Tardi da quattro giorni?

Confessione: una volta ho rotto una data e lasciato un amico che mi aspettava da molto, molto tempo. Non stiamo parlando di minuti o ore. Stiamo parlando di giorni. Quattro di loro. Peggio ancora, sapevo in anticipo che stavo per farlo. Ho provato a dirglielo. L'ho fatto davvero. Ma era, sai, una di quelle cose di comunicazione. Lui non l'ha capito.

In retrospettiva, penso che il problema, almeno in parte, sia di legalità. Ne aveva quattro rispetto al mio numero standard, due bipedi. Che ha reso la comunicazione un problema, a volte.

Chiameremo il cavallo Buddy, non il suo vero nome perché, dopo tutto, non ha fatto nulla di male e non vorrei rischiare di rovinare la sua posizione nella mandria. Sareste sorpresi di quali siti web alcuni cavalli hanno i loro zoccoli in questi giorni.

Lo sfondo è questo: Buddy ed io avevamo un accordo in piedi. Ci incontreremmo ogni giorno. Potrei parlare, lui si lamentava e nitriva. Gli avrei dato una pacca sulla spalla, mi avrebbe stretto la mano. Materiale di legame standard dei mammiferi. Ogni tanto, uno di noi – di solito io – non si presentava, ma poi ci vedevamo il giorno dopo. Nessun danno nessun fallo. Il perdono dappertutto, come fanno gli amici.

Poi un giorno, ho dovuto andare fuori città per la parte migliore di una settimana. Non potrebbe aiutarlo Inevitabile. Ho cercato di dire a Buddy dei miei piani, ma, come ho detto, c'erano delle difficoltà con le gambe. . .

Mentre mi avvicinavo al pascolo quattro giorni dopo, Buddy alzò gli occhi dalla sua navigazione e, invece di muoversi tranquillamente nella mia direzione come al solito, prese il passo e trotterellò lentamente verso di me, il collo inarcò verso l'alto, le orecchie puntate in avanti, la coda tenuta alta . Un cavallo felice, chiaramente più impaziente del solito per il nostro incontro.

Il mio sorriso si allargò. Era bello essere accolti a casa.

Ma poi è successo qualcosa. Era come se una pentola venisse improvvisamente spostata da qualche parte sul retrobottega del cervello di Buddy, proprio davanti e al centro.

A metà strada verso quella che prometteva di essere una riunione gioiosa, Buddy pensò a qualcosa: Ehi, dove sei stato? Mi hai stordito e mi hai fatto aspettare – per quattro giorni. In effetti, sono più che un po 'infastidito da te. Buddy si fermò all'improvviso. Alzò la testa, mi guardò fisso negli occhi per un momento, poi gettò la testa da un lato e si voltò e si allontanò, ignorandomi completamente.

Messaggio consegnato. Forte e chiaro. Comportamento umano inaccettabile Non saltare via i tuoi amici equini. Non questo, signore.

Potrei a malapena biasimarlo. Mi sono sentito male. Gli ho dato un minuto o due da solo, per rispetto dei suoi sentimenti e per riconoscere la validità della sua scelta. Poi mi avvicinai a lui e ricollegai con dolci pacche e una voce rassicurante. In assenza di un linguaggio verbale comune, era il meglio che potevo fare per chiedere perdono. E alla fine, naturalmente, lo ha dato, come fanno gli amici.

Come ex addestratore di delfini per la US Navy, ho riconosciuto che Buddy probabilmente non lo sapeva. Avevo appena ricevuto un addestramento comportamentale da un cavallo che aveva impiegato quello che gli psicologi chiamano una presa in mano.

Le prese limitate rappresentano una finestra di opportunità limitata per la ricompensa. Chiaramente, in questo caso, mi era stato negato il benvenuto premuroso che speravo perché non ero riuscito a rispettare i limiti del tempo di risposta appropriato che Buddy aveva posto su quella finestra, anche se non sapevo ancora esattamente dove quei confini fossero .

In passato, un solo giorno di ritardo nella riunione era stato accettabile. Quattro, a quanto pare, non lo erano. Sarebbe un ritardo di tre giorni? Che ne dici di due? O il confine era saldamente fissato in un solo giorno? Potrei solo raccontare ciò che i formatori chiamano prospezione comportamentale , una sorta di sperimentazione intorno ai limiti del nuovo requisito comportamentale emergente. Buddy utilizzava una tecnica che io stesso avevo usato per aiutare i delfini cronicamente in ritardo a tempi di risposta più accettabili dal punto di vista comportamentale.

Una volta ho lavorato con un delfino di nome Moe che si presentava costantemente in ritardo per le formazioni side-by-side con alcuni dei suoi compagni.

Piuttosto che preoccuparmi all'infinito dei perché e dei modi del comportamento di Moe, sapevo che il mezzo più efficace che avevo per aiutare il delfino a superare qualsiasi motivazione motivava il suo ritardo nel trattare il problema su una base semplice e comportamentale. Ciò significava gentilmente, ma con fermezza, stabilendo dei limiti attorno al comportamento indesiderato del ritardo.

In teoria, la soluzione era semplice: premi di pesce per gli arrivi puntuali quando chiamati; nessun premio per ritardi.

Il problema, come spesso accade in questi casi, era che la pratica non era così netta come la teoria. Moe non sarebbe arrivato con un po 'di ritardo. Mancava quasi del tutto alla festa. Il che significava che aspettarsi una puntualità perfetta fin dall'inizio sarebbe stata una richiesta irragionevole.

Come punto di partenza, ho iniziato a utilizzare un cronometro per misurare le risposte di Moe. All'inizio, il delfino riceverebbe ricompense minime – un singolo pesce o due – semplicemente per mostrarsi in qualsiasi momento storico che gli piacesse. In primo luogo, era necessario premiare il ritardo, sebbene non fosse l'ideale, semplicemente per mantenere il Moe motivato a rispondere del tutto.

Ma una volta che ho avuto una correzione affidabile sul tempo di risposta dell'animale, i parametri del gioco hanno iniziato a cambiare. Quando Moe arrivò nella sua consueta zona di comfort o più tardi, non fu più accolto con spuntini di pesce.

Proprio come un guidatore umano che gira l'interruttore di accensione di una macchina e viene raggiunto solo dai rantoli inefficaci del motore, questo Moe perplesso all'inizio. E, come un umano che borbotta e maledice in un motore morente, Moe ha fatto conoscere il suo disappunto. Inizialmente, Moe rispose all'assenza della sua solita ricompensa schiaffeggiando la pinna pettorale contro la superficie dell'acqua, o aprendo la bocca e muovendo rapidamente la testa nella mia direzione. Ehi, sono qui , sembrava stesse dicendo. Nutrimi

Niente da fare Nessuna ricompensa.

A Moe doveva essere sembrato che il suo primato normalmente socievole e pescatore non avesse funzionato correttamente.

Così, come ogni guidatore con un motore in stallo, iniziò a armeggiare e sperimentare. Prospezione comportamentale. Una risposta psicologicamente prevedibile alla improvvisa scomparsa di una fonte normalmente affidabile di ricompensa comportamentale.

Nel giro di poche sedute di allenamento, Moe iniziò a cercare nella direzione desiderata. Da un punto di vista soggettivo, il tempo di risposta di Moe non sembrava affatto cambiare. Ma il cronometro non ha mentito. Ogni volta che il delfino arrivava anche un pochino prima del solito – presto! – i premi di pesce ricominciarono a scorrere. Poco dopo che ogni nuovo paradigma di ricompensa basato sul tempo è diventato chiaramente stabilito, la finestra delle opportunità si è nuovamente ristretta.

Una volta che Moe ha afferrato il modello, l'allenamento è diventato più facile. Più grandi, ma ancora gestibili, potrebbero essere richieste riduzioni del tempo di risposta a Moe senza rischiare la frustrazione. I grandi progressi richiedevano una grossa ricompensa e Moe era ben motivato a continuare a migliorare i tempi di risposta per ricevere jackpot di pesce in costante aumento.

Alla fine, Moe ha risposto alle richieste di lavoro dei formatori con una nuotata veloce e veloce che ha lasciato l'acqua bianca nella sua scia.

Sembrava che Buddy, il cavallo, stesse usando un approccio simile con me. Potrebbe aver fatto un buon addestratore di animali. In effetti, si potrebbe obiettare che è già diventato uno. Attraverso la sua volontà di impiegare un addestramento limitato, il cavallo ha insegnato a un primate bipede qualcosa sulle relazioni, sull'affidabilità e sugli effetti deleteri del ritardo.

Buddy è riuscito a colmare il divario tra le specie e a superare la barriera di comunicazione posta da una semplice questione di altre gambe. Non sono mai stato in ritardo di quattro giorni.

Copyright © Seth Slater, 2017

Solutions Collecting From Web of "Tardi da quattro giorni?"