Tentativi futili di trovare il "movente" alla base di alcuni reati

Dopo che un crimine è stato commesso, le forze dell'ordine e il pubblico in generale sono consumati dal desiderio di scoprire ciò che ha "motivato" il colpevole. Era avidità, vendetta, lussuria, radicalizzazione da parte di una fonte esterna o qualcos'altro che lo spingeva a commettere il crimine?

A volte, si può identificare ciò che sembra essere un movente. Ma di solito questo rivela poco del colpevole. Ad esempio, una persona che ruba una banca vuole i soldi. Tuttavia, alcuni criminali che rapinano le banche hanno un sacco di soldi. Alcuni ladri danno via i proventi del loro crimine. Non è necessariamente tutto per i soldi. Più importante è l'eccitazione e il potere di dominare un'altra persona o istituzione e di estrarre qualcosa di valore. Più denaro si ottiene, maggiore è il "successo" del crimine. I criminali "colletti bianchi" non hanno bisogno del denaro che ottengono frodando il loro datore di lavoro o gli investitori. Il loro comportamento è guidato da una ricerca di potere e controllo derivati ​​dall'ingannare gli altri e sfidare l'apprensione. Il modus operandi per i due criminali è diverso. Si prende denaro con la forza, puntando un'arma per minacciare la vita dei dipendenti o dei clienti della banca. L'altro usa la sua intelligenza e le sue abilità come un conman per raggiungere un obiettivo simile.

Nell'immediato dopo un crimine, c'è una speculazione su cosa fosse il "movente". In quasi tutti i casi, il perpetratore ha commesso altri reati, sebbene non sia stato arrestato. Nell'ultimo massacro (cioè, nella chiesa del Texas il 5 novembre 2017), gli investigatori hanno scoperto rapidamente che il tiratore è stato dimesso dal servizio militare per "cattiva condotta" legata alla violenza domestica. Indubbiamente, più saranno scoperti sulla sua personalità e carattere. Ma è improbabile che venga identificato un "movente" specifico che spieghi adeguatamente il suo comportamento.

Commettere un crimine, come qualsiasi altro comportamento, è un'espressione di chi è una persona. Un perpetratore di un crimine può provenire da qualsiasi contesto – istruzione universitaria o abbandono scolastico, qualsiasi razza, gruppo etnico, ricco o povero. Ciò che i trasgressori condividono sono schemi di pensiero che sono stati a lungo presenti. Per essere qualcuno nella vita, lottano per superare in astuzia e superare gli altri. Sono senza scrupoli su come lo fanno. Credono di essere superiori agli altri, che sono unici. Diventano irati quando le loro aspettative non realistiche non vengono soddisfatte. Pensano agli estremi. Sono il numero uno o non sono niente. Per sostenere la loro fragile immagine di sé, si impegnano in un comportamento che aumenterà il loro senso di essere potenti e in controllo con conseguente scia di carneficina.

Queste persone non annunciano le loro intenzioni. Più sono educati e hanno successo in sforzi legittimi, più è facile mascherare chi sono veramente.

I tentativi di identificare un motivo specifico sono generalmente futili. Più importante è identificare i modelli di pensiero che rivelano la composizione psicologica del perpetratore. I primi resoconti indicano che l'uomo che sparò ai fedeli in Texas nutriva un odio di vecchia data per la sua ex moglie e i suoi parenti acquisiti. Molti divorziati non amano profondamente il loro ex-coniuge e gli ex-in-law, ma non li uccidono. Cosa c'è di questo individuo che ha portato alla sua macellazione di una chiesa piena di persone innocenti? Sebbene possa essere possibile identificare un evento di "innesco", un'indagine approfondita è essenziale per capire la composizione psicologica della persona che esisteva molto tempo prima di commettere il crimine. Questo è molto più importante di un ipotetico "movente" che potrebbe celare più di quello che rivela.

Solutions Collecting From Web of "Tentativi futili di trovare il "movente" alla base di alcuni reati"