Superare le quote "impossibili"

Immagina come sarebbe la tua vita se tutte le cose che molti di noi danno per scontate non fossero lì. Cose come il cibo, un bagno funzionale, vestiti puliti, privacy, calore adeguato nel freddo dell'inverno, un senso di sicurezza fisica ed emotiva e altri ingredienti che molti di noi considerano le basi della vita. E immagina se, al contrario, la tua vita fosse piena di tutti gli opposti di quelle cose: sporcizia, abbandono, fame, esaurimento, ansia, vergogna e squallore. Quindi immagina di essere un bambino, un bambino molto piccolo che vive in quell'ambiente senza alcuna speranza di una possibile redenzione dalla tua sofferenza e senza fine in vista della tua miseria.

Liz Murray è nata e ha trascorso la sua infanzia vivendo in tali circostanze. I suoi genitori erano tossicodipendenti e alla fine entrambi soccombettero all'AIDS. Liz e sua sorella maggiore vivevano con loro in un squallido appartamento nel Bronx che durante la maggior parte della loro infanzia era la base per il consumo di droghe e droghe, con estranei che andavano e venivano durante il giorno e la notte, estranei che come i genitori di Liz avevano solo un pensiero nella loro mente: ottenere la loro prossima correzione.

Eppure, travolgente come la privazione fisica di Liz, non era la parte più difficile della sua vita. "Era", ci disse, "i sentimenti di solitudine, vergogna e isolamento che vivevo ogni giorno che rendevano la mia vita così dolorosa. Per quanto sapessi che i miei genitori mi amavano, la loro schiavitù per le droghe rendeva impossibile per loro provvedere ai miei bisogni più elementari o anche ai loro personali per quella materia. "

Liz ha imparato fin dalla tenera età che non solo avrebbe dovuto badare a se stessa, ma che avrebbe dovuto prendersi cura anche dei suoi genitori, dato che la loro ossessione con la droga impediva loro di soddisfare anche i requisiti più fondamentali di vita. L'unico reddito che la famiglia abbia mai visto proviene da un piccolo assegno mensile di SSI che sua madre ha ricevuto perché era legalmente cieca. Questo a volte veniva integrato da piccole quantità di entrate provenienti dalle vendite di oggetti scartati che suo padre trovava nei bidoni della spazzatura e dal denaro contante che sua madre cercava di prostituirsi e di mendicare. Il controllo SSI arrivò il primo del mese e alla fine di quella settimana, tutti i soldi sarebbero andati. Con tre settimane rimaste fino al prossimo assegno e senza soldi, la madre di Liz era così disperata e tesa che spesso rubava i soldi guadagnati duramente che Liz aveva fatto e risparmiato facendo strani lavori nel vicinato fin dalla tenera età. Ma i soldi non andavano mai per il cibo, anche quando Liz e sua sorella Lisa non avevano nulla da mangiare. È stato sempre speso per la droga per i suoi genitori ..

Il padre di Liz è stato incarcerato durante i primi tre anni della sua vita e per la prima volta ha messo gli occhi su di lui quando è stato rilasciato dalla prigione poco dopo il suo terzo compleanno. Quando Liz aveva sei anni, è stata molestata sessualmente da un "amico di famiglia" che è stato portato in casa da sua madre. Poco dopo, sua madre divenne schizofrenica e fu ricoverata in ospedale nel primo di una serie di ricoveri che sarebbero continuati fino alla sua morte da AIDS nel 1996. Dopo la morte di sua madre quando aveva 15 anni, Liz divenne senzatetto e trascorse i successivi anni vivendo per strada, di tanto in tanto passare la notte con gli amici, o andare a cavallo e dormire sulla metropolitana di New York tutta la notte per stare al caldo.

Vivere nell'ambiente caotico che caratterizzava la sua vita aveva reso impossibile a Liz frequentare la scuola su qualsiasi cosa tranne che su una base molto rara, o concentrarsi su argomenti accademici. Quando andava a scuola i suoi compagni di classe la prendevano continuamente in giro e la tormentavano per i suoi vestiti laceri, i suoi capelli luridi e il suo corpo non lavato, e Liz si sentiva come un paria durante la maggior parte della sua infanzia. Aveva pochi amici e interiorizzava i giudizi su di lei che altri sostenevano: che era senza valore, brutta, difettosa e stupida, forse persino ritardata.

Eppure Liz non solo possedeva un intelletto ben oltre ciò che lei o altri realizzarono, ma aveva anche punti di forza che le consentivano di trascendere l'orrore delle sue circostanze di vita e ottenere risultati inconcepibili. Eppure anche questa non è la cosa più impressionante di Liz o della sua vita.

La cosa più sorprendente di questa straordinaria giovane donna (Liz ha solo 32 anni) è che durante le difficoltà, la privazione al punto di quasi fame e innumerevoli casi di negligenza e abuso, è riuscita a tenere il cuore aperto senza soccombere a la tentazione di diventare amaro, odioso o vendicativo, come lo sono in tante situazioni simili. Liz non sembra avere un'oncia di autocommiserazione nel suo corpo, anche se nessuno potrebbe biasimarla se lo facesse. Se qualcuno ha mai avuto il diritto di sentire che ha avuto un brutto affare nella vita, è Liz. E lei ha fatto. Ma l'autocommiserazione e l'amarezza non sono la sua cosa. Qual è la sua cosa, è l'amore. È l'enorme capacità di Liz di amare e compassione e il suo impegno nel servizio che le rende la persona straordinaria che è. La sua volontà di vivere con un cuore aperto ha attratto molte persone nella sua vita e alcuni hanno approfittato della sua apertura vedendo la sua vulnerabilità come qualcosa che potrebbero sfruttare per i propri interessi. Ma altri hanno risposto alla sua vulnerabilità con compassione, amore e grande generosità.

Nonostante sia stata respinta da un gran numero di scuole superiori alternative da adolescente, Liz ha continuato a perseguire il suo desiderio di istruzione ed è stata finalmente accettata all'Accademia preparatoria umanistica a Manhattan dove è stata aiutata da due insegnanti ispirati e stimolanti, Vince e Perry, che riconosciuto nella sua grande bellezza interiore, forza e intelligenza. Fiorente nel loro incoraggiamento e nella loro convalida, Liz si è impegnata nei suoi studi e ha completato quattro anni di liceo in due anni ricevendo le A ininterrotte. Rimase senzatetto durante questo tempo, anche se nessuno lo sapeva. Ha lavorato le estati per coprire le sue spese di soggiorno e mangiato pasti in un rifugio che ha fornito cibo per i senzatetto giovani.

Un giorno in una gita a Boston con la sua classe di scuola superiore, Liz visitò Harvard e ne fu profondamente impressionato, anche se aveva appena sentito parlare dell'università prima del viaggio. Pochi mesi dopo, quando era tempo che Liz si candidasse al college, Perry suggerì di prendere in considerazione Harvard. Le disse: "Certo sarebbe una portata, ma non è impossibile". Quello che è successo dopo è la roba delle fiabe ma questa non era finzione, era realtà. Liz è stata accettata da Harvard, ma poi c'era, naturalmente, la piccola questione di pagare le tasse scolastiche e coprire le spese di soggiorno in una delle università più prestigiose e costose d'America. Imperterrito, Liz, insieme a diverse migliaia di studenti delle scuole superiori, partecipò a un concorso di saggi sponsorizzato dal New York Times . Le linee guida per il concorso richiedevano ai candidati di descrivere tutti gli ostacoli che potevano avere nella loro vita che dovevano superare per prosperare accademicamente. Liz ha vinto il concorso e ha ricevuto una borsa di studio completa per Harvard.

Liz interruppe la sua educazione ad Harvard nel 2001 per prendersi cura di suo padre che era malato di AIDS, frequentando la Columbia University e prendendosi cura di lui fino al 2006, quando morì. Liz in seguito è tornata ad Harvard e si è laureata nel 2009.

Un bambino manifesto per la trasformazione, Liz ha uno spirito indomabile e la volontà di sopravvivere e ha prevalso contro ogni previsione. Attualmente viaggia a livello nazionale e internazionale ed è uno speaker motivazionale molto richiesto. È la fondatrice e direttrice di Manifest Living, con sede a New York City, una società che sponsorizza workshop che potenziano e ispirano gli adulti a creare cose straordinarie nelle loro vite, come Liz.

La sua storia di vita ispiratrice è stata catturata nel film originale di Lifetime Television, Homeless to Harvard: The Liz Murray Story , che è stato nominato per tre Emmy. È l'autrice del bestseller del New York Times Breaking Night, un libro di memorie, pubblicato nel settembre 2010. Da allora si è sposata e ha avuto due figli. Nel 2013 Liz ha ricevuto un dottorato onorario di servizio pubblico dal Merrimack College in Massachusetts.

Liz è senza dubbio una delle persone più resilienti, compassionevoli e impegnate che abbiamo mai incontrato e ovviamente saggi oltre i suoi anni. È un'ispirazione per tutti coloro che hanno la fortuna di incrociarsi con lei. La prossima volta che dubiti della tua capacità di realizzare qualcosa che è molto importante per te, ripensaci. Pensa a Liz .____________________________________________________________

Se ti piace quello che leggi, clicca qui per visitare il nostro sito internet bloomwork.com e iscriviti per ricevere le nostre newsletter di ispirazione gratuite. Seguici su Facebook!

Solutions Collecting From Web of "Superare le quote "impossibili""