Tecnologia: Disconnettività Ansia

Sei fuori di testa quando perdi il segnale del tuo cellulare? Ti senti stressato quando la tua connessione Internet si interrompe? Sei mortificato se devi usare dial-up per accedere alla tua email? Se è così, potresti soffrire di "Disconnectivity Anxiety" (sto parlando con te Doug e David!). Sebbene non sia un disordine psichiatrico ufficiale, lo vedo come un problema crescente nella nostra cultura "devo essere connesso 24 ore su 24". Definisco Disconnectivity Anxiety (DA) come: "una condizione persistente e spiacevole caratterizzata da preoccupazione e disagio causate da periodi di disconnessione tecnologica dagli altri".

DA si presenta tipicamente durante una rottura della tecnologia che rende la comunicazione oggi istantanea e continua, sia telefonica (fissa o mobile), Internet, messaggi di testo, o semplicemente quando qualcun altro non risponde immediatamente. Il DA è associato a sintomi di preoccupazione, emozioni negative, come paura, rabbia, frustrazione e disperazione e disagio fisico. L'unico sollievo a breve termine è il ripristino della connessione.

Ho visto segni crescenti di DA tra una vasta gamma di persone compresi i clienti con cui mi rivolgo al mondo degli affari, mamme casalinghe, adolescenti e, devo ammettere, me. Questo articolo è un tentativo di mettermi "sul divano" nella speranza di capire meglio questo problema crescente e trovare alcune soluzioni per DA per tutti coloro che ne soffrono.

Le reazioni al DA seguono la gamma del modello di lutto di Kubler-Ross (in nessun ordine particolare): 1) Negazione: "Questo non può accadere a me" 2) Rabbia: "Chiunque è responsabile paga"; 3 ) Contrattazione: "Se il mio Internet ritorna ora, prometto di non ripetere mai più ____"; 4) Depressione: "Qual è il punto, mi arrendo" e 5) Accettazione: "Potrei anche fare una pausa comunque. ”

Quindi, data l'immensa convenienza offerta dalla tecnologia odierna, perché abbiamo reazioni così avverse nelle rare occasioni in cui le nostre connessioni sono interrotte? Penso ci siano diverse spiegazioni.

Innanzitutto, le nostre aspettative sulla connettività sono cambiate radicalmente negli ultimi dieci anni. Prima di Internet, telefoni cellulari, messaggi di testo e ora Twitter, sapevamo semplicemente che non saremmo stati facilmente raggiungibili da nessuno, tranne che di persona o per telefono fisso. L'impostazione predefinita era la disconnessione, quindi la disconnessione era la norma. Qualsiasi possibilità di connettersi oltre questo era un bonus. In questi giorni, l'aspettativa è che possiamo essere collegati in molti modi in qualsiasi momento da chiunque. L'impostazione predefinita è la connettività, quindi connettersi è diventata la norma. Qualsiasi interruzione da quella norma sembra una perdita.

Secondo, l'onnipresente connettività che la tecnologia ci ha offerto ha cambiato la nostra percezione di noi stessi. In qualche modo, essere connessi è diventato collegato alla nostra autostima. Ricordo che quando i primi adattatori avevano i telefoni cellulari – ricorda quei massicci telefoni Motorola grigio dei primi anni '90 – ero così geloso perché quelli che li avevano erano ovviamente di successo e importanti che dovevano essere in costante contatto – anche a $ 3 al minuto . Ora, quando siamo connessi, ci sentiamo meglio con noi stessi. Se siamo connessi, siamo importanti. E se siamo importanti, dobbiamo essere valutati. E se siamo valutati, dobbiamo essere persone utili. Il paradosso è che, dato che quasi tutti hanno un telefono cellulare e l'accesso a Internet in questi giorni, il custode è accessibile come l'amministratore delegato, essendo collegato non dice nulla sulla nostra importanza o sul nostro valore come persone.

In terzo luogo, l'immediatezza della connettività oggi ha creato una nuova generazione di gratificatori istantanei. Le generazioni precedenti avevano la gratificazione immediata di fast food, microonde e bancomat. Ora la gratificazione immediata non è solo veloce, ma, nel caso di Twitter, istantanea e continua. Quando privati ​​di quella gratificazione immediata, ci sentiamo, beh, non grati.

Infine, le nostre percezioni sulle relazioni sono cambiate drasticamente poiché le nostre connessioni con gli altri sono spesso più virtuali della realtà. Le nostre comunicazioni sono diventate più immediate e brevi. E non essere in grado di accedere a tali relazioni crea dubbi e insicurezza, soprattutto tra i giovani e le persone single che spesso sviluppano relazioni virtualmente prima ancora di incontrarsi di persona. Le relazioni sono anche cadute vittime del bisogno di gratificazione immediata. Famiglia, amici, amanti e colleghi possono ora comunicare costantemente per telefono (come primitivo), e-mail (anche piuttosto primitive), messaggi di testo e Twitter.

Tutte queste spiegazioni hanno contribuito a renderci dipendenti dalla connettività. Come tutti sappiamo, quando il nostro farmaco di scelta viene rimosso, entriamo nei prelievi e l'unico modo per rimuovere i sintomi spiacevoli è ottenere un'altra dose del farmaco, in questo caso, la riconnessione. La domanda ora è: c'è un modo per alleviare la nostra ansia di disconnessione?

La soluzione più ovvia è rinunciare alla tua dipendenza da freddo. Ora stai pensando: "Il dottor Jim è assolutamente pazzo?!?!" Ora aspetta un secondo. Non sto dicendo che dovresti scollegare completamente la tua vita e diventare un luddista; questo non è possibile a meno che tu non voglia vivere in una grotta da qualche parte nei boonies. Non ho detto di rinunciare alla tua connettività, solo la tua relazione malsana con esso. Ciò che intendo è cambiare la tua relazione con la tua connettività riportandola solo a ciò che è minimamente necessario per lavorare e vivere. Hai davvero bisogno di e-mail e accesso a Internet 24 ore su 24? Hai davvero bisogno di essere raggiunto sul tuo cellulare ogni momento della giornata? Non probabile

Penso che scoprirai che, dopo un iniziale aumento dei tuoi sintomi da astinenza DA-classico, diminuirà e recupererai prospettiva e equilibrio nel ruolo che la connettività gioca nella tua vita. Con questo cambiamento, anche le tue aspettative sulla connettività si moderheranno. Potresti voler rimanere connesso, ma non ti aspetterai più né dovrai connetterti. Puoi tornare a consentire alla connettività di essere uno strumento che ti serve, non un maestro a cui servi. Come bonus, potresti scoprire di essere in grado di divertirti di più nel momento e anche le tue relazioni potrebbero migliorare.

Puoi anche cambiare il significato che la connettività ha per te scollegando la tua connettività dalla tua autostima. Considera cosa ti fa sentire veramente bene con te stesso: i tuoi valori, le attività della tua vita, i tuoi rapporti, le tue buone opere. Inoltre, riconosci l'assurdità di avere la tua connettività impatto su come ti apprezzi.

Infine, cambia il tuo atteggiamento verso la connettività. Vedi di essere disconnesso come positivo piuttosto che come negativo, forse come una forma di liberazione, non diversamente da un cane che si lascia sfuggire il guinzaglio per un po 'che ora può correre libero. Cerca i modi in cui puoi effettivamente utilizzare la disconnessione per arricchire la tua vita. Vedi orari disconnessi come opportunità di essere nel qui e ora con persone o attività. Pensa a quanto la disconnessione dal mondo virtuale possa permetterti di costruire e rafforzare connessioni reali con persone reali nel mondo reale. Cerca le occasioni in cui puoi davvero abbracciare la disconnessione, ad esempio, dove devi concentrarti totalmente su un progetto al lavoro senza distrazioni, cenare fuori, stare con la famiglia o gli amici o fare esercizio fisico.

Perché, nel tuo letto di morte, non ti pentirai di perdere alcune e-mail, messaggi di testo o Tweet.

Solutions Collecting From Web of "Tecnologia: Disconnettività Ansia"