Susan Cain's Quiet: The Introvert Apocalypse!

25 giugno 2014

Non abbiamo ancora avuto l'apocalisse di zombi (credo), ma Susan Cain potrebbe aver scatenato l'apocalisse introversa. Gli introversi di tutto il mondo sono cresciuti in rivolta, esigendo la convalida e il crogiolarsi nell'improvviso bagliore di approvazione e riconoscimento, qualcosa che abbiamo appena sognato o persino immaginato prima dell'eccezionale discorso di Cain su TED. Non è un nostro problema. In realtà, noi siamo la soluzione. Solo i nostri terapisti ce l'avevano detto prima. Bene, i migliori, comunque. Prendi quello estroverso, i vampiri dell'attenzione. Prendi questo, la cultura Zombie del marketing di massa e del marketing! Prendi questo, cultura della personalità! Stiamo riprendendo le strade con la nostra cultura di CARATTERE! Mwahahaa!

La TRANQUILLA di Susan Cain: IL POTERE DEGLI INTROVERSI IN UN MONDO CHE NON FERMERÀ DI TALKING è stato nelle liste dei bestseller per oltre due anni, e comprensibilmente. Cain convalida un intero gruppo di persone che ha affermato essere costantemente oppresse e trascurate come le donne erano nei giorni precedenti al femminismo. QUIET è un richiamo all'azione: capire la natura "introversa" di un terzo alla metà della popolazione, dar loro potere di affermarsi e, infine, costruire una "cultura del carattere" del 21 ° secolo come contrappunto all'estroversione- cultura ossessionata della personalità nata all'inizio del XX secolo con l'ascesa del business, del marketing e dei guru dell'auto-promozione da Dale Carnegie a Tony Robbins. La signora Cain ha fatto molto bene, e

La applaudo per il suo lavoro e per i molti modi in cui promuove i suoi ideali, come il suo sito web, The Power of Introverts, il suo TED talk (con quasi 8 milioni di visualizzazioni!) E la sua presenza molto attiva sui social media, incluso il suo blog per Psychology Oggi.

Tuttavia, a ben guardare, la signora Cain fa alcune ipotesi generali per convalidare il suo progetto culturale. Il più preoccupante per me è stato il suo uso di stereotipi razziali sugli asiatici americani, che tratterò nel mio prossimo post sul blog. Ma la premessa alla base del suo intero libro è di per sé problematica. Usa la comprensione laica dell'introversione, ma spesso invoca studi basati sulla definizione clinica più stretta di introversione. Il risultato è che è abilmente in grado di infondere introversione con tutta una serie di virtù morali che ne fanno un esempio irresistibile di tutto ciò che è buono con l'umanità. Gli introversi sono, a giudizio di Caino, persone tranquille di pensiero, convinzione, moderazione e leadership "soft-power", che sono sensibili a una colpa e compassionevoli, a paragone con lo sfacciato, sconsiderato, egocentrico, insensibile, rumoroso estroversi che rendono tutte le nostre vite miserabili. Sto esagerando solo leggermente, ma tu hai l'idea. Naturalmente, chiunque abbia un sentore di introversione, chiunque abbia mai sentito il bisogno di "me-time" o "tempo morto", è probabile che non sia solo lusingato dalle sue idee, ma anche di diventare un paladino del suo libro e missione. Chiunque abbia mai provato un pizzico di insicurezza su se stesso in relazione agli altri è ugualmente travolto dal suo sottile evangelismo. In effetti, ho avuto amici e colleghi che mi hanno detto che Tranquillo era uno dei libri più importanti che avessero letto da tempo. E solo l'estroverso più sicuro di sé è escluso dalla sua portata. È una manovra geniale. Adulare il tuo soggetto è una tattica "soft power", dopo tutto. Spiega perché milioni hanno letto il suo libro ed hanno esclamato "Perché, sono io !!" Poteva praticamente stampare adesivi che dicevano "Io buono. Io speciale Io introverso. Io ho un lato tranquillo. "Diamine, ero pronto a dare uno schiaffo a uno di questi sulla mia macchina, ma per me sarebbe stato troppo estroverso.

La differenza tra introversione ed estroversione è semplicemente "dove si ottiene la propria energia". I termini furono usati per la prima volta psicologicamente da Jung, e poi si fecero strada nei test psicologici e nei modelli di personalità. Le persone che tendono verso il lato introverso dello spettro traggono la loro energia da pensieri, emozioni ed esperienze interne, mentre gli estroversi traggono la loro energia dalle attività socializzanti e focalizzate verso l'esterno. Gli estroversi sono caratterizzati come socievoli e socievoli, e mentre gli introversi preferiscono attività solitarie e sono più riservati. I tratti di solito non sono considerati esclusivi, ma piuttosto esistono su uno spettro. Per definizione, la maggior parte delle persone ha un mix di introversione ed estroversione, e si possono manifestare diversi aspetti della propria personalità a seconda delle condizioni. Gli ambitori si trovano al centro dello spettro – si sentono quasi ugualmente a proprio agio con attività solitarie o orientate al gruppo.

Cain, tuttavia, utilizza una definizione molto più ampia di introversione, apparentemente per rendere il suo libro più accessibile.

"I seguaci della tassonomia Big 5 spesso considerano tali caratteristiche come la tendenza ad avere una natura cerebrale, una vita interiore ricca, una coscienza forte, un certo grado di ansia (specialmente la timidezza) e una natura avversa al rischio come appartenenti a categorie abbastanza separate da introversione . Per (psicologi della personalità contemporanei, questi tratti possono cadere sotto (Grandi 5 tratti di personalità) "apertura all'esperienza", "coscienziosità" e "nevroticismo". (269) Cain prosegue affermando che la sua definizione "comprende le visioni junghiane del il mondo interiore dell'introverso di "fascino inesauribile" e esperienza soggettiva, la ricerca di Jerome Kagan sull'alta reattività e ansia (vedi i capitoli 4 e 5), il lavoro di Elaine Aron sulla sensibilità dell'elaborazione sensoriale e il suo rapporto con coscienziosità, sentimento intenso, interiorità diretta e profondità di elaborazione (vedi capitolo 6) e varie ricerche sulla persistenza e concentrazione che gli introversi portano alla risoluzione dei problemi, molte delle quali riassunte meravigliosamente nel lavoro di Gerald Matthews (vedi capitolo 7). "La ricerca è avvincente, ma si riunisce abbastanza un po 'che certamente trova risonanza con una vasta schiera di persone, ma merita anche una certa differenziazione.

Rende l'introversione una virtù morale piuttosto che un tratto psicologico. Il problema è che non è intrinsecamente più virtuoso essere introverso . Una persona introversa e sensibile potrebbe essere fragile, reattiva o giudicante; possono essere completamente in mare e persi nel loro mondo interiore; assumere bevande o droghe per lenire la loro reattività; picchia le loro mogli; ignorare i loro figli; o diventare assassini di massa. Essere almeno un po 'interiormente focalizzati e sensibili sono senza dubbio i prerequisiti per la vita contemplativa, che sono d'accordo è necessario per la coltivazione della virtù, ma essere interiore non garantisce di essere virtuoso. A potrebbe portare a B, B potrebbe portare a C ma A non garantisce C. Le virtù nascono dalla coltivazione. Anche quando nasciamo con predisposizioni, devono essere portati avanti attivamente. Naturalmente, se la natura sensibile di un bambino è invalidata dai genitori o dalla cultura più ampia, può trasformarsi in vergogna, paura e ritiro, anziché virtù. Il libro di Cain è certamente un rimedio per quest'ultima situazione: convalidando la sensibilità e fornendo una guida per gestirla, lei fa un ottimo servizio.

Caino fa il caso apparentemente valido che, in quanto cultura, l'America è passata dal valutare la riflessione interna nella "cultura del carattere" del 1800, alla "cultura della personalità" che si è creata con il business e marketing nel 1900. È così in grado di dipingere lo sfondo di un declino della civiltà occidentale in superficialità, mentalità di branco e spavalderia (esemplificato da Tony Robbins e megachurches). L'introversione è stata comprensibilmente de-enfatizzata. Ma penso che il vero problema è che non siamo intenti a coltivare le virtù che avvengono attraverso la riflessione interna, e non siamo neanche certi che alcuni di questi valori valgano la pena.

(Ho avuto anche altri cavilli, soprattutto su come Cain elabora la sua narrativa per sottolineare i suoi punti sull'introversione.Ad esempio, racconta di una coppia litigante, lui un estroverso e lei un introverso.La sua soluzione al loro combattimento è stato quello di incoraggiare l'introverso per affermare se stessa ed essere più arrabbiata.Tuttavia, anche in questo esempio, la coppia ha trovato la risoluzione in empatia, non in rabbia, quindi Cain sottolinea ciò che per me è la virtù sbagliata.)

Cain convalida mirabilmente l'introversione. La sua soluzione, per così dire, alla "cultura della personalità che non smetterà di parlare" è quella di creare una cultura della sensibilità e del carattere mediata dagli introversi che capiscono se stessi e alla fine superando la loro "oppressione" per affermare il loro modo "migliore", uno che sembra implicare è superiore.

Per me, questo è abbastanza vicino al punto. In definitiva non si tratta di estroversione e introversione. L'introversione è una conferma per i valori reali che sono sempre riusciti a sollevarci come società e individui nel corso degli anni, valori che sono sempre stati in conflitto con il potere, l'egocentrismo, lo sfruttamento, l'emarginazione e l'oppressione. La soluzione più completa ai problemi che affrontiamo, dalle gravi ingiustizie sociali ed economiche, alle crisi ambientali, a tutti i fallimenti di empatia che ci ostacolano, è di portare compassione e saggezza al vertice della classe, la suite del CEO, la Casa Bianca, sale del Congresso e tutte le altre roccaforti della leadership.

Con ogni mezzo necessario. Estroverso o introverso, tranquillo o loquace.

In sintesi, il libro di Cain è un prezioso contributo alla cultura, e lo consiglio vivamente. Ma alcune delle sue ipotesi meritano, ironia della sorte, una riflessione introversa e un dibattito estroverso.

Domani discuterò il capitolo che è stato più problematico per me. Soft Power: Asian-Americans e l'Ideale estroverso , che per me è stato molto inferiore alla comprensione, alla convalida e alla sensibi- lità di larghe vedute che Caino difende. L'introversione può essere un obiettivo, ma può anche essere un filtro e una distorsione.

VEDERE: Susan Cain's Quiet: Is Asian American Silence Golden?

© 2014 Ravi Chandra, MD Tutti i diritti riservati.

Newsletter occasionale per scoprire il mio nuovo libro sulla psicologia dei social network attraverso un obiettivo buddhista, Facebuddha: Trascendence in the Age of Social Networks: www.RaviChandraMD.com
Pratica privata: www.sfpsychiatry.com
Twitter: @ going2peace http://www.twitter.com/going2peace
Facebook: Sangha Francisco-The Pacific Heart http://www.facebook.com/sanghafrancisco
Per informazioni su libri e libri in corso, vedere qui https://www.psychologytoday.com/experts/ravi-chandra-md e www.RaviChandraMD.com

Solutions Collecting From Web of "Susan Cain's Quiet: The Introvert Apocalypse!"