Tecnologia: presa nella 'rete

Se hai seguito i post sui blog relativi alla tecnologia negli ultimi anni (se non l'hai fatto, puoi raggiungerlo qui), sai che ho delle vere preoccupazioni e quello che considero un sano scetticismo sull'impatto di nuove tecnologie e social media sulle persone, in particolare i loro più grandi consumatori, i bambini e i giovani. So che posso incontrarmi come un luddista o un vecchio fuddy-duddy, ma in realtà non sono né l'uno né l'altro. Anche se sono troppo vecchio per essere un "nativo digitale", sono certamente un "trapianto digitale" di lunga data, "completamente dipendente dalla tecnologia per il mio lavoro e anche cercando di tenere il passo con la curva tecnologica utilizzando attivamente Facebook, Twitter e Youtube. E sì, come tanti digiterati, anch'io ho difficoltà a trovare un equilibrio tra l'essere connesso e scollegato.

Detto questo, un recente studio internazionale (più di 1000 studenti provenienti da dieci paesi di cinque continenti) che ha chiesto agli studenti di disconnettersi dalla tecnologia per 24 ore ha rivelato risultati e intuizioni sorprendenti, inquietanti, che fanno riflettere e solo un po 'speranzosi. Solo per darti un assaggio dei risultati, gli aggettivi più frequentemente associati a questo periodo di disconnessione erano dipendenza, fallimento, noia, confusione, angoscia, solitudine, ansia e depressione; non un buon descrittore nel gruppo. In una nota positiva, circa il 25 percento del campione ha effettivamente visto i vantaggi dello scollegamento. Ecco alcune delle conclusioni più convincenti.

La dipendenza era il descrittore più utilizzato della moratoria di un giorno sulla tecnologia. Sebbene ci sia un considerevole dibattito nel campo della salute mentale sul fatto che la dipendenza dalla tecnologia sia una vera dipendenza, come l'alcol, la droga o il sesso, le espressioni degli studenti del loro bisogno di essere collegate sembrano certamente una dipendenza (e se sembra un'anatra e sembra un'anatra, probabilmente è un'anatra). Non solo hanno perso le funzioni che la tecnologia offriva, ad esempio, inviare messaggi di testo, navigare sul Web e ascoltare musica, ma in realtà desideravano i dispositivi stessi. Ha detto uno studente inglese, "Media è la mia droga; senza di esso ero perso. Sono un tossicodipendente. Come potrei sopravvivere 24 ore senza di esso? "Aggiunse uno studente americano," Dopo aver vissuto questa terribile 24 ore, mi resi conto che la nostra ossessione per i media è quasi spaventosa. Non potrei nemmeno cominciare ad immaginare il mondo se fosse privo di media ".

Non sorprendentemente, data la relazione apparentemente malsana degli studenti con la tecnologia e i social media, una "chiara maggioranza" non è stata in grado di durare per 24 ore scollegata. Lo studio ha rivelato il ruolo indispensabile che la tecnologia ora svolge negli studenti e, per estensione, in tutte le nostre vite. Uno studente cileno urla: "Non ho usato il mio cellulare tutta la notte. E 'stata una giornata difficile … una giornata orribile. Dopo questo, NON POSSO VIVERE SENZA MEDIA! "Come per molti aspetti della nostra cultura popolare, i giovani (e molti adulti) sembrano aver perso di vista cosa significhi" bisogno ". Le persone possono davvero, davvero, davvero vogliono il loro smartphone, lettore mp3 o tablet, ma io tendo a vedere il bisogno in relazione al cibo, all'acqua e al riparo.

La tecnologia sembra spostarsi da uno strumento a cui le persone usano, come suggerisce lo studio, qualcosa che è parte di ciò che siamo, un elemento della nostra identità e del nostro sé, quasi come se stessimo diventando cyborg senza l'impianto. Separati dalla loro tecnologia, molti studenti si descrivevano come sentirsi persi, incompleti, confusi. Uno studente del Libano ha dichiarato: "L'idea del mio telefono mi è saltata in mente. Non ero desideroso di inviare messaggi o di chiamare nessuno, ero più desideroso di "vedere" il mio telefono di fronte a me.

L'astensione dai media ha rivelato una solitudine non riconosciuta tra gli studenti che hanno partecipato allo studio. Non solo si rendevano conto di quanto fossero superficiali le loro relazioni quando erano mediate dalla tecnologia, ma che la loro relazione più profonda era con la loro tecnologia. "Tutto quello che volevo fare era riprendere il mio telefono e diventare di nuovo parte della razza umana", ha detto uno studente con sede nel Regno Unito (non perdetevi l'ironia di questa affermazione).

Anche i limiti delle informazioni impostate da messaggi di testo e tweet (qualcuno ha detto 140 caratteri?) Diventano la profondità predefinita di tali informazioni. Lo studio ha rilevato che la costante inondazione di informazioni che fluiscono attraverso la tecnologia e i social media impedisce alla maggior parte degli studenti di avere il tempo o l'interesse di leggere oltre i titoli dei giornali. Qual è l'esito possibile di questa conoscenza superficiale del mondo? Bene, che ne pensate di una cittadinanza scarsamente informata incapace di afferrare e prendere decisioni ragionate sulle complesse questioni con cui saranno affrontate nelle loro vite.

Lo studio ha mostrato quanto studenti incredibilmente annoiati non avessero la tecnologia per intrattenerli e molti hanno avuto difficoltà a trovare il modo di riempire il loro tempo. Ha detto un altro studente cileno, "Ho iniziato a pensare a cose da fare senza i media, e ho scoperto che in realtà non potevo pensare a molti." Un aspetto problematico di questa noia è che la dipendenza dalla tecnologia potrebbe essere causa di questa generazione iniziativa e immaginazione.

E proprio così non finisco questo post su una nota così negativa, c'è un piccolo raggio di ottimismo che è venuto fuori da questa ricerca. Molti studenti nello studio hanno trovato le 24 ore di disconnessione come apripista e sveglia. Molti sono rimasti scioccati nell'apprendere quanto tempo dedicassero effettivamente alla tecnologia e ai social media. Hanno anche notato come la qualità e la profondità delle loro relazioni siano migliorate mentre sono scollegate. Ho scritto uno studente messicano: "Ho interagito con i miei genitori più del solito. Ho sentito completamente quello che mi hanno detto senza essere distratto. "

Altri hanno imparato che potevano davvero godersi la vita senza il guinzaglio della tecnologia. Ha detto uno studente americano: "Ho vissuto con le stesse persone per tre anni, sono i miei migliori amici e penso che questo sia uno dei giorni migliori che abbiamo passato insieme. Sono stato in grado di vederli davvero, senza distrazioni, e siamo stati in grado di tornare ai piaceri semplici. "

Anche la vacanza di un giorno dal cyberspazio ha messo in prospettiva il suo uso. Un altro studente messicano ha osservato acutamente: "I media ci mettono vicino alle persone che sono lontane, ma ci separano da quelli che si trovano nelle vicinanze".

È importante sottolineare che un certo numero di studenti ha imparato che in realtà non hanno bisogno della tecnologia e potrebbero, di fatto, sopravvivere senza di essa. In effetti, alcuni studenti hanno vissuto un momento trascendentale in cui, per quella giornata sconnessa, hanno percorso la via della quiete e della calma e hanno visto che c'era molto da guadagnare dal disinnestare la tecnologia e collegarsi alla vita. Ha detto un altro studente americano, "Sono diventato più consapevole con i miei pensieri. Mi sono reso conto che forse è importante disconnettersi ogni tanto e lasciare che il tuo cervello ti ricordi ".

Se fossi un vero cinico, probabilmente direi: "Vedremo quanto tempo durerà quell'epifania dopo averlo ricollegato alla 'Matrix'".

Ma, in quanto cauto ottimista, concluderò dicendo: "Ah, la speranza nasce eterna …"

Solutions Collecting From Web of "Tecnologia: presa nella 'rete"