Tasse scolastiche e salute mentale

Freepik
Fonte: Freepik

Secondo un recente articolo del Guardian, un importante aumento delle tasse universitarie nelle università inglesi ha coinciso con un'impennata degli studenti che cercavano un consiglio di salute mentale per l'ansia e la depressione.

Questa relazione aiuta a spiegare le crescenti richieste di salute mentale nelle università americane? Ma prima di guardare i numeri, consideriamo questa domanda in modo più completo. Se fosse vero, ciò suggerirebbe che il numero di coloro che cercano consulenza per la salute mentale in università private ad alto prezzo sarebbe maggiore di quelli delle università statali. Tuttavia, un numero maggiore di genitori può pagare i costi delle tasse scolastiche nelle università ad alto costo, togliendo così pressione allo studente. Oppure, al contrario, potrebbe aumentare la pressione mantenendo lo studente obbligato ad eccellere, e ancor peggio a mantenere lo studente dipendente dai propri genitori, impedendo così la crescita emotiva.

Per quegli studenti che devono sostenere un debito personale, sia in un'università di alto livello che in un'università statale, la pressione per riuscire è inesorabile. Ma questa eccessiva pressione è responsabile per l'aumento del numero di studenti che cercano consulenza di salute mentale per l'ansia e la depressione? Questa pressione potrebbe facilmente portare a un'ansia eccessiva, ma l'ansia sarebbe più situazionale rispetto all'ansia a lungo termine che spesso culmina nella depressione. Potrebbe esserci un altro motivo per l'aumento dei servizi di consulenza per la salute mentale a parte l'aumento delle tasse universitarie?

Dall'anno 2000, l'American College Health Association (ACHA) ha emesso relazioni semestrali sullo stato della salute degli studenti, inclusa la salute mentale. Nell'anno iniziale, l'ACHA ha riferito che il 40,6% delle donne e il 33,7% dei maschi hanno dichiarato di sentirsi così depressi rispetto all'anno precedente che era difficile da gestire. Il numero è leggermente diminuito con la relazione del 2008 (39,0% di femmine, 31,6 maschi). I criteri di segnalazione sono leggermente cambiati per il 2009, con femmine 33,0% e maschi 26,6%. Il rapporto del 2015 ha riscontrato che le femmine erano il 36,6% e gli uomini il 29,8%. La conclusione di questi numeri è che non c'è stato un aumento significativo della depressione auto-riportata negli ultimi 15 anni.

L'ACHA ha iniziato a segnalare agli studenti la rabbia travolgente durante l'anno precedente nel 2009, con il 39,9% delle femmine e il 35,7% dei maschi. Nessun cambiamento significativo è stato segnalato nel 2015 (femmine 39,7%, maschi 34,3%).

Nonostante le maggiori tasse universitarie negli istituti pubblici sia privati ​​che pubblici negli ultimi 15 anni, non vi è alcuna prova che ciò abbia comportato un aumento dei sentimenti auto-riferiti di depressione o rabbia travolgenti.

Non è stato registrato un aumento degli studenti che hanno riferito di aver seriamente tentato il suicidio durante l'anno precedente dal 2000 al 2008 (femmine dal 9,0% all'8,5% e maschi dal 7,5% al ​​7,5%). Dal 2009 al 2015, con criteri leggermente modificati, è apparso un aumento significativo (femmine 5,9% a 9,0%, maschi 5,9% a 8,3%). Eppure, nel corso dei 15 anni, sarebbe difficile confermare un aumento significativo (femmine dal 9,0% al 9,0%, i maschi dal 7,5% all'8,3%).

L'ACHA non ha riferito sulla schiacciante sensazione di ansia dello studente fino al 2008, con femmine 53,6% e maschi 38,6%. Un aumento significativo appare nel 2015, con femmine 62,3% e maschi 45,4%. Anche se principalmente situazionale, un tale aumento in soli 7 anni deve ancora essere spiegato.

Una possibile spiegazione è stata una significativa diminuzione della barriera dello stigma tra una nuova generazione di studenti universitari negli ultimi sette anni. Questi studenti sono semplicemente più liberati dalla vergogna di cercare consigli per la salute mentale rispetto ai loro predecessori. Questo potrebbe essere il risultato dei principali sforzi di pubbliche relazioni nell'ultimo decennio per superare questo stigma e sembra che abbia avuto successo tra i giovani adulti.

Il problema, tuttavia, è che sebbene i centri di salute mentale universitari possano aiutare gli studenti con ansia situazionale, questi centri sono mal equipaggiati per fornire molto aiuto con depressione a lungo termine, bipolare e suicidio. Questi problemi mentali sono radicati da qualche parte nel passato dello studente, molto lontani dalle tasse universitarie.

*

Questo blog è stato co-pubblicato con PsychResilience.com

Solutions Collecting From Web of "Tasse scolastiche e salute mentale"