Suzy Becker: ancora divertente, anche dopo la chirurgia del cervello

Suzy Becker
Fonte: Suzy Becker

L'umorista Suzy Becker è l'autrice e fumettista di molti libri tra cui Tutto quello che ho bisogno di sapere ho imparato dal mio gatto e ho avuto un intervento chirurgico al cervello, qual è la tua scusa? Potresti aver persino visto i suoi cartoni stravaganti sotto forma di biglietti di auguri. Il suo ultimo lavoro è il romanzo illustrato per il set dei tween, Kate the Great, tranne When She's Not. Ecco cosa ha da dire su questo nuovo sforzo:

Cosa ti ha portato a scrivere questo particolare libro? È un po 'diverso dai tuoi altri progetti.

In un certo senso, i miei progetti sono tutti diversi; Ho scritto dieci libri in sei generi diversi. (Crea una vita fantastica, non un così grande "marchio".) In un certo senso, sono tutti uguali, narrativa illustrata umoristica (in nessun ordine particolare). In questo caso, il mio editore Phoebe Yeh si è avvicinato al mio agente e mi ha chiesto se avrei preso in considerazione la possibilità di scrivere e illustrare un diario in stile doodle con una ragazza e ho saltato (in realtà il contrario, mi sono incatenato alla sedia). La mia bambina di nove anni e le sue amiche sono il pubblico / l'ispirazione perfetta.

C'è un po 'di brutale onestà nel modo in cui vedi il mondo. Ti senti soddisfatto quando ti vengono in mente i tuoi scenari e le tue battute?

Il mondo può essere brutale. Ho acquisito molta comprensione del mio senso dell'umorismo quando ho perso temporaneamente dopo una craniotomia (chirurgia cerebrale) nel 1999. Il mio umorismo mi permette di riformulare quello che vedo in un modo che mi fa ridere (e fortunatamente altri). La soddisfazione è probabilmente un'esagerazione, probabilmente meno vulnerabile la copre.

I tuoi lettori ti dicono: "Oh, questo è quello che penso anch'io".

Loro fanno. Cammineranno verso di me (sembra molto diverso da me) e diranno: "Abbiamo lo stesso strano senso dell'umorismo", ed è il miglior complimento. O a volte mi accusano di intercettazioni o spionaggio, niente di criminale. Credo davvero che cosa abbia detto Carl Rogers: "La cosa più personale è la più universale".

Quando, come vieni con le tue idee? E annoti annotazioni costantemente?

Le mie idee vengono da me alla mia scrivania quando sono sotto pressione limite o come sto andando nella mia vita. Non ne guadagno molto. Ero solito credere che se fossero state buone idee, le ricorderei. Ora mi piace come hai chiesto, annota le note costantemente. Decifrare le note (specialmente quelle che prendo mentre guido) può essere la parte più difficile del lavoro, sebbene possa produrre nuove idee.

Cosa ti impedisce di scrivere e di illustrare? O, cosa hai paura?

Vado a modo mio. La mia fiducia è abbastanza fragile, e faccio del mio meglio da un posto vertiginoso nel mio cuore / testa. Ho paura di lettori deludenti, e non avendo abbastanza lavoro. No, la mia più grande paura non è avere l'impulso: una combinazione di idee ed energia-passione, forse, per fare il lavoro.

Qual è la cosa più sorprendente che hai scoperto mentre scrivevi?

Kate the Great: tranne When She's Not è il mio primo romanzo. Mentre lo stavo scrivendo, tutti mi hanno assicurato che il secondo sarebbe stato più facile. Ora che sto scrivendo il secondo, non riesco a trovare quelle persone. Tutti sono come, "Sucker! Devi ricominciare da capo ogni volta che scrivi un libro. "A volte il mio umorismo può sorprendermi – e dato che la sorpresa è una parte importante dell'umorismo, raramente mi trovo molto divertente. È divertente farmi ridere.

Qual è la cosa più profonda che hai imparato su te stesso alla luce dei tuoi progetti?

Ci sono un paio di cose che ho sempre saputo di me che ho collegato solo di recente: 1) Far ridere la gente è una delle tre cose più importanti per me. (Rivelerò gli altri due in uno dei miei dieci libri.) 2) Scrivo / disegna per far sapere alle persone (me compreso), anche se possiamo essere soli, non siamo soli. In altre parole per connettersi. Mi sono reso conto negli ultimi 12 mesi che la risata è una prova udibile che ci sono riuscito; Non sarei soddisfatto con un sopracciglio alzato, un cenno, nemmeno un ooh o un aah.

Se tu avessi un consiglio, cosa sarebbe e per chi?

Direi a mia figlia di credere, "Sei abbastanza bravo. Sei abbastanza intelligente. E, dannazione, gente come te. "(Non ha mai sentito parlare di Stuart Smalley.) Riesci a crederlo e ad essere ancora ambizioso? (Ecco perché teniamo uno scantinato spaventoso – nessuno potrebbe concepire di vivere lì intorno ai trent'anni.)

Per ulteriori informazioni su Suzy Becker, fai clic qui e qui.

Solutions Collecting From Web of "Suzy Becker: ancora divertente, anche dopo la chirurgia del cervello"