Sviluppo della resilienza

Sviluppo della resilienza

© Aydindurdu | Dreamstime.com
Fonte: © Aydindurdu | Dreamstime.com

Perché alcune persone hanno un'esperienza simile e una sviluppa disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e l'altra no? Parte della differenza tra i due potrebbe avere a che fare con la resilienza o la capacità di riprendersi in situazioni difficili. Ma si può imparare la resilienza? La ricerca dice sì, ma è una questione complicata.

Ricercatori canadesi e americani definiscono la resilienza:

La resilienza ha numerose definizioni e significati. È più che l'assenza di sintomi. La resilienza generalmente si riferisce a un modello di adattamento nel contesto delle avversità al rischio. La resilienza è stata caratterizzata come la capacità di "riprendersi" dalle avversità, "piegare, ma non rompere" sotto stress estremo, gestire battute d'arresto e perseverare nonostante gli stress in corso e anche quando le cose vanno male. La resilienza è stata caratterizzata come un insieme di buoni risultati che si verificano nonostante gravi minacce all'adattamento o allo sviluppo e come specifiche capacità di coping che vengono convalidate di fronte a situazioni difficili.

Com'è che noi "marescializziamo le capacità di coping" durante tempi tremendamente difficili? Gli stessi ricercatori continuano:

La ricerca ha indicato che la resilienza si sviluppa nel tempo e che la sua espressione può essere un processo lento di sviluppo. Un individuo può essere resiliente rispetto ad alcuni tipi di fattori di stress ma non ad altri; in un contesto o in un'area della vita ma non in altre; in una volta nella vita ma non in altre volte … Piuttosto, le attività generatrici di resilienza devono essere "esercitate" e "reintegrate" su base giornaliera, come una serie di muscoli che devono essere esercitati regolarmente, in modo che tali risposte possano diventare automatiche e incorporate nel proprio repertorio.

In effetti, vediamo questa variabilità nella resilienza in molte situazioni. Ad esempio, un soldato può mostrare una grande capacità di recupero quando si trova in una situazione di guerra, ma può sviluppare PTSD quando viene aggredito sessualmente a casa. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che la sua capacità di recupero era già tesa o indebolita nel contesto bellico o perché l'assalto a casa era diverso da quello che aveva vissuto durante la guerra, forse più personale. Il punto è che non c'è davvero alcun modo per dire quando una persona sarà resiliente e quando sta per cadere sotto pressione.

Quello che sappiamo è che possiamo migliorare la resilienza in generale aiutando le persone a imparare modi migliori per affrontare lo stress. Il PTSD si sviluppa quando un individuo non può affrontare la situazione in questione. Se sappiamo che saremo in un contesto difficile, come il personale militare che va in guerra, ci sono cose che possiamo fare sia prima che dopo la situazione per migliorare la resilienza.

Una di queste attività è la meditazione. La meditazione può aiutarci a concentrarci sulla riduzione dello stress essendo nel presente. Aiuta a sviluppare un senso di chiarezza, scopo e significato e apporta cambiamenti positivi alla struttura e alla funzione del cervello.

Per coloro che hanno già vissuto un evento stressante e hanno difficoltà a gestirlo, l'American Psychological Association fornisce un elenco di attività di resilienza che possono aiutarti a costruire la resilienza. In tutti i casi, se hai sofferto di un evento traumatico, cerca un aiuto professionale. C'è una ripresa e uno scopo per la tua vita.

http://www.copingaftercombat.com/PDF/friday_chapter.pdf

http://apt.rcpsych.org/content/13/5/369.full

http://www.mindfulnesshealth-psychotherapy.com/userfiles/1475904/file/Th…

http://www.apa.org/helpcenter/road-resilience.aspx

– Vedi di più su: http://www.cliffsidemalibu.com/richard-taite/developing-resilience/#stha…

  • Affamato di risposte: domande su The Walking Dead
  • Le ferite dell'infanzia possono essere guarite
  • Perché le persone rimangono in relazioni abusive?
  • La bellezza dell'essere legata
  • Perdonarti per le vie che ti sei fatto male
  • L'alternativa alla droga
  • Alla guida di un gruppo di lutto per le vedove dell'11 settembre
  • Passando al positivo: Crescita personale dopo il trauma
  • La topografia emozionale del dolore
  • Come De-Shrill Hillary Clinton
  • Apprezzamento della vita
  • Il declino dell'empatia e l'appello alla politica dell'ala destra
  • Pollo come me
  • Sei più duro di quanto pensi?
  • Parlare di sessismo: rispondere a Trump
  • Debriefing di stress da incidente critico da un evento traumatico
  • Qual è la dipendenza, comunque?
  • GU Revisited: la giuria di Casey Anthony si impadronirà se non riescono a farcela?
  • La guarigione può accadere anche quando non ci sono cure
  • Come affrontare un passato traumatico
  • Continua a dire di no a DSM 5
  • Quando un amato tenta il suicidio
  • Prince Harry e Anniversary of Trauma
  • Essere preoccupato per i ragazzi, in particolare Baby Boys
  • Il tuo corpo può esprimere più emozioni simultaneamente?
  • Scatti di massa e mass media
  • In Celebration of Life: Water può essere troppo una buona cosa
  • Non penso che la parola significhi ciò che pensi che sia
  • Asperger, Pain Perception e Body Awareness
  • Tutta la psicoterapia è femminista
  • Non dimentichiamoci
  • Parlare con i bambini sulla morte e la tragedia
  • "Potrebbe succedermi?" I nostri fattori di rischio personali
  • Senzatetto come trauma
  • Anthony Bourdain e Talking to My Young Kid sul suicidio
  • I miei quattro grandi errori