È tempo di legalizzare la marijuana: una prospettiva di salute pubblica

J W Boyd
Fonte: JW Boyd

di Nikhil "Sunny" Patel, MD, MPH e J. Wesley Boyd, MD, PhD

La riforma della marijuana è in fase di ballottaggio in numerosi stati degli Stati Uniti e, come medici e cittadini, riteniamo che dovrebbe essere pienamente legalizzata.

La marijuana è più sicura del tabacco o dell'alcool, ma ciò non ha impedito alle industrie del tabacco e dell'alcol di allinearsi contro la legalizzazione della cannabis. Apparentemente queste industrie considerano la marijuana come un concorrente diretto. La realtà è che la marijuana è più sicura dal punto di vista della salute: il tabacco è il più grande assassino di gran lunga, facendo più di 1000 americani al giorno. E l'alcol è il nostro terzo più grande assassino sia attraverso i suoi diretti effetti avversi sulla salute, ma anche da guidatori ubriachi o combattimenti e abusi alimentati ad alcol.

La marijuana è anche più sicura da una prospettiva di dipendenza: le migliori stime sono che il 9% degli utenti di marijuana sono dipendenti. Questo è inferiore al numero di utenti di tabacco (32%) o di alcol (circa il 10-15%) che diventano dipendenti da tali sostanze.

Ma queste non sono le uniche industrie che si sono schierate contro la legalizzazione. L'industria farmaceutica è inoltre fermamente contraria alla legalizzazione della marijuana e uno studio pubblicato di recente mostra perché. Lo studio, pubblicato su Health Affairs, ha rilevato che in quegli stati che approvavano la legislazione sulla marijuana medica, vi erano riduzioni significative delle prescrizioni per il trattamento di una serie di disturbi, tra cui ansia, depressione, nausea e disturbi del sonno. Inoltre, ci sono state drastiche riduzioni del numero di prescrizioni scritte per gli analgesici.

Dato che 3 su 5 individui che overdose di oppiacei hanno prescrizioni legittime per il dolore, sospettiamo fortemente che il numero di decessi per overdose di oppiacei diminuirà se il Massachusetts legalizza la marijuana. In effetti, tre recenti studi hanno dimostrato che negli Stati in cui la marijuana medica è legale, le dosi eccessive di oppioidi diminuiscono. E uno degli studi ha scoperto che la marijuana più lunga era legale, maggiore era il declino delle overdose.

Questi dati illustrano perché quell'industria abbia più volte combattuto un crescente accesso alla cannabis, e anche perché la grande industria farmaceutica abbia incanalato denaro verso eminenti psichiatri accademici per esprimere opposizione alla legalizzazione della marijuana.

Le società farmaceutiche, alcoliche e del tabacco hanno un altro grande alleato nella lotta contro la legalizzazione della marijuana: il sistema carcerario privato a scopo di lucro. La ragione della loro opposizione è ovvia. Legalizza la cannabis e improvvisamente ci saranno molte meno persone, in modo schiacciante e sproporzionatamente minoritario, ingabbiate nelle nostre carceri e prigioni.

Non puoi dire tutto su qualcuno sapendo chi sono i loro nemici, ma puoi imparare un po '. Le forze schierate contro la legalizzazione della marijuana – inclusi importanti medici accademici – dovrebbero essere messe in discussione e i loro veri motivi esposti.

Questo non vuol dire che crediamo che la marijuana sia innocua. L'uso pesante può rappresentare un rischio reale per alcuni utenti, in particolare adolescenti e altri utenti più giovani, i cui cervelli in via di sviluppo sono influenzati negativamente dall'uso di marijuana, ma non pensiamo che legalizzare la marijuana possa causare aumenti nell'uso.

Perché? Si consideri il caso del Portogallo, dove l'uso di droghe è stato depenalizzato nel 2001. Successivamente, invece di essere gettato in prigione, ai tossicodipendenti è stato offerto l'accesso a cure e riabilitazione. Il risultato è stato che un decennio dopo, l'abuso di droghe è stato dimezzato. E in particolare tra gli adolescenti portoghesi tra il 10 e il 12, i tassi di prevalenza nell'arco della vita della marijuana sono diminuiti dal 26% nel 2001 al 19% nel 2006. I primi dati del Colorado e dell'Oregon, dove la marijuana è completamente legale da diversi anni, mostrano simili i risultati, dato che l'uso di marijuana tra gli adolescenti in quegli stati ha continuato la lenta diminuzione iniziata prima che la marijuana fosse legalizzata.

Il fatto è che, se è legalizzato o no, i bambini che sono così inclini continueranno a usare la cannabis. Vogliamo davvero che quei ragazzi continuino a vedere la polizia come un nemico, come una forza da evitare? Vogliamo davvero imprigionare chi viene sorpreso a fumare?

Quindi, per una pletora di ragioni, sosteniamo la piena legalizzazione della marijuana. Non vi è alcun motivo legittimo per cui dovrebbe essere illegale se il tabacco e l'alcool non lo sono. È anche molto probabile che legalizzare la marijuana ridurrà i costi collettivi del nostro paese per i prodotti farmaceutici e ridurrà anche il numero di overdosi da oppioidi.

Probabilmente è solo una questione di tempo prima che la marijuana sia completamente legale negli Stati Uniti. Dovremmo accettarlo tutti, votare per la legalizzazione ora, tassare la marijuana, controllarne la distribuzione ed educare il pubblico sui pericoli di un uso eccessivo, specialmente tra i giovani.

Nikhil "Sunny" Patel è un collega clinico, Dipartimento di Psichiatria, Cambridge Health Alliance / Harvard Medical School

Solutions Collecting From Web of "È tempo di legalizzare la marijuana: una prospettiva di salute pubblica"