistica che ci userebbe a suo vantaggio piuttosto che essere un vero mentore, beneficiario o figura genitoriale.

Proprio come nel gioco, le domande sulla vita reale diventano più difficili man mano che procediamo, con il prezzo e il premio ancora più alti, finché non scopriamo che la vita stessa è un insegnante, un genitore e un mentore.

Finalmente, infine, la domanda da 20 milioni di rupie, quella che il suo passato non aiuta (non si è fatto vedere quel giorno di scuola per la lettura dei Tre Moschettieri), e che non riesce nemmeno a capire con il suo ingegno attuale: " Chi è il terzo Muskeeter? "

Lui non lo sa, e non ne ha idea. Ma è disposto a rischiare tutto "solo perché", come una provocatoria dichiarazione di identità: "questo è il mio rischio, la mia vita e la mia risposta …" (anche se non ha certezze sul risultato futuro).

C'è una lezione per tutti noi in questo atteggiamento "solo perché"; per quanto incerto come sarà sempre il futuro, non possiamo fallire se non tradiamo la nostra identità, autonomia, libertà e valore.

Il "Destino" del personaggio ha un passato, un presente e un'influenza futura

Tre frasi dimostrano che Jamal si è scontrato contro l'ospite storto e ha segnato la sua crescita, proprio come si potrebbe trovare in psicoterapia:

  1. The Past: "Jamal, sei veramente da solo ora", dice l'host.
    "Sì, lo so, e non conosco la risposta", risponde il ragazzo.
  2. Il presente: "Jamal, vuoi giocare? O pagare? ", Dice l'host.
    "Io voglio giocare. Sì, anche se non conosco la risposta, "dice il ragazzo.
  3. Il futuro: "Jamal, stai dicendo che potresti andare via con i soldi finora, ma non sai la risposta, e giocheranno comunque? PERCHE '? "Dice l'host.
    "Solo perché," dice il ragazzo. "La risposta finale è 'a'. – solo perché. Sto giocando a "A". solo perché. Il terzo moschettiere deve essere Aramis. "

E come avrebbe voluto il "destino", questa è la risposta giusta.

Sento questi tre principi del film:

  1. Avere un'agenzia personale – per rendersi conto di essere da solo e accettarlo, assumendo le redini della responsabilità personale e della responsabilità. Dove il tuo passato può funzionare per te e essere guarito.
  2. Per "giocare", non "pagare" – per non svenire – per accettare di giocare al gioco della vita, per fare una scelta anche se a volte non si conoscono le risposte su alcune delle scelte difficili della vita. Per vivere nel presente , potenziato dalla sua immediatezza.
  3. Dare il proprio auto-permesso – fare scelte "solo perché". … essere disposti a fare delle scelte comunque, anche quando non si sa quale sia la via futura più sicura, il modo sicuro inconoscibile. Affrontare un rischio che sembra giusto, anche senza il permesso di amici, genitori o "autorità" come lo show host.

… queste sono le chiavi del successo di Jamal e Latika nel trovare l'amore e la ricchezza, vivendo la vita da veri adulti, che hanno estratto le loro lezioni di vita per le risposte d'oro – anche al punto che ne sono usciti.

Alla persona in terapia, ti rapporti con un mondo di persone una volta che lasci l'ufficio terapia – alcune persone che ti favoriscono, ti aiutano e ti desiderano, alcuni che lavorano attivamente contro di te, manipolano, ingannano, prendono l'opportunità da te, o ti uso per i loro scopi, e altri ancora a cui davvero non importa in alcun modo. Ma la forza benevola là fuori non è il mondo stesso.

È come ti tratti in quel mondo su cui puoi fare affidamento, e anche il terapeuta non può farlo per te.

Tu, il narratore della tua vita

Non importa quanto tu sia stato giù, quali orrori hai visto, quanti fallimenti hai avuto o hai rischiato e perso tutto, come solo sei stato o senza amore – l'anima gemella che hai voluto per tutta la vita – solo da solo , gioca, fai le scelte e sai che il tuo passato sorgerà per darti le risposte di oggi. Pollici alla volta, la nuova crescita del personaggio – una saggezza matura dell'esperienza della vita ti vedrà in futuro.

La terapia può accelerare la strada. I premi sono tutto ciò che hai sempre desiderato. Attraverso le tue stesse scelte è così che scoprirai questo tipo di destino, in cui "è scritto".

Solo, scoprirai che in realtà sei lo scrittore.

Solutions Collecting From Web of "Terapia di Slumdog"