Tempo per una buona vita

L'autore principale è Katie Schultz *

Gary Eberle, nel suo libro, Sacred Time e Search for Meaning , descrive la graduale riduzione in schiavitù degli esseri umani dal tempo e dall'orologio, una macchina vuota, senz'anima ( chronos time). Dice che le nostre vite sembrano essere continuamente imbrigliate da questo "ritmo a scatti" di tecnologia, campane, allarmi e stress. Questi semplicemente vanno contro la direzione verso cui i nostri corpi vogliono fluire naturalmente. Ci svegliamo con un suono stridulo perché c'è lavoro da fare e orari da seguire. Mangiamo in determinati "orari del pranzo" non perché siamo affamati, ma perché è la fessura ritenuta accettabile dalla società in cui mangiare. Potete vedere questo atteggiamento nelle storie degli immigrati italiani appena arrivati ​​i cui capi li chiamavano "pigri" per andare a casa a mangiare e stare con le loro famiglie.

Essenzialmente, Eberle sottolinea che le nostre vite funzionano meccanicamente su una modalità pseudo-autopilota al fine di portare a termine il maggior numero di compiti in un giorno, perché nel mondo di oggi il successo è dettato dall'orologio – più le cose vengono controllate dall'elenco in un giorno, meglio è. Ma mentre la gente ha sempre più voglia di fare di più, perde la quantità limitata che viene data, creando una "carestia nel tempo". Gli eventi che dovrebbero essere gustati sono affrettati, che si tratti di pasti, riti spirituali, interazioni faccia a faccia. Tutto è sacrificato per fare le cose e lavorare per raggiungere l'agognato "tempo libero". Ma poi, ironia della sorte, questi preziosi momenti del tempo libero, che dovrebbe essere il nostro "tempo sacro", vengono sprecati nel fare cose come le faccende domestiche. Siamo ciechi al fatto che la vita ci sta passando.

Perché è emersa questa ossessione per il tempo di Chronos? In passato, il tempo era misurato da generazioni e l'umanità risiedeva in una piccola bolla accogliente in cui un uomo poteva andare da 35 a 40 generazioni ai primi umani della Bibbia e in breve c'era l'umanità. Piccolo. Comprensibile. Immaginabile. Ma poi quando, tra le altre cose, la geologia è arrivata con i suoi studi sugli strati della terra e la scienza moderna proclama che la Terra potrebbe effettivamente avere miliardi di anni, siamo stati lasciati alle prese con il minuscolo posto che occupiamo su questo pianeta e quanto è fugace il nostro tempo qui . Il nostro mondo divenne impersonale e, secondo Eberle, fece sì che l'umanità ignorasse il passato in un'ignoranza falsamente beata e si concentrasse arrogantemente sul futuro, mancando il presente.

Ad essere sinceri, la vista di Eberle mi spaventa. Mi afferra e mi trascina perché spesso mi trovo a correre attraverso le esperienze in cui dovrei divertirsi e poi a rimpiangerlo. In effetti, mi sento come se il rimpianto fosse un enorme sottoprodotto di questa ossessione del tempo corrente. Mentre affronto un pasto raro con mia nonna perché sono così preoccupato delle pressioni e delle scadenze insormontabili della mia vita. So che i miei pensieri e la mancanza di attenzione piena e devota sono sbagliati, eppure lo faccio comunque. Il buco nel mio stomaco è reale e il senso di colpa che provo nel correre un abbraccio con lei è un piercing, ma lo faccio comunque perché è quello che è il nostro mondo e questo è ciò che richiede per avere successo – giorni sovraffollati e stressanti " Ho ancora x, y e z per fare "notti".

Il problema ha raggiunto proporzioni epidemiche e per quanto insignificante possa essere, scegliere di meditare piuttosto che ricorrere a lampi di pixel dirompenti per il rilassamento potrebbe creare un mondo di differenza. Anche se ero consapevole della mia ossessione colpevole con l'orologio, prima di leggere Eberle non mi rendevo conto di quali effetti dannosi avrebbe potuto avere un'ossessione. Tuttavia, quando Eberle afferma quanto bloccato nel traffico, in ritardo per un incontro, prima che sorga il sole, siamo già arrabbiati e stressati, questo mi fa ripensare se un'agenda stipata sia il modo migliore per vivere la propria vita.

Forse abbiamo bisogno di cambiare la nostra definizione di successo. In passato, prima che il nostro mondo fosse allevato per l'efficienza, le persone passavano il tempo e si divertivano nella passione per le loro attività come scolpire, dipingere e comporre. Nel mondo di oggi, tuttavia, gli artisti sono messi in un programma scoraggiante per finire con fretta, per timore di perdere la comunione e il loro sostentamento. In questo modo la creatività è soffocata sotto una tirannia di minuti e secondi. Purtroppo, come citato da Eberle, questo si è esteso all'aula scolastica in cui l'orologio impone quanto tempo i bambini devono imparare la storia o dipingere un quadro! Questo è assurdo! Se un bambino ha un momento di passione per un soggetto, un momento di illuminazione in una classe non può essere continuato perché la campana ha suonato. Scusate. Il tempo è finito.

Infine, mi rimangono diverse domande:

  • Perché l'umanità sta seguendo un'entità intangibile in opposizione a quella fisica e manifesta? Il tempo e l'orologio sono costruzioni sociali – non esistono realmente. Perché non ascoltiamo semplicemente i nostri corpi quando siamo affamati o ci alziamo con la luce del sole?
  • La pressione che l'orologio pone su di noi limita la nostra creatività? Per esempio, le grandi opere di Bach, Mozart, Da Vinci – tutte queste sono state create prima che l'ossessione del tempo fosse veramente implosa. Oggi non vediamo opere dello stesso calibro.
  • Sarebbe possibile mantenere il nostro mondo di lussi e beni facilmente accessibili se l'orologio ha perso il suo trono? Ma forse, non avremmo bisogno di loro se un simile mondo venisse ad essere.

E, suggeriamo diversi rimedi per quelli catturati in crono tempo:

  • Rimuovi qualsiasi dispositivo temporale dalle tue immediate vicinanze per diverse ore una volta ogni tanto e segui il tuo tempo naturale.
  • Spegni i social media per un giorno, una volta alla settimana.
  • Non sprecare il presente contando i giorni fino a un evento futuro.
  • Goditi il ​​momento presente.
  • Prendi il tempo di respirare profondamente e senti dove sei.
  • Riconoscere il mondo naturale intorno a te.
  • Mentalmente metti da parte le tue preoccupazioni quando hai la possibilità di trascorrere del tempo con la nonna o chiunque altro tu ami.

Riferimento

Eberle, G. (2000). Tempo sacro e ricerca del significato . Boston, MA: Shambhala.

* Katie Schultz è una studentessa dell'Università di Notre Dame nell'Indiana, USA

Solutions Collecting From Web of "Tempo per una buona vita"