Teoria della motivazione temporale: formula o follia?

Una delle pubblicazioni più significative e recenti sulla procrastinazione è una metanalisi completa condotta da Piers Steel (Università di Calgary, Alberta) e pubblicata su Psychological Bulletin (2007). Questo documento è ben scritto e assolutamente da leggere per i miei studenti di tesi. Purtroppo, trovo che sia fuorviante, a causa della sua attenzione su un'equazione per spiegare la procrastinazione. Economisti e realisti ingenui non hanno bisogno di leggere.

Dato che il documento è una recensione recente di gran parte della letteratura sulla procrastinazione, riassumerò gli aspetti di questo articolo nei post dei blog a venire. Ad esempio, il Dr. Steel identifica chiaramente una serie di variabili importanti fortemente correlate alla procrastinazione come: autoefficacia, bisogno di successo, propensione alla noia, distraibilità, impulsività, autocontrollo e organizzazione. Ognuno di questi merita attenzione e ci arriveremo.

Il mio focus oggi è sull'espressione della Temporal Motivation Theory (TMT) come un'equazione che il Dr. Steel propone per spiegare la procrastinazione. TMT tenta di sintetizzare formulazioni motivazionali consolidate con un focus specifico sul tempo. In breve, la teoria integra due idee, la teoria dell'aspettativa e lo sconto iperbolico, in 4 variabili:

1. siamo più propensi a fare cose a cui ci aspettiamo di avere successo (E) e apprezziamo (V), e

2. In genere, scartiamo i premi futuri a favore di premi immediati (D) che sono moderati dalla nostra tolleranza o ritardo alla sensibilità (Γ).

Presi insieme, queste variabili nell'espressione, E x V / Γ x D, predicono quanto sia desiderabile un compito o una scelta per un individuo (definito come "utilità" = U). Tutto ciò ha senso, almeno in linea di principio, come integrazione di una serie di concetti legati alla nostra motivazione nel tempo.

Come il Dr. Steel spiega attraverso la sua revisione della letteratura, molte (ma non tutte) delle variabili che sono state trovate in relazione alla procrastinazione possono essere collegate alle variabili nell'equazione. Tuttavia, questi collegamenti e l'applicazione di questa equazione alla comprensione del comportamento umano fanno affidamento su molte ipotesi. Faccio eccezione alle ipotesi sull'applicazione di questa teoria.

    Prenderò un'ipotesi come esempio. Nel grafico nel diagramma sopra, la linea orizzontale rappresenta l'utilità di "socializzare", mentre l'utilità di "scrivere un saggio" (un'attività tipicamente associata alla procrastinazione accademica) è rappresentata dalla linea iperbolica e curva sul grafico. L'ipotesi è che socializzare abbia un'utilità fissa. Credo, come fanno i miei studenti, che questo non riflette la realtà.

    Come presentato nel grafico, questa assunzione di un'utilità fissa per socializzare fa sì che l'equazione e la teoria si adattino bene alla nostra esperienza. Vediamo il desiderio (motivazione) per la scrittura di saggi superare (intersecare) il desiderio di socializzazione in ritardo sulla linea del tempo, riflettendo la nostra esperienza di sforzi di fine periodo.

    Più realisticamente, ecco come potrebbe cambiare la socializzazione: una festa per venerdì sera è rimandata alla prossima settimana, riducendo notevolmente le aspettative di successo e il ritardo crescente, riducendo così l'utilità della socializzazione complessiva. Quindi, in quel particolare venerdì sera, l'utilità della socializzazione potrebbe scendere al di sotto del livello dell'utilità della scrittura di saggi. Senza il presupposto che la socializzazione rimane costante, la teoria dovrebbe ora prevedere che l'individuo inizi a lavorare sul saggio. Tuttavia, potremmo ancora non vedere la scrittura del saggio. In effetti, la mia esperienza e i miei studenti mi dicono che non lo faremmo. Ci sono più cose da considerare qui una volta rimossa l'ipotesi nel modello.

    Il punto è che i comportamenti umani complessi non sono meglio compresi da semplici equazioni o formule, sebbene le teorie che queste formule rappresentano possano essere utili nella nostra discussione sul comportamento. La ragione per cui questo è importante è che a volte scambiamo un'equazione matematica (in particolare quella che ci ricorda la fisica newtoniana) con la teoria e la comprensione reali. Iniziamo a credere che potremmo inserire numeri nell'equazione e predire il comportamento, o in questo caso procrastinare, proprio come possiamo prevedere la traiettoria di un proiettile. Sfortunatamente, questo non è vero tranne che per esempi eccessivamente limitati che dipendono da presupposti ingiustificati, come notato.

    La previsione del comportamento umano è analoga a qualcosa che i nostri maestri dell'asilo ci hanno detto anni fa: "Ognuno di noi è come un fiocco di neve". A questo proposito, la fisica moderna dei fiocchi di neve che incorpora la teoria del caos e comprende un fenomeno in termini non lineari, instabili le condizioni al contorno libero potrebbero servirci molto meglio di un'equazione come presentata in TMT.

    È interessante notare che un altro blogger di PT, Jesse Bering, ha pubblicato di recente sui due tipi di psicologi (vedi il blog "Quirky Little Things"). Come dice lui, ci sono quelli che entrano nella psicologia per aiutare gli altri e quelli che lavorano per spiegare gli altri. Aggiungo alla sua distinzione dicendo che anche quelli di noi che appartengono al campo "spiegano" (cioè gli psicologi della ricerca), non necessariamente concordano sul miglior approccio per fare queste affermazioni sulla conoscenza.

    Questo significa che credo che le persone non scontano i premi futuri o che non siamo motivati ​​a fare cose che apprezziamo e alle quali ci aspettiamo il successo? Affatto. Queste sono teorie ben fondate sul comportamento umano. Inoltre, le questioni temporali dei nostri progetti nel tempo devono essere prese in considerazione mentre esploriamo il modo in cui la nostra azione volontaria si rompe. Il problema è che queste teorie e variabili come espresse nell'equazione TMT non sono in grado di spiegare la procrastinazione, anche se la formula computazionale prevede tendenze generali nella popolazione.

    Come sottolinea il Dr. Steel nella sezione conclusiva del suo importante documento di revisione, "è necessaria una ricerca approfondita che esplorerà appieno la procrastinazione e le sue basi". Non potrei essere più d'accordo, e vorrei sostenere che non adottiamo un approccio troppo semplificato per fornendo una teoria unificante mentre andiamo avanti. Dobbiamo assicurarci di non confondere il partizionamento statistico della varianza o il prodotto matematico delle misure psicologiche come una comprensione del fenomeno o dell'individuo. Ma, sono io, e come ha notato il dottor Bering nella sua distinzione dei tipi di psicologi, potrebbe essere che siamo solo in campi diversi.

    Solutions Collecting From Web of "Teoria della motivazione temporale: formula o follia?"