Tecnologia: NEI è il nuovo TMI

Uno dei diritti più amati dell'America è il diritto alla privacy dei cittadini, come ha osservato l'ex giudice della Corte Suprema Harry Blackmun, "il diritto di essere lasciati soli". Le passioni sono suscitate da dibattiti sul diritto alla privacy ed è diventata una patata bollente politica in negli ultimi anni a causa in parte delle controversie relative alle intercettazioni domestiche, del furto di identità e del data mining su Internet. Eppure in questi giorni, una fetta crescente dell'America, per lo più giovane e esperta di tecnologia, non solo non si preoccupa della loro privacy, ma evita attivamente tale diritto. Sembrano credere nella NEI (Never On Information) piuttosto che nella più familiare TMI (Too Much Information, per coloro che sono stati appena salvati da un'isola deserta).

Questo desiderio da parte dei giovani di essere un "libro aperto" è iniziato nei tempi antichi del ventesimo secolo (e probabilmente molto prima) quando la forma dominante dei media era la televisione. Spettacoli basati sulla realtà, come il Real World e il Grande Fratello di MTV, in cui le vite dei giovani venivano trasmesse per tutto il mondo, erano i protettori del movimento di oggi a rendere la vita in modo imbarazzante. La crescente ondata di social media che si rivolge a NEI ha incluso MySpace, Facebook, YouTube e Twitter, e ora sta spingendo la busta I-don't-care-about-privacy con Google Latitude, Foursquare, Blippy e DailyBooth.

Perché il passaggio dalla privacy alla pubblicità? Che cosa sta motivando le persone a voler condividere le informazioni su di loro che è, nel migliore dei casi, di scarso interesse o valore per gli altri e, nel peggiore dei casi, potrebbe essere usato contro di loro (pensate a slogan su Facebook ubriachi e foto imbarazzanti)? Potrei sostenere che si tratta semplicemente dell'estensione naturale della propria comunità (la famiglia e gli amici condividono tutto, giusto?) Concedendoci dai lunghi tentacoli del Web e dei social media. Ma sono troppo cinico per le motivazioni e le nuove tecnologie delle persone ad accettare una logica così positiva per questo comportamento. Vedo diverse possibili spiegazioni che si concentrano sia sul mondo in evoluzione in cui viviamo, sia su come ci sentiamo riguardo a detto mondo.

Nonostante le apparenze contrarie, il declino della famiglia nucleare e del vicinato, l'emigrazione di massa causata dalla mobilità del lavoro e la perdita di unità nazionale dovute alla polarizzazione politica hanno fatto sì che molti di noi si sentissero più sostanzialmente disconnessi che mai. I social media e la capacità di condividere noi stessi così completamente ci fanno sentire in contatto con gli altri, per quanto superficiale possa essere questa connessione.

Viviamo in un'epoca di tremenda ambiguità e flusso. L'economia incerta, l'instabilità globale e l'instabilità politica possono far sì che l'uso si senta impotente. Quando condividiamo informazioni su noi stessi e crediamo che gli altri la trovino utile, ci sentiamo stimati, importanti, influenti.

È abbastanza facile sentirsi insignificanti in questo mondo di tutti gli altri, sembra essere ricco e famoso. Quando condividiamo informazioni, sia un commento su un post di blog, la nostra posizione, la nostra opinione su Amazon, o ciò che acquistiamo su Blippy, dimostra che esistiamo, che contiamo, che siamo, letteralmente e metaforicamente, un punto riconoscibile su la mappa.

Questo fenomeno NEI potrebbe essere spiegato dall'aumento del narcisismo tra i giovani di questi tempi favorito da una cultura popolare di "è tutto su di me", dove l'importanza di sé, l'auto-promozione e l'esibizionismo sono la strada per essere "qualcuno". Dico qualcosa di più di Jersey Shore?

Viviamo anche in un mondo che è diventato più impersonale mentre la dimensione del Web si è espansa in modo esponenziale. Quando condividiamo molto con noi stessi, proviamo un senso di intimità (per quanto falso possa essere), nonostante non sveliamo nulla di reale conseguenza su noi stessi.

E l'ossessione della nostra cultura per ciò che è insignificante e irrilevante? Forse la triviata è il nuovo oppio delle masse, che ci impedisce di dover affrontare il vuoto esistenziale che esiste nelle nostre anime e il mondo spaventoso che esiste al di là della nostra comprensione.

Qualunque sia la spiegazione per l'ascesa di questo movimento NEI, ci sarà sempre qualcuno che crede veramente in TMI e ci ricorda che la condivisione delle informazioni non ha davvero nulla a che fare con chi siamo o il nostro posto nel mondo. Pleaserobme.com (motto: sensibilizzazione sull'eccesso di condivisione), ad esempio, ha pubblicato informazioni sulla posizione di Foursquare che mostrano quando le persone sono lontane dalle loro case. Come suggerisce il nome del sito, gli aspiranti ladri possono semplicemente collegarsi e non solo hanno un tempo facile alleviare questi credenti NEI dei loro beni terreni, ma anche ricordare loro in un modo molto reale che realmente esistono e lo fanno davvero significa qualcosa per qualcuno.

Solutions Collecting From Web of "Tecnologia: NEI è il nuovo TMI"