Svegliando

DarbyImage/flickr
Fonte: DarbyImage / flickr

Quali sono le esperienze spirituali? Non li penso in termini religiosi. Li vedo come momenti in cui la nostra consapevolezza diventa più intensa e più espansiva del normale, in modo che il mondo intorno a noi diventi più reale e vivo, e sentiamo un forte senso di connessione con la natura e gli altri esseri umani. Potremmo provare un senso di gioia o di quiete interiore, e sentire che in qualche modo il mondo intorno a noi è "in armonia" o ha un significato che troviamo difficile da esprimere.

Se una persona di origine religiosa ha una tale esperienza, potrebbe interpretarla in termini religiosi. Potrebbero vederlo come un dono di Dio e credere che la vitalità e l'armonia che percepiscono sia uno scorcio del divino o del cielo. Ma se non sei religioso, non c'è motivo di pensare in questi termini. L'esperienza è solo psicologica. Suggerisce che la nostra normale visione del mondo è limitata e in qualche modo anche aberrazionale. Nelle esperienze di risveglio, c'è un forte senso di "vedere di più", di espandersi oltre i limiti e di percepire una realtà più autentica.

La mia ricerca mostra che le esperienze di risveglio sono collegate a determinate attività e situazioni. Sono associati al contatto con la natura, pratiche spirituali come la meditazione o la preghiera, attività sportive (come la corsa e il nuoto) e il sesso. Sono anche fortemente associati a stati di intenso tumulto psicologico. Cioè, paradossalmente, spesso si verificano nel mezzo dello stress e della depressione, o in relazione a eventi traumatici della vita come la malattia, il divorzio o il lutto.

Tuttavia, una delle cose più interessanti di queste esperienze è che apparentemente stanno diventando più comuni. In un sondaggio Gallup del 1962, solo il 22% degli americani ha dichiarato di aver "mai avuto un'esperienza religiosa o mistica". Nel 1994 il 33% delle persone ha risposto affermativamente alla stessa domanda, mentre nel 2009 la percentuale era salita al 49% . La ricerca del Pew Research Center negli Stati Uniti ha mostrato una tendenza simile. Nel 2007, il 52% degli americani ha riferito di sentire regolarmente un "profondo senso di pace e benessere spirituale". Nel 2014, la percentuale si attestava al 59%. Nel 2007, il 39 per cento degli americani ha affermato di sentire "un profondo senso di meraviglia per l'universo", una cifra che era aumentata del 46 per cento nel 2014. Forse significativamente, questi aumenti hanno coinciso con una diminuzione dell'interesse per la religione organizzata.

Nel Regno Unito, i sondaggi del Centro di ricerca sull'esperienza spirituale hanno avuto risultati simili. In un sondaggio del 1969, la domanda "Hai mai sperimentato una presenza o un potere, che tu lo chiami Dio o no, che è diverso dal tuo sé quotidiano?", Rispose affermativamente il 29% delle persone. Nel 1978, la cifra era salita al 36 percento, e poi al 48 percento nel 1987. Nel 2000, ci fu un ulteriore forte aumento al 75 percento, un aumento del 27 percento in 13 anni (che era, casualmente o no, esattamente lo stesso figura in base alla quale la frequenza della chiesa è diminuita nello stesso periodo). (1)

Un movimento collettivo?

Perché le esperienze spirituali dovrebbero essere più comuni ora di quanto lo fossero pochi decenni fa? Potrebbe semplicemente essere che le persone stanno semplicemente migliorando nel riconoscerle, o sono più aperte nel discuterne. Ora che c'è maggiore consapevolezza generale della spiritualità nella nostra cultura, e concetti come "pace e benessere spirituale" sono una parte più comune del discorso, potrebbe semplicemente essere che più persone descrivono le loro esperienze in questo modo, quando potrebbe averli descritti in altri termini nei decenni precedenti.

O forse è giusto prendere la ricerca al suo valore nominale. Forse le esperienze spirituali stanno diventando sempre più comuni. Questo è l'approccio che prendo nel mio nuovo libro The Leap: The Psychology of Spiritual Awakening . Suggerisco che le esperienze spirituali sono scorci di un nuovo stato dell'essere che sta lentamente diventando più normale per gli esseri umani. Questo è uno stato di funzionamento più elevato che io chiamo "veglia", in cui una persona sente un maggiore senso di benessere, chiarezza e connessione. Hanno una più intensa consapevolezza del mondo che li circonda, un maggiore senso di apprezzamento della natura, una visione globale ampia e un sentimento di empatia globale con l'intera razza umana. In molti modi, è una variante permanente e in corso dell '"esperienza del risveglio".

Ho trovato molti esempi di persone che si spostano in questo stato a più alto funzionamento nel mezzo di intensi disordini psicologici – per esempio, lutto, malattia grave o alcolismo – descrivo alcuni di questi esempi in The Leap . Questo cambiamento è abbastanza comune e può essere visto come una variazione della "crescita post-traumatica" – a volte mi riferisco ad essa come "trasformazione post-traumatica". Ci sono anche centinaia di milioni di persone in tutto il mondo che stanno gradualmente coltivando la veglia seguendo le pratiche spirituali come la meditazione e il servizio, o percorsi spirituali come il buddismo, lo yoga o la cabala. Un interesse in costante aumento per l'autosviluppo, le pratiche spirituali e le tradizioni è una delle tendenze culturali più significative del nostro tempo.

Mi sembra che ci sia un momento collettivo verso il risveglio, che si manifesta in una varietà di modi, uno dei quali può essere la crescente frequenza delle esperienze spirituali.

(1) Sono grato al mio collega Jules Evans per aver portato la mia attenzione su questa ricerca.

Steve Taylor PhD è un docente senior in psicologia presso la Leeds Beckett University, nel Regno Unito. È l'autore di The Leap: The Psychology of Spiritual Awakening.

Il suo sito web è www.stevenmtaylor.com

Solutions Collecting From Web of "Svegliando"