Svetlana e Marcel, Incontra i Kawakasi-Cohens: fare amicizia come coppia

La lista degli invitati per la mia prossima festa di compleanno comprende diverse coppie che vanno dagli anni '40 agli anni '60, uno nei loro anni '70, una giovane coppia sposata con la figlia di 7 anni, una coppia gay sposata, tre donne single e un uomo single; quindi dai 7 agli anni 70, gay, etero e bi, single e accoppiati, sposati e non.

Anni fa, quando io e mio marito ci trasferimmo a San Francisco da New York, non conoscevamo quasi nessuno. Mio marito ed io, di interessi diversi, politica e tempo libero, eravamo incerti su come trovare quello che ora è chiamato un social network. Li abbiamo chiamati amici.

Attraverso i nostri rispettivi incarichi ci aspettavamo di incontrare e coltivare alcune persone che entrambi amavamo, ma il processo era lungo e pieno di ostacoli. Dovevo amare il compagno di qualcuno che ha prodotto, doveva andare d'accordo con il compagno di qualcuno che avevo portato a casa. Se uno di noi amava una singola persona, in particolare dell'altro sesso, le disposizioni sociali erano nel migliore dei casi imbarazzanti, nel peggiore dei casi con pericolose incomprensioni. ("Il tuo amico? Pensavo fossi sposato. Dov'è tua moglie?")

Ricordo di essermi recato in un centro comunitario per una serata di esercizi di comunicazione dal titolo "Nuovi modi per incontrare nuove persone", un titolo che ho adottato da allora per un seminario e un mio opuscolo. Siamo stati riuniti in piccoli gruppi in continua evoluzione per ricordare i giocattoli d'infanzia preferiti o immaginare nomi alternativi per noi stessi. In un breve sestetto tutti noi della stessa età, ho detto di sfuggita che mio marito e io avevamo fatto qualcosa o altro.

"Da quanto tempo sei divorziato?" Arrivò una domanda comprensiva.

"Non sono divorziato."

"Sei sposato?" Ansimò una delle donne.

"Sì", risposi, chiedendomi cosa fosse così straordinario in una condizione così banale.

"Che cosa fai qui, allora?" Chiese qualcun altro con tono decisamente accusatorio.

"Incontrare alcune nuove persone. Non è quello per cui siamo tutti qui? "

"Ma sei sposato!" Lo accusò decisamente.

"Sì," intervenne un uomo, "quindi cosa ti serve per incontrare qualcun altro?"

Ciò mi rendeva molto più sensato quanto "Hai una cucina in casa tua. Perché vorresti andare in un ristorante? "

Ho pensato che forse ho riconosciuto il problema. "Non sto cercando di imbrogliare, se è quello che pensavi. Sono interessato ad incontrare donne e uomini … in realtà, sono più interessato alle coppie. "La mia spiegazione mi ha solo scavato più a fondo. Non solo un bracconiere, un lupo travestito da pecora, ma un avido pervertito!

Gli anni '60 sono stati i giorni di Ladies Home Journal – hanno parlato di stare insieme, ma devi solo sentire il solito compiacimento di oggi di "mia moglie è la mia migliore amica" per rendersi conto che il mito di "tutto ciò di cui hai bisogno è l'un l'altro" è ancora molto con noi. La sua tesi è che se tutti i tuoi bisogni – sessuali, emotivi, intellettuali, compagni, ecc. – non sono pienamente realizzati nella tua relazione accoppiata, qualcosa deve essere sbagliato con lei, lui o lei.

Pericoloso puck di cavalli, dico, e alla base di molte delusioni e disillusioni.

È meravigliosamente fortunato se continui a goderti la compagnia del tuo compagno al di sopra di chiunque altro, ma a chi potresti lamentarti in quelle rare occasioni in cui non lo fai? Abbiamo tutti bisogno di amici e, credo, amici di entrambi i sessi. Se siete accoppiati, ognuno di voi lo fa, ma una coppia ha bisogno di socializzare insieme. Quando è abbastanza difficile trovare qualcuno che ti piace e di cui ti piace la compagnia, quanto è più difficile trovarne due insieme che amano anche il tuo partner?

Propongo due, forse nuove soluzioni al problema di trovare amici in coppia. Uno, elimina la sindrome dell'Arca di Noè e cerca individui (o sesso a tre, se è per quello) con cui vorresti trascorrere del tempo. Le cene non hanno più bisogno di sedersi ragazzo-ragazza-ragazza – in un numero pari tutto intorno al tavolo. Una buona conversazione non è legata al genere.

A proposito di cene, il mio secondo suggerimento è di averle. Intrattenere. Invita le persone a casa tua. Anche se ciò che è servito è negozio comprato pizza e insalate insaccate. Chiedi alle persone di prendere un tè, o un brunch o un cocktail. Il punto è invitare diverse persone, dar loro da mangiare e liberarle per parlare tra loro e con te e la tua compagna. Chiedi a qualcuno che conosci anche leggermente o al tuo partner che potrebbe essere interessante. Nel peggiore dei casi, se lui o lei non esce, qualcun altro potrebbe essere affascinato. Lo chiamo rendendo la gente zuppa, un po 'di questo, un po' di quello. Poi, con un po 'di fortuna, almeno uno o due potrebbero invitarti in cambio e così il cerchio si allarga. Da qualche parte in là potrebbero esserci delle persone che ti piacciono entrambe. Vale la pena il guaio e la spesa di alcune bevande e antipasti, lo prometto.

Solutions Collecting From Web of "Svetlana e Marcel, Incontra i Kawakasi-Cohens: fare amicizia come coppia"