Teoria del frame passivo: una nuova sintesi

Questo è il terzo di una serie di blog in tre parti riguardanti una discussione vivace e aperta – che coinvolge oltre 30 scienziati di spicco – riguardanti la coscienza e il cervello.

 PD
Fonte: Wikipedia: PD

Scienziati provenienti da diversi campi di studio, tra cui lo studio dell'olfatto, neuroscienza dei genitori, emozione, azione, psicopatologia, psicologia dello sviluppo, percezione e memoria, stanno partecipando a una discussione "aperta" sulla natura della coscienza e del cervello. Nello specifico, stanno discutendo il nuovo quadro teorico, la Teoria del telaio passivo, che è stato anche discusso in Time Magazine (vedi articoli originali qui, qui e qui).

L'approccio è "descrittivo", nel senso che tenta di capire come funziona il cervello in termini di come è stato progettato dalle forze evolutive. Questo è in contrasto con un approccio "normativo", che cerca di capire il cervello in termini di come i processi dovrebbero essere eseguiti.

Nel quadro, è accettato che vi sia un contrasto tra processi consci e inconsci. Questo contrasto sembra essere un contrasto "inevitabile", che si incontra in tutti i sottocampi dell'indagine in psicologia e neuroscienza. Ad esempio, nella ricerca sulla memoria, c'è il contrasto tra i processi "impliciti" (inconsci) e "espliciti" (coscienti), nella percezione c'è "subliminale" (inconscio) contro sovversale (cosciente), e nella ricerca d'azione c'è il contrasto tra processi controllati (consci) e automatici (inconsci). Se si cerca di capire il cervello attraverso un approccio descrittivo, allora il contrasto tra conscio e inconscio è in qualche modo inevitabile e deve essere spiegato.

La Teoria del Frame Passivo è unica in molti modi, incluso il fatto che si concentra sull'azione invece che sulla percezione, e sull'olfatto invece che sulla visione (l'approccio prevalente). Inoltre, invece di concentrarsi su fenomeni di alto livello (ad esempio, la risoluzione dei problemi), si concentra sul livello più basso possibile di elaborazione (es. Urgenze, nausea e percezione). L'approccio non intrattiene fenomeni come sintassi, nostalgia e composizione musicale.

 Public Domain
Fonte: Wikipedia: dominio pubblico

La struttura e l'architettura ritratta in essa è la sintesi di una manciata di teorie provenienti da campi di studio eterogenei. L'evidenza per il quadro è la prova collettiva per ciascuna di queste teorie (per il lettore interessato, alcune di queste teorie sono la teoria ideomotoria, l'ipotesi del sensorio, l'incapsulamento e PRISM [risposte parallele nel muscolo scheletrico]).

Unire insieme questa manciata di teorie in un unico quadro generale porta a nuove intuizioni. Inoltre, e soprattutto, la struttura è internamente coerente e tenta di spiegare tutto sulla coscienza, tranne ciò che lo scienziato Marr chiamava il "livello di implementazione" dell'analisi – cioè, come i neuroni istanziano gli stati coscienti. Tuttavia, il framework fornisce alcuni indizi su questo enigma (vedi qui).

La conclusione principale che risulta dalla sintesi è che, in breve, la coscienza è per ciò che nella vita quotidiana viene chiamata azione "volontaria", che è un termine non scientifico e omuncolare. (Il termine "volontario" è omuncolare perché suggerisce che c'è una piccola persona nel cervello che controlla le attività del cervello, che è come tentare di spiegare come funziona un tostapane dicendo che c'è un altro tostapane all'interno del tostapane.) Questa forma di l'azione è meglio interpretata come "azione integrata", come trattenere il respiro mentre si è sott'acqua. Il ruolo della coscienza risulta essere molto circoscritto, al servizio del sistema di produzione del muscolo scheletrico , che è al servizio del sistema nervoso somatico . (Il sistema nervoso somatico è spesso in contrasto con il sistema nervoso autonomo .)

La struttura rivela la maggior parte delle proprietà del "campo cosciente" (che significa tutto ciò di cui si è consapevoli in un determinato momento), compresa la prospettiva in prima persona e la nozione di omuncolo che apprende il campo (entrambe le quali nascono anche nei sogni), emergono direttamente dalle esigenze della selezione di azioni adattive (cioè, per quello che nella vita di tutti i giorni si chiama azione "volontaria"). A differenza di altri approcci, la Teoria dei fotogrammi passivi specifica quali integrazioni nel sistema nervoso richiedono la consapevolezza e quali no, che è un problema attuale e principale. La struttura spiega anche i dati soggettivi da (a) conflitti intersensoriali, (b) conflitti muscolari lisci, (c) conflitti scheletrici (es. Trattenendo il respiro). Spiega anche (d) perché uno è consapevole dei contenuti (ad esempio, le cose nel campo cosciente, come un impulso o un oggetto rosso) anche quando tali contenuti sono irrilevanti per altri contenuti o per l'azione in corso, e, soprattutto, (e) perché il muscolo scheletrico è l'unico muscolo "volontario".

La sintesi introduce nuove intuizioni controintuitive, intuizioni che non sarebbero sorte senza la messa insieme di una manciata di teorie. Qui ci sono solo sei delle intuizioni controintuitive, anche se ci sono più presentati nei documenti scientifici.

1. I contenuti coscienti influenzano solo i sistemi di azione (inconscie) e non i generatori di contenuto, cioè non i sistemi responsabili della creazione di percezioni e altre cose (ad es. Sollecitazioni) nella coscienza. In breve, i contenuti coscienti (ad esempio, una mela rossa e un impulso) sono "campionati" solo dai sistemi di azione, che sono inconsci. Questa è una forma di comunicazione unidirezionale.

2. I contenuti coscienti non possono influenzarsi l'un l'altro né nello stesso tempo né nel tempo, il che neutralizza la nozione quotidiana secondo cui un pensiero cosciente può condurre a un altro pensiero cosciente.

3. Un contenuto cosciente non "sa", in un certo senso, e non dovrebbe sapere, della sua rilevanza per l'azione in corso, per gli obiettivi di ordine superiore o per altri contenuti nel campo.

4. Anche se la coscienza non è "epifenomenica" (il che significa che non ha alcuna funzione) o onnipresente (ad esempio, come nel panpsichismo, che afferma che la coscienza è una proprietà di tutta la materia), il suo ruolo è molto più passivo e meno teleologico (es. meno propositivo) rispetto a quello di altri account. La struttura rivela che la coscienza ha poche parti mobili e nessuna memoria, nessun ragionamento o manipolazione di simboli. La coscienza fa la stessa cosa, più e più volte, per vari processi, facendo sembrare che faccia più di quanto non faccia. Quindi, la coscienza, nel tempo, sembra essere più flessibile di quello che è. La Teoria della Telaio Passivo rivela che gli stessi contenuti produrranno sempre la stessa azione volontaria, con la combinazione di contenuti che determinano esclusivamente ed esclusivamente la selezione di azioni volontarie. Sebbene la coscienza sia passiva, come una finestra, ciò che fornisce (inconscio) i sistemi di azione è essenziale per il comportamento adattivo.

5. Durante la selezione dell'azione, il campo funziona come unitario
entità in termini della sua influenza sul sistema di output scheletrico, un punto importante che rende discutibile il dibattito sul fatto che il campo cosciente debba essere considerato come un'entità unitaria o componenziale: i moduli relativi all'azione nel sistema di output scheletrico devono trattare, in termini di conseguenze funzionali, il mosaico dei contenuti nel campo cosciente come una cosa.

 PD
Fonte: Wikipedia: PD

6. Durante la selezione dell'azione, gli effetti di azione previsti (quale sarà l'azione espressa), l'azione reale
effetti ( l'aspetto reale dell'azione ) e le informazioni sull'ambiente immediato devono esistere come token comparabili in uno spazio decisionale comune, che è la "cornice" della Teoria dei fotogrammi passivi. Ad esempio, quando si sta per sollevare una tazza da caffè, l'immagine dell'azione prevista (da produrre) deve essere nello stesso formato dell'azione effettiva, per verificare se ci sono disallineamenti tra l'azione prevista e l'azione espressa. Ma questi due bit di informazione devono anche essere nello stesso formato delle informazioni sull'ambiente attuale, poiché potrebbero verificarsi cambiamenti dell'ultimo minuto in una linea d'azione dall'immissione di nuovi contenuti (ad esempio, una farfalla che atterra sul bordo della tazza da caffè ).

Quindi, sebbene la coscienza sia stata storicamente associata ai più alti livelli di elaborazione, qui si rivela che la coscienza deve avvenire al livello dell'elaborazione che è condivisa con quella delle rappresentazioni dell'ambiente esterno immediato (es. Stimoli visivi e olfattivi). Il campo cosciente è preoccupato di più, non del futuro o del passato, ma del presente immediato, lo scenario in cui deve svolgersi l'azione esplicita.

La Teoria dei Frame Passivi, sebbene basata in parte su idee consolidate provenienti da diversi campi di studio, è una romanzo sintesi che promuove la comprensione del ruolo di
stati coscienti in funzione nervosa. Cerca di ridefinire la natura della coscienza. Si può proporre che, se il cuore può essere concettualizzato come una pompa e il rene come un filtro, allora la coscienza potrebbe essere concettualizzata come una cornice composta da token (ad esempio, il colore viola, un odore o dolore) che sono in un comune formato, un formato che può essere campionato solo dai sistemi di azione del sistema di output scheletrico. È interessante notare che i meccanismi che generano i contenuti coscienti sono essi stessi inconsci, così come i meccanismi che rispondono ai contenuti (che sono meccanismi devoti che sono distinti dai generatori di contenuti).

 PD
Fonte: Wikipedia: PD

Come interfaccia di sorta per il sistema di azione, il campo cosciente consente la risposta a un dato contenuto nel campo per essere "incorniciato" dagli altri contenuti che compongono il campo in quel momento. Questa è chiamata "influenza collettiva", perché la selezione delle azioni è influenzata dai numerosi contenuti che compongono il campo. La base fisica dell'inquadratura associata alla coscienza è molto probabilmente diversa da qualsiasi cosa che attualmente comprendiamo.

Solutions Collecting From Web of "Teoria del frame passivo: una nuova sintesi"