Tecnologia: l'evoluzione della connettività

Hai mai pensato a quanto siamo arrivati ​​nella nostra capacità di connetterci con gli altri e quanto lontano andremo? Ho riflettuto molto sulla connettività di recente e ho sempre pensato che guardare indietro da dove veniamo possa aiutarci a capire meglio dove siamo oggi e, cosa più importante, dove potremmo andare in futuro.

Considera l'evoluzione della connettività. Siamo diventati ufficialmente homo sapiens circa 200.000 anni fa. Con l'emergere di un linguaggio sofisticato, siamo stati in grado di comunicare l'uno con l'altro faccia a faccia in un modo che ha permesso l'emergere della civiltà come lo conosciamo oggi. Naturalmente, questa connessione era limitata a, beh, gridando a distanza, ma era un inizio.

Circa 4000 anni fa, gli umani svilupparono il loro primo mezzo di comunicazione non faccia a faccia con la scoperta di segnali di fumo e poi, circa 2500 anni fa, la batteria. Per la prima volta, le persone erano in grado di connettersi senza trovarsi in prossimità fisica l'una dell'altra. Sorprendentemente, non molto è cambiato nella tecnologia della comunicazione per i prossimi 2300 anni circa.

Poi, intorno al 1835, Samuel Morse inventò il telegrafo, preparando il terreno per il più grande periodo di sviluppo tecnologico della storia che, in un tempo relativamente breve, ha trasformato le nostre vite in modo così drammatico. Pensaci. Il telegrafo era un chiaro precursore di Internet e il telegramma era una prima versione dell'email.

Il brevetto del telefono di Alexander Graham Bell nel 1876 (molti hanno affermato di averlo inventato) permise agli umani di conversare direttamente a grandi distanze come se si trovassero nella stessa stanza.

Il fac-simile seguì da vicino il telefono, aprendo la strada alla trasmissione immediata di qualcosa di diverso dalla voce. Per la prima volta, i documenti potrebbero essere condivisi a una velocità molto più veloce che tramite la posta (ciò che ora chiamiamo "posta di lumaca").

La tecnologia dei telefoni cellulari è emersa per uso commerciale con il telefono cellulare nel 1979 e si è progressivamente evoluta fino ad oggi, dove i telefoni cellulari sono ormai considerati una parte indispensabile della nostra vita.

Nel 1994, Internet è stata presentata al pubblico (era in realtà in circolazione dagli anni '60) ed è stato probabilmente il più grande balzo in avanti nella tecnologia della comunicazione, consentendo la trasmissione istantanea di dati, documenti, immagini ferme e in movimento e voce . Ha creato un vero e proprio torrente di tecnologia che ci ha dato il Web, e-mail, messaggi di testo e una serie di applicazioni, ad esempio MySpace, Facebook, Twitter e Skype, che hanno modificato drasticamente il modo in cui ci connettiamo.

Questa breve e, certamente, incompleta storia non è ovviamente una novità per molti di voi, ma volevo fornire una piccola prospettiva su come siamo arrivati ​​al presente.

Cosa hanno in comune tutte queste tecnologie di comunicazione? Ci hanno permesso in modo incrementale di connetterci con altre persone e accedere a più informazioni in modi più rapidi, facili e meno costosi. E ogni avanzamento ha cambiato le nostre vite in modi manifesti e sottili, diretti e indiretti, prevedibili e inaspettati. La connettività potrebbe essere lo strumento più potente nelle nostre vite di oggi, con un impatto informativo, economico, sociale, culturale e politico.

Che dire del futuro della connettività? Quali nuove tecnologie saranno sviluppate che cambieranno ulteriormente le nostre vite? Forse abbiamo bisogno di guardare oltre la fantascienza per vedere cosa potrebbe diventare un fatto scientifico in un futuro non troppo lontano. Riceveremo tweet visivi e sonori attraverso occhiali e auricolari, rispettivamente? Forse conversazioni telefoniche olografiche in 3-D? Nel lontano futuro, invece del riconoscimento vocale, che ne dici del riconoscimento del pensiero?

La mia preoccupazione non è nella tecnologia stessa; non possiamo e non dobbiamo cercare di rallentare o fermare l'inesorabile marcia del progresso. Il mio interesse è nel nostro rapporto con quella tecnologia e la mia preoccupazione riguarda il modo in cui la tecnologia ci influenzerà. Saremo destinatari passivi – oserei dire vittime? – della tecnologia che gli permette di cambiare la nostra vita in meglio o in peggio senza considerazione? Oppure possiamo essere padroni della nostra tecnologia e sfruttare deliberatamente il suo straordinario valore riducendo al minimo i rischi?

La risposta a queste domande dipenderà non solo dalla tecnologia in sé sviluppata, ma anche dalla nostra esplorazione di come le nuove tecnologie influenzeranno le nostre vite. Qualcuno avrebbe potuto prevedere come le ultime tecnologie di comunicazione avrebbero cambiato le nostre vite? Forse no, ma penso che varrebbe la pena provare. Le buone domande da porre includono:

1. Quali sono i nostri obiettivi per questa tecnologia?
2. In che modo influenzerà il modo in cui interagiamo con gli altri?
3. In che modo influenzerà il modo in cui usiamo il nostro tempo?
4. Quali benefici ci porterà?
5. Quali costi potrebbero derivare dal suo utilizzo?
6. Come possono gli sviluppatori prepararci a utilizzare al meglio questa tecnologia?

Sì, continuiamo a coltivare la tecnologia emergente per un'ulteriore connettività. Ma il viaggio del progresso non dovrebbe essere guidato solo da sviluppatori e ingegneri. Un tale viaggio lascia dietro di sé altri importanti aspetti della connettività, ovvero il nostro rapporto con la tecnologia stessa, in cui il rischio è che la tecnologia ci condurrà lungo una strada di conseguenze non intenzionali piuttosto che condurre la tecnologia su una strada di nostra scelta.

Non dimentichiamo che la tecnologia non è fine a se stessa, ma piuttosto un mezzo per un fine. Cos'è quella fine? Migliorare la qualità delle nostre vite. Eppure possiamo dire inequivocabilmente che l'ultima tecnologia lo ha fatto? Non sono così sicuro. Con questo scopo in mente, portare i tecnologi insieme a coloro che risiedono al nesso tra tecnologia e umanità, per esempio, esperti di psicologia, filosofia e sociologia, sarebbe inestimabile nel rispondere a queste domande. Sebbene le aziende di computer e di comunicazione utilizzino i neuroscienziati nello sviluppo "micro" della tecnologia (ad es. GUI) e ci sia qualche studio accademico su questi temi, non ho trovato nulla che indichi che i tecnologi stanno esplorando il lato "macro" della tecnologia ( Per favore correggimi se sbaglio).

Tale collaborazione servirebbe a due scopi essenziali. Innanzitutto, comprendendo appieno la relazione tra tecnologia e persone, gli sviluppatori creeranno effettivamente una tecnologia che soddisferà meglio le nostre esigenze. In secondo luogo, tale collaborazione aumenterà le possibilità che capiremo le conseguenze delle nuove tecnologie e garantiremo che fornirà il massimo beneficio all'umanità con un minimo di costi.

Solutions Collecting From Web of "Tecnologia: l'evoluzione della connettività"