Superare le fobie: 6 principi importanti

Entrambi i miei genitori, che erano fobici in generale, avevano una particolare paura dell'acqua. Mia madre mi ha detto che entrambi avevano avuto esperienze quasi annegate. Dato che nessuno di loro sapeva nuotare, e dato che non li avevo mai visti in spiaggia o vicino a una piscina, dopo un po 'sono arrivato a credere che mia madre mi avesse raccontato quella storia con l'esplicito desiderio di spaventarmi. Certamente, quella era una strategia che usavano in generale per tenermi al sicuro. Non volevano che nuotassi, andassi in bicicletta, guidassi, camminassi per i quartieri pericolosi, che andassi senza dormire a sufficienza, e così via. Così, quando avevo sedici anni, avevo paura dell'acqua. Ma, come si è scoperto, il mio college mi ha richiesto di superare un test di nuoto per immatricolarlo. Non era un granché. Dovevo restare a galla per dieci minuti; ma non potevo farlo Quindi, ho preso lezioni per imparare a nuotare. Ho realizzato molti anni dopo che imparare a nuotare ha catturato molti degli elementi che usiamo nel trattamento di qualsiasi fobia.

Trascorsi ogni pomeriggio nella parte bassa della piscina della mia scuola mentre tutti gli altri giocavano a pallanuoto. Primo principio: al fine di superare una fobia, la persona colpita deve passare del tempo pubblicamente cercando di fare cose che chiunque altro può fare senza sforzo. I fobici sono facilmente imbarazzanti, ma il recupero richiede che gli altri scoprano le loro fobie.

Mi è stato detto di stare nell'acqua bassa vicino al bordo della piscina e cadere verso il bordo dove mi sono trovato. Ho fatto questo esercizio apparentemente inutile più e più volte. Dopo una mezz'ora, ho chiamato l'allenatore del nuoto, che stava camminando, e gli ho chiesto cosa avrei fatto dopo.

"Fai solo quello che ti dico di fare" disse, vagamente seccato.

Trascorsi il resto dell'ora cadere contro il muro della piscina.

Il giorno dopo ho fatto la stessa cosa. Pensavo che l'allenatore si fosse dimenticato di me. Alla fine, quando mancavano alcuni minuti alla sessione, mi ha chiesto di fare un passo indietro e saltare un po 'sul bordo della piscina. Questo è quello che ho fatto tutto il giorno dopo. Ogni giorno, andavo a pochi centimetri dal bordo della piscina, finché, alla fine, dovevo saltare per arrivare al limite. All'epoca non ero a conoscenza, ma stavo cominciando a rilassarmi nell'acqua. Secondo principio: la pratica per superare una fobia richiede tempo, a volte molto tempo. E la ripetizione. Ogni tanto, quando i salti erano diventati piuttosto lunghi, mi mancava il bordo della piscina, e la mia mano andava nell'acqua, prendendo qualcosa come un colpo. La mia faccia è andata sott'acqua e ho dovuto strapparmi l'acqua dagli occhi quando sono uscito. Mi chiedevo come tutti quei giocatori di pallanuoto all'altra estremità della piscina potessero entrare e uscire dalla piscina senza doverli sfregare gli occhi. Ma non era terribile. Terzo principio: le cose di cui i fobici hanno paura non sono così terribili quando accadono. C'è un "bene, allora …" che viene dopo "cosa succede se …?" E se la mia faccia andasse nell'acqua? Bene, allora, mi alzo e asciugo l'acqua dai miei occhi.

In un'altra settimana, stavo sfiorando la superficie dell'acqua, mentre facevo salti più grandi. Non molto tempo dopo, stavo facendo una pagaia per cani. Poi ho iniziato a remare verso l'acqua profonda, assicurandomi di essere a pochi passi dal bordo della piscina. A volte, mi sentivo più nervoso che in altre occasioni. Quarto principio: puoi giudicare i progressi con ciò che puoi fare, non come ti senti. Se non sei nel panico, ma non stai facendo qualcosa di un po 'più difficile di quello che hai fatto ieri, non stai migliorando. Se sei nervoso o in preda al panico tutto il tempo, ma stai andando sempre più avanti nella situazione fobica, stai migliorando. Qualche tempo dopo, ho dovuto affrontare il nuoto da una parte della piscina al lato opposto, lontano da ogni supporto. Sono rimasto bloccato lì per alcuni giorni finché uno dei giocatori della squadra di polo si è offerto di nuotare nelle vicinanze. Quinto principio: i fobici incappano in "punti fermi" di volta in volta. Usare un aiutante o un aiutante fa la differenza.

E così, ho imparato a nuotare, ma non con la mia faccia nell'acqua. Quello dovette aspettare finché arrivarono gli occhialini da nuoto. Ora nuoto quasi tutti i giorni. Mi piace. Sesto principio: a volte proprio le cose che i fobici hanno paura di dare loro la maggior soddisfazione quando non hanno più paura. Ricordo una donna, ad esempio, che aveva paura dello skilift. Lei è diventata una discesista. Conosco un certo numero di persone che una volta avevano paura di guidare, ma che ora guidano ogni volta che si sentono sotto stress, o per qualsiasi altra ragione.

Superare un disturbo di panico è più difficile, ma la formula sopra descritta aiuterà chiunque a riprendersi da una fobia.

© Fredric Neuman 2012 Segui il blog del Dr. Neuman su fredricneumanmd.com/blog.

PS Qualcuno interessato alle conseguenze, comiche e non, di crescere con un genitore che pensa che tu sia capace di qualsiasi prodezza se non attraversare la strada in modo sicuro da solo, potrebbe voler guardare il mio romanzo Superpoteri.

Solutions Collecting From Web of "Superare le fobie: 6 principi importanti"