Superfluidità: la scienza e la psicologia del flusso di ottimizzazione

Photo and illustration by Christopher Bergland (Circa 2009)
"Distaccare" i centri di controllo esecutivo della corteccia prefrontale può consentire alla "superfluidità" dei pensieri di fluire senza attrito o viscosità tra tutti e quattro gli emisferi cerebrali. Questo processo potrebbe migliorare il flusso, l'intelligenza fluida e la capacità creativa.
Fonte: foto e illustrazione di Christopher Bergland (Circa 2009)

Nei primi anni '90, quando stavo iniziando la mia carriera sportiva come triatleta di resistenza, qualcuno mi ha dato una copia del libro di Mihaly Csikszentmihalyi, Flow: The Psychology of Optimal Experience. Leggere questo libro ha cambiato la mia vita.

Il concetto di "flusso" mi ha dato un nuovo quadro e vernacolo per descrivere la sensazione estatica di perdersi nella gioia di correre, andare in bicicletta e nuotare. Csikszentmihalyi mi ha insegnato che, abbinando il mio livello di abilità a maggiori livelli di sfida, potevo perdermi in qualunque cosa stavo facendo.

Identificare come trovare il punto debole tra la noia e l'ansia – ed entrare in quello che Csikszentmihalyi descrive come "canale di flusso" – è stata la chiave del mio successo atletico. Sono andato a gareggiare in piccole gare locali a Central Park verso la fine degli anni '80 fino alla rottura di un Guinness World Record nel 2004.

Detto questo, da qualche parte verso la fine degli anni '90, ho iniziato a rendermi conto che c'erano in realtà due livelli dell'esperienza di flusso che non avevo un linguaggio da descrivere … e nessuno di quelli che conoscevo parlava mai di questo fenomeno. Mentre praticavo duramente ogni giorno per diventare un atleta di livello d'elite, creare flusso diventava meccanico, meccanico e par per il corso su base giornaliera.

In un certo senso, l'esperienza regolare del flusso è diventata banale. Non c'era nessun mistero lì. Ma quello che mi ha fatto davvero andare in culo sono stati questi momenti episodici di sentimento assolutamente privo di attrito o viscosità, che erano estatici in un modo di esperienza orgasmico e di picco. Più che attraversare un traguardo, inseguire la beatitudine di questa sensazione è diventato come la ricerca di un "Santo Graal" per me come atleta ultra-resistenza.

La parola "estasi" deriva dal greco "stare al di fuori di se stessi"

Nella mia ricerca di prove empiriche per spiegare questi lampi miracolosi di sentimento come se fossi un condotto collegato a una forza di energia infinita e cosmica come atleta, mi sono rivolto al lavoro di Marghanita Laski, che ha scritto un libro negli anni '60, Estasi: In esperienze secolari e religiose.

Facendo compilare un questionario i suoi pari, il professor Laski è stato in grado di identificare e isolare quando le persone provavano un senso estatico di unità con una "fonte" spirituale. L'indagine includeva domande come "Conosci una sensazione di estasi trascendente? Come lo descriveresti? "

Laski classificò un'esperienza come "estasi" se possedesse due dei tre seguenti: unità, eternità, cielo, nuova vita, soddisfazione, gioia, salvezza, perfezione, gloria; contatto, conoscenza nuova o mistica; e almeno uno dei seguenti sentimenti: perdita di differenza, tempo, luogo … o sentimenti di calma, mondanità e pace.

I rispondenti al sondaggio di Marghanita Laski hanno usato una varietà di frasi simili quando descrivevano le connessioni spirituali che avevano sperimentato durante l'estasi, come:

"Un senso di unicità delle cose, capisci che tutto in realtà è collegato a una cosa … Non ho visto nulla e tutto … Tutte le note separate si sono sciolte in un'unica armonia gonfiore … Ho visto e conosciuto l'essere di tutte le cose in quel momento … Il significato interiore ed esteriore della terra e del cielo e tutto ciò che è in loro … Mi adatto esattamente … Ho visto l'universo Divino è una presenza vivente in ogni cosa. "

Laski scoprì che i fattori scatenanti più comuni per le estasi trascendentali provenivano dalla natura: acqua, per esempio, montagne, alberi e fiori; crepuscolo, alba, luce del sole; drammaticamente brutto tempo. Tutti questi hanno la capacità di creare una sensazione estatica di auto-trascendenza. Aggiungerei l'esercizio aerobico a questa lista.

Nella mia ricerca di un linguaggio per descrivere il più alto livello di flusso, ho avuto la fortuna di incappare in uno speciale della BBC sulla fisica quantistica. Il documentario descriveva il fenomeno della superfluidità, che è quando l'elio si raffredda fino al punto in cui può scalare le pareti di un contenitore, gocciolare attraverso il fondo di un bicchiere di vetro, o scorrere eternamente in una fontana senza attrito, ecc.

Nel momento in cui ho sentito questa parola e ho visto la superfluidità in azione in un laboratorio (nel video sopra) ho detto: "Sì! Questo è tutto!! Questa è la parola perfetta per descrivere cosa si prova a fluire con attrito, viscosità o entropia assolutamente nulli. "

Successivamente, avevo bisogno di capire le neuroscienze della superfluidità. Per fare questo, mi sono impegnato in lunghe conversazioni con mio padre che era un neuroscienziato e autore di The Fabric of Mind . Insieme, mio ​​padre e io abbiamo creato un nuovo modello di cervello diviso che prevedeva l'apprendimento esplicito nel cervello e l'apprendimento implicito nel cervelletto.

Il modello split-brain di Bergland era originariamente chiamato "cervello cerebrale in su." Questa era una risposta diretta e convincente al modello del "cervello sinistro-destro-destro". Negli anni '70, mio ​​padre era l'esperto di scienze per libri come " Disegnare dal lato destro del cervello". Tuttavia, negli anni 2000, aveva la sensazione che il cervelletto potesse effettivamente essere la sede del pensiero intuitivo e creativo.

Nel 2007, quando ho pubblicato The Athlete's Way: Sweat and the Biology of Bliss, ho volutamente intitolato il capitolo finale del libro "Superfluidità" con il piano di gioco subconscio che il mio prossimo libro avrebbe ampliato su questo concetto.

Nei primi anni 2000, non avevo abbastanza prove empiriche per espandere la neuroscienza della superfluidità. Bene, è passato più di un decennio e finalmente (con i progressi del 21 ° secolo nella tecnologia di imaging cerebrale) i pezzi che ho bisogno di risolvere l'enigma della superfluidità stanno finalmente prendendo piede.

Dismetria del Pensiero: il tuo pensiero e il tuo coordinamento a Cerebellum Fine-Tunes

Life Science Databases/Wikimedia Commons
Cervelletto (in latino per "piccolo cervello") in rosso.
Fonte: banche dati Life Science / Wikimedia Commons

Uno dei più significativi Aha! I momenti che ho avuto negli ultimi anni sono stati la rivelazione che la chiave per creare la superfluidità probabilmente sta nel coinvolgere attivamente tutti e quattro gli emisferi cerebrali insieme al nervo vago.

Mi rendo conto ora che quando mio padre ed io ci siamo completamente spostati da un modello di sinistra-destra al nostro modello up-down, nel nostro modo di pensare eravamo solo parzialmente corretti. La mia ipotesi attuale è che il modo ottimale per facilitare il flusso e la superfluidità richieda l'ingaggio di entrambi gli emisferi del cervello e di entrambi gli emisferi del cervelletto, mentre il nervo vago mantiene il cortisolo basso e l'acetilcolina calma il sistema nervoso parasimpatico, che ti dà grazia sotto pressione. Di nuovo, questa è ancora un'ipotesi plausibile.

Inoltre, nell'ultimo anno, ho appreso della ricerca di Atassia e di Jeremy Schmahmann alla Harvard Medical School sull'atassia e sul suo concetto di "dismetria del pensiero", ovvero che il cervelletto perfeziona il nostro pensiero proprio come perfeziona i nostri movimenti muscolari . Questa intuizione ha completamente trasformato il modo in cui vedo la superfluidità.

Come spesso accade, studiando un disturbo neurologico, gli scienziati capiscono cosa stanno facendo certe aree del cervello. In molti modi, la dismetria (che è la mancanza di coordinazione o fluidità del movimento a causa di anomalie cerebellari) è l'estremità opposta polare dello spettro di superfluidità del movimento e del pensiero senza attrito o viscosità.

Mio padre diceva sempre: "Non sappiamo esattamente cosa stia facendo il cervelletto; ma qualunque cosa stia facendo, ne sta facendo un sacco. "L'ipotesi di Schmahmann che il nostro cervelletto perfeziona i nostri pensieri allo stesso modo in cui perfeziona i nostri movimenti muscolari è stata la pistola fumante che stavo cercando per spiegare la neuroscienza della superfluidità.

Life Science Databases/Wikimedia Commons
Cerebrum (in latino per "cervello") in rosso.
Fonte: banche dati Life Science / Wikimedia Commons

Inoltre, il fatto che Schmahmann abbia perfezionato il cervelletto posteriore in quanto particolarmente importante per l'intelligenza emotiva, si inserisce nel modello cerebrale cerebrale che colloca l'intelligenza cristallizzata nella corteccia prefrontale del cervello. Nella nostra evoluzione umana, il cervelletto posteriore e la corteccia prefrontale hanno visto una crescita esplosiva che ci distingue dagli altri mammiferi.

Inoltre, la ricerca di Samuel Wang presso la Princeton University sulla correlazione tra le anormalità del cervelletto e i disturbi dello spettro autistico (ASD) è un'altra ricca fonte di potenziali indizi su ciò che il cervelletto sta facendo.

Infine, nell'ultimo anno Manish Saggar presso la Stanford University ha identificato che l'ottimizzazione della connettività cerebrale tra il cervelletto e il cervello aumenta la capacità creativa. La rivoluzionaria ricerca di Saggar è la prova potenziale che "sbloccare" la corteccia prefrontale mentre coinvolge entrambi gli emisferi cerebellari può essere una parte fondamentale della creazione di superfluidità.

Conclusione: superfluidità = flusso + intelligenza fluida + capacità creativa

Courtesy of Larry Vandervert
Il cervelletto è solo il 10% del volume del cervello, ma contiene quasi l'80% dei neuroni totali del cervello.
Fonte: per gentile concessione di Larry Vandervert

Come potete vedere, le mie ipotesi sulla scienza e la psicologia dell'ottimizzazione del flusso e della creazione della superfluidità sono lavori in continua evoluzione. Per ora, mi sembra chiaro che la superfluidità è un termine che può essere usato per descrivere l'ottimizzazione di tre cose: flusso, intelligenza fluida e creatività. Restate sintonizzati per ulteriori ricerche e idee su come coinvolgere il cervelletto e il nervo vago possono migliorare la flessibilità cognitiva, la capacità creativa e le esperienze di flusso.

Per saperne di più su questo argomento, controlla i miei post sul blog di Psychology Today ,

  • "Superfluidità: l'intelligenza fluida supera il cervello"
  • "Il cervelletto può essere la sede della creatività"
  • "Superfluidità: decodifica l'enigma della flessibilità cognitiva"
  • "La neurobiologia della grazia sotto pressione"
  • "La connettività migliorata del cervelletto aumenta la capacità creativa"
  • "Un pensiero troppo cristallizzato riduce l'intelligenza fluida"
  • "Ulteriori collegamenti di ricerca autismo e il cervelletto"
  • "In che modo le regioni motorie del cervello trasmettono l'intelligenza del fluido?"
  • “Aha! L'esercizio aerobico facilita il libero flusso del pensiero "
  • "In che modo il nervo vago trasmette l'istinto al cervello?"
  • "La neuroscienza dell'immaginazione"
  • “Eureka! Decostruire i meccanismi del cervello di 'Aha!' Moments”
  • "Superfluidità: prestazioni di punta oltre lo stato di" flusso ""
  • "5 motivi per cui il cervelletto è la chiave per crescere in un'era digitale"
  • "La ricerca di Harvard mostra come il cervelletto regola i pensieri"

© 2016 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland

Solutions Collecting From Web of "Superfluidità: la scienza e la psicologia del flusso di ottimizzazione"