Technofobia geriatrica

Marcus Spiering/Flickr
Fonte: Marcus Spiering / Flickr

Questo è il primo dei tre post del blog che scriverò su Geriatric Technophobia. Questo post introdurrà l'argomento, il prossimo esplorerà le conseguenze di Geriatric Technophobia e l'ultimo fornirà specifici passi che possiamo prendere individualmente e collettivamente per affrontare questo problema.

"Non so come accendere il mio GPS o come inserire l'indirizzo. Quindi la maggior parte delle volte chiedo ad altre persone di guidarmi o chiedere indicazioni come ho sempre fatto ".

"Non ho un computer e non ne prenderò uno. È troppo tardi per me da imparare. "

"Me? Prendi un cellulare? Non c'è modo. Se le persone vogliono parlare con me, possono semplicemente chiamarmi a casa ".

"Di cosa parla tutto questo Skype o scoop? Non sembra naturale parlare con qualcuno guardando uno schermo. "

Questo è ciò che sento da molti adulti più anziani e sono esempi di Gofriatria Technofobia.

Permettetemi di rompere questo termine in due parti.

La migliore definizione di Technophobia è su Wikipedia: "la paura o l'avversione della tecnologia avanzata o di dispositivi complessi, in particolare i computer". La tecnologia avanzata può fare riferimento all'utilizzo di un computer o tablet, connettersi a Internet, utilizzare uno smartphone, collegarsi a Skype o qualsiasi altro di questi progressi degli ultimi decenni. Per alcuni che potrebbero leggere questo blog, quasi tutto quanto sopra potrebbe essere un mistero. In realtà, è probabile che se ti identifichi come un tecnofobo, qualcun altro probabilmente ti ha stampato questo articolo o ti ha consegnato un dispositivo con esso già visualizzato.

Quindi che dire del termine Geriatric Technophobia? Quello che suggerisco aggiungendo la parola "Geriatrica: è che questa fobia è più probabile che si trovi negli anziani rispetto agli adolescenti, ai millennial o ai boomers. Credo anche che questa paura della tecnologia non sia il risultato del progresso dell'età, del declino cognitivo o del primo Alzheimer. Piuttosto è come ci si avvicina a queste sfide tecnologiche, o per dirla senza mezzi termini, una questione di:

ATTEGGIAMENTO NON ETA '!

Cedendo alla Geriatric Technophobia, molti adulti più anziani stanno limitando le loro vite, staccandosi dalle opportunità di apprendimento, diventando più isolati, avendo difficoltà a comunicare con la famiglia (in particolare bambini e giovani adulti), e che è una malattia facilmente superabile .

Ora, prima che tu mi accusi di perpetuare uno stereotipo negativo nei confronti delle persone anziane, ho i numeri per sostenere ciò che dico. Secondo uno studio condotto da Independent Age nel 2010, il 70% degli over 65 ha riferito di non aver mai usato internet. E c'è una buona ragione che molti adulti più anziani non stanno abbracciando la tecnologia allo stesso ritmo delle loro controparti più giovani – gli adulti più anziani non sono nati nella tecnologia come lo erano i loro figli e nipoti. Se gli adulti di oggi desiderano adottare la tecnologia, è solo questo. Devono adottarlo, imparare una nuova lingua e poi ri-apprenderla come terminologia e tecnologia, cambiando ed evolvendosi come spesso fanno. Anche quando gli adulti più anziani sono propensi a questa sfida, potrebbero pensare: "che senso ha imparare questa roba se non c'è modo di tenere il passo e nessuno mi sta aiutando?"

Ecco alcune storie che illustrano questo punto:

"Sono più a mio agio ad acquistare cose in un negozio. Ma quando ho provato a parlare con qualcuno di un computer portatile o di un qualche tipo di tablet, i venditori hanno usato parole che non riuscivo a capire ed erano condiscendenti. Nessuno ha chiesto cosa volevo o cosa volevo. Un disastro totale e una perdita di tempo. "

"Ho usato il mio telefono per scattare foto. Ho avuto questo viaggio in arrivo, così ho fatto una pazzia su una piccola fotocamera digitale, una cattiva decisione. Le istruzioni erano incomprensibili e le dimensioni della stampa erano così piccole che riuscivo a malapena a leggerlo. Quando ho chiamato il numero del servizio clienti, ho ricevuto qualcuno che non riuscivo a capire e non riuscivo a capirmi. Così ho detto "al diavolo" e mi sono restituito i soldi.

"Ho deciso di acquistare una nuova macchina, ho pensato che avrei voluto ottenere tutte queste caratteristiche di sicurezza di cui ho sentito parlare. Sai, come sapere se c'è un'auto nel tuo angolo cieco o qualcosa che automaticamente mi rallenta se mi avvicino troppo alla macchina di fronte a me. Dopo che ho preso la macchina e ho iniziato a guidare, è stato terribile. C'erano tutti questi rumori, bip e trilli. Le persone al concessionario non erano affatto d'aiuto. Non hanno spiegato nulla in un modo che ho capito, così ho riconsegnato la macchina. Sto ottenendo un modello meno costoso senza i campanelli e i fischi, ma uno con cui mi sento a mio agio. È la loro perdita e non la mia. "

Mentre tutte queste prove aneddotiche riflettono scenari di vita reale, i numeri sulla Technofobia geriatrica stanno cambiando, e in meglio. Sempre più anziani scelgono di sfidare la propria Technophobia. Nel 2010, AARP ha pubblicato uno studio di Jean Koppen che ha rilevato che il 40% degli adulti sopra i 50 anni non utilizza solo Internet, ma ne è anche a suo agio. A partire dal 2012, per la prima volta oltre la metà degli adulti over 65 erano utenti di Internet e nel 2014 tale numero era più simile al 59%. Più di quelli over 65 stanno scegliendo di superare le loro preoccupazioni per sfruttare ciò che la tecnologia ha da offrire. Ma il cambiamento sta avvenendo troppo lentamente.

Ci sono davvero barriere legittime per gli adulti più anziani che desiderano utilizzare la tecnologia. Questi includono sfide fisiche all'uso della tecnologia (vista, destrezza). Ad esempio, circa il 40% degli anziani ha una disabilità, condizioni di salute croniche o condizioni che rendono difficile la lettura. Secondo uno studio del Pew, "Questo gruppo è significativamente meno probabile degli anziani che non affrontano queste sfide fisiche per andare online (49% contro il 66%), per avere la banda larga a casa (38% contro il 53%), e per possedere i principali dispositivi digitali.

Gli adulti più anziani possono anche avere atteggiamenti scettici sui benefici della tecnologia. Può essere dato per scontato dalle giovani generazioni, ma "la convinzione che la tecnologia sia di per sé una cosa buona non esiste necessariamente tra le persone anziane".

Difficoltà nell'apprendimento di nuove tecnologie possono anche impedire l'uso di nuove tecnologie. In un sondaggio, solo il 18% degli anziani ha affermato di sentirsi a proprio agio nell'imparare a utilizzare un nuovo dispositivo (ad esempio un tablet o uno smartphone) da solo. Tutti questi sono blocchi legittimi per entrare online e nell'era digitale.

Quando ho parlato con mia figlia adulta dell'idea di questo blog, ha giustamente sottolineato che l'intera nozione è controintuitiva: un post sul blog online su Geriatric Technophobia? Il pubblico di destinazione non sarebbe in grado di leggere le informazioni reali che potrebbero beneficiarli a causa della loro mancanza di uso di Internet? Ero divertito dalla mia stessa ingenuità. Era un buon punto. Ciò nonostante, continuavo a scrivere, convinto che ci fosse un modo per ottenere queste informazioni là fuori.

E poi, ho visto questa statistica: il 73% degli adulti più anziani è stato presentato ai social media dai loro parenti. Oltre la metà degli adulti più anziani sono stati introdotti dai loro figli e il 36% è stato introdotto dai loro nipoti. All'improvviso, tutto è diventato così chiaro: dobbiamo imparare questo dalle persone che si prendono cura di noi.

Quindi, ecco il tuo invito all'azione: condividi questo articolo e, ancora meglio, offriti di condividere le tue conoscenze con un adulto più grande a cui tieni. Il mio amico e coautore, Ken Blanchard, è un sostenitore di ciò che chiama il mentoring intergenerazionale. Ogni generazione ha qualcosa da insegnare ad un'altra. Come ho detto prima, si tratta di relazioni. La tecnologia fine a se stessa non giova a nessuno, ma la tecnologia che ci avvicina e forma nuove connessioni? È qualcosa che vale la pena collegare.

Epilogo

Scrivere questo blog è stata un'esperienza umiliante! Quando ho iniziato a pensare a questo argomento, stavo scrivendo per qualcun altro. Sì, sono certamente adatto alla fascia demografica dell'età, ma ciao, io uso un computer e invio e ricevo e-mail per tutto il giorno. Ho un tablet e uno smartphone che uso per parlare, inviare messaggi e inviare foto a familiari e amici.

Ho persino un orologio Apple e riesco a parlare al mio polso alcune volte al giorno, che è un tappo di folla ovunque io sia. Quindi, ero uno dei fantastici ragazzi più anziani che scrivevano questo per i miei dati demografici meno avanzati. Si, come no!

Il giorno in cui stavo modificando la bozza finale di questo blog, ho portato il mio smartphone al mio assistente perché non mi aveva avvisato di un messaggio di testo in arrivo da un cliente sulla modifica di un orario dell'appuntamento. Volevo che questo fosse risolto, quindi non mancherò più nessun messaggio in futuro. Il mio assistente ha aperto le impostazioni sul mio telefono e si è assicurato che il volume fosse alto e che gli allarmi fossero impostati in modo da emettere un segnale acustico appropriato. Mentre mi stava restituendo il telefono, ha indicato il piccolo numero "10" in un cerchio rosso sull'applicazione messaggi del mio smartphone. Ha detto che sembrava che avessi dieci messaggi di testo non letti, spiegando che il numero cerchiato rappresentava testi che non erano stati aperti. Tutta la spavalderia che avevo di essere uno di quei "ragazzi più vecchi" improvvisamente svanì.

La morale della storia è che la tecnofobia colpisce anche i compiaciuti utenti della folla più anziana. Per favore accetta il post di cui sopra come se fosse scritto da qualcuno che non è necessariamente il ragazzo più grande, ma da un compatriota umile che sta cercando di rimanere sulla via dell'illuminazione tecnologica.

Solutions Collecting From Web of "Technofobia geriatrica"