Susan non è un "sopravvissuto", la risposta di Susan

Ascolta Susan e Coach Meg qui:
http://www.wellcoach.com/flash/cm110301_1.html
http://www.wellcoach.com/flash/cm110301_2.html

http://www.wellcoach.com/flash/cm110301_1.mp3
http://www.wellcoach.com/flash/cm110301_2.mp3

La settimana scorsa, ho presentato Susan. Susan non è una sopravvissuta; Susan è un brivido. E lei ringrazia Dio per questo ogni giorno. Susan è fiorente con il cancro allo stadio 4 ed è in viaggio per vivere il suo scopo.

Cara Meg,

La mia prima sessione con te è stata fantastica. Mentre riascolto la sessione, sono ancora impressionato di essere così fortunato di aver incontrato te e i tuoi colleghi alla Coaching Conference di Boston.

Sono un sopravvissuto al cancro dopo aver subito mastectomia, chemio e radiazioni. Il giorno in cui mi è stata diagnosticata la diagnosi originaria era il 1 luglio 2007. Ho finito tutte le visite ospedaliere nel maggio 2008 ed ero in recupero da questa esperienza fino a dicembre 2008. Fu allora che tornai al lavoro e un breve 3 mesi dopo fu diagnosticato nuovamente con carcinoma mammario metastatico. Sono stato diagnosticato erroneamente dall'inizio.

Ho dovuto essere irradiato nel maggio 2009 per rimuovere un tumore dalla mia spina dorsale. Colpisco un abisso emotivo e spirituale. Io non ci potevo credere. È stato allora che ho toccato il fondo. Non riuscivo a vedere nessuno scopo nella mia vita. Sorprendentemente, ho continuato la mia preghiera e la mia routine spirituale ogni giorno – pregando e credendo che qualcosa di buono doveva venire da questa crisi. A luglio e agosto, sapevo di essere nei guai emotivi.

Ho raggiunto gli amici. Uno di loro era all'Istituto Chautauqua per tre settimane con la sua famiglia. Ho volato lì e così ho iniziato il viaggio del mio ritorno alla VITA. È lì che sono risorto e ho ricevuto lo scialle viola. È stato lì che ho appreso per la prima volta di oncologia integrativa attraverso Stephen Sagar, MD, che è stato docente ospite a Chautauqua.

Poi, per grazia di Dio, sono stato reso consapevole di un simposio che si terrà a Boston sul Coaching in Medicina e Leadership. Ero così disilluso e deluso dalla mia esperienza nei due migliori ospedali del paese (Massachusetts General e Dana-Farber). La mia esperienza con i medici e il sistema era frammentata, distante e non supportata. Sapevo che ci doveva essere un modo migliore e più efficace per i pazienti con cancro o altre malattie gravi per navigare in questo processo e utilizzare i servizi offerti.

Sì, si erano avvicinati alla guarigione fisica in modo superficiale e superficiale. Ma con la conferma di due dottori che avevo da tre a cinque anni di vita, avevo perso ogni speranza e scopo e stavo letteralmente morendo in un sistema sanitario che non aveva raggiunto la guarigione emotiva. La mia volontà di vivere e il mio spirito sono stati infranti dagli stessi medici che sono stati assunti per guarire. La mia ispirazione per la gioia e la vita è stata schiacciata.

Alla conferenza ho condiviso la mia storia. È stato lì che ho rivelato agli oltre 500 partecipanti che ero al precipizio; o prendere la mia vita o trasformare la mia vita. Era difficile ed emotivo. Non ho potuto trattenere le lacrime mentre parlavo. Potevo sentire il dolore rilasciato. Sono stato abbracciato da così tante persone alla conferenza e mi hanno contattato per sostenere il mio viaggio: Pam Schmid, anche sopravvissuta al cancro e allenatrice del benessere; una donna della Fondazione Harnish che mi ha detto di essere una sopravvissuta al cancro al seno di 10 anni; e un dottore che è anche un allenatore di benessere. Il simposio ha cambiato lo scopo e la direzione della mia vita.

Poi, ti ho incontrato; un fantastico allenatore. È la prima volta che lavoro con un allenatore. Sono benedetto dalla coerenza e dall'incoraggiamento che fornisci. La mia vita è cambiata radicalmente dai giorni bui, e ora mi sveglio ogni giorno rinnovata e piena di speranza. So di avere uno scopo GRANDE in questa vita e tu stai assistendo alla rivelazione di ciò e continuando a farmi andare avanti. Naturalmente il primo allenatore è Dio; è la sua direzione e guida che cerco ogni giorno.

Solutions Collecting From Web of "Susan non è un "sopravvissuto", la risposta di Susan"