È tempo per una nuova struttura sul posto di lavoro?

Come tutte le cose "cattive" percepite che accadono nella vita, l'attuale recessione ci fornisce l'opportunità di rivalutare il funzionamento della nostra economia, delle imprese e del governo. Certo, la verità si sa, non c'è davvero niente come tempi brutti o bei tempi, ci sono solo momenti, periodo. È come percepiamo quei tempi e quali lezioni apprendiamo che possono fornire un grande stimolo per i cambiamenti di cui abbiamo bisogno nella nostra società e nelle nostre vite personali.

Il modo in cui abbiamo definito il luogo di lavoro è ancora valido? Abbiamo bisogno di visualizzare la scena solo ogni giorno, due volte al giorno, quando milioni di auto viaggiano per lunghe distanze al lavoro, con un costo estremo per la società in termini di espansione urbana, maggiore inquinamento, utilizzo di risorse non rinnovabili e aumento dello stress su individui e famiglie.

In un grande articolo del professore di Harvard, Rosabeth Moss Kanter, dal titolo "Stay Home and Work", sottolinea che l'84% della popolazione statunitense vive in 383 aree metropolitane. I lavori con il distretto centrale degli affari sono diminuiti, mentre i posti di lavoro nei sobborghi sono aumentati.

Sottolinea che questo tragitto giornaliero esige un costo elevato per la società, e se diventasse un pendolarismo scaglionato di quattro giorni a settimana per tutti, il 20% dei problemi di traffico svanirebbe.

Da quanto tempo lavora qualcuno e con che tipo di programma è stato giocato per anni. Sappiamo quando le persone possono scegliere quando lavorare e per quanto tempo, aumenta la produttività e consente ai lavoratori di affrontare meglio le esigenze familiari e personali.

Per molte famiglie a doppio reddito, essere in grado di lavorare a distanza dall'ufficio è un modo desiderabile per raggiungere l'equilibrio tra lavoro e vita privata. Molti dirigenti e professionisti testimoniano che sono più produttivi quando saltano fuori dal loro ufficio. Il drammatico aumento delle persone che iniziano la propria attività e che diventano in parte imprenditori deriva da un maggiore desiderio di controllare la propria vita lavorativa e di non essere sfruttato nella tipica settimana lavorativa di 8-5, 40 ore.

Rosabeth Moss Kanter osserva che la tecnologia rende il lavoro a distanza più fattibile. Le persone sono collegate 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in tutto il mondo, quindi le sedi e le operazioni degli uffici diventano sempre meno necessarie.

Quindi cosa ci trattiene dal riorganizzare il modo in cui il lavoro è strutturato? Non sono i nostri limiti tecnologici. Sono limitazioni umane. Senza una cultura di responsabilità, collaborazione, fiducia e responsabilità personale, il lavoro a distanza non funziona bene.

La risposta potrebbe risiedere nella creazione di nuove condizioni nelle organizzazioni legate all'ufficio, prima di avere la capacità di ristrutturare il lavoro. E questo richiede diversi tipi di leader e manager che non fanno affidamento sulla conformità faccia a faccia come metodo di supervisione. E abbiamo bisogno di andare oltre l'ingenuo assunto che avere un sacco di "mozziconi di sedute" – che dà l'impressione di un impegno – sia la produttività effettiva. Mettere in faccia in faccia non è più una misura valida del lavoro produttivo.

Ciò che è necessario ora è un riesame completo del paradigma della struttura di lavoro, dei processi di lavoro e delle metodologie di leadership per sviluppare un ambiente di lavoro più flessibile e produttivo.

Solutions Collecting From Web of "È tempo per una nuova struttura sul posto di lavoro?"