Superare la necessità di soddisfare

"Prenditi cura di quello che pensano gli altri e sarai sempre il loro prigioniero." -Lao Tzu

La simpatia per le persone, la ricerca dell'approvazione, la sindrome del bisogno di essere amato – chiamala come vuoi, ma cercare l'autostima attraverso l'approvazione degli altri è uno sforzo infruttuoso e un modo estenuante per attraversare la vita.

Dmytro Zinkevych/Shutterstock
Fonte: Dmytro Zinkevych / Shutterstock

Allora perché lo facciamo? Perché permettiamo a ciò che gli altri pensano di noi avere così tanto potere su come ci sentiamo rispetto a noi stessi? Se è vero che non si può soddisfare tutte le persone tutte le volte, non avrebbe senso smettere di provare?

Sfortunatamente, il senso spesso non sta guidando il nostro comportamento. Per gli esseri sociali che bramano l'amore e l'appartenenza, il desiderio di essere graditi e la cura degli effetti che abbiamo sugli altri, è sano e ci consente di stabilire connessioni. Tuttavia, dove ci troviamo nei guai è quando la nostra autostima dipende dal fatto che vinciamo l'approvazione di qualcuno o no.

"Il bisogno di sentirsi 'ok', 'gradito o approvato' è radicato nei messaggi che una persona ha ricevuto riguardo alla loro intrinseca dignità e appartenenza durante la crescita", afferma la psicologa clinica Erika Martinez. "Da qualche parte lungo la strada, le persone con autosufficienza contingente hanno imparato che il loro valore deriva dall'approvazione altrui, non da se stessi".

Rachel S. Heslin, autrice di " Navigating Life: 8 Different Strategies to Guide Your Way" , traccia questo bisogno di tornare a quando eravamo bambini e dipendeva completamente dagli altri per prendersi cura di noi: "I bambini piccoli non stanno solo imparando come per camminare e comunicare, stanno anche cercando di imparare come funziona il mondo … impariamo chi siamo e cosa ci si aspetta da noi in base alle interazioni con gli altri. "Heslin continua dicendo:" A un bambino di quattro anni, se mamma o papà non ti piacciono, c'è il pericolo che ti abbandoneranno e morirai. Dobbiamo capire che quando vogliamo disperatamente qualcuno che ci approvi, è guidato da quel ragazzino parte di noi che è ancora terrorizzato dall'abbandono e dalla morte ".

La realtà è che ciò che gli altri pensano di noi non sono affari nostri.

"Quando diventerai più capace di fornirti l'approvazione che cerchi", dice Heslin, "il tuo bisogno di validazione esterna inizierà a dissiparsi, lasciandoti più forte, più sicuro e sì, più felice nella tua vita". Di quanto fatto, ci sono passi che possono essere presi per costruire l'autostima da dentro e ridurre la necessità di compiacere.

1. Coltivare la consapevolezza.

"Al fine di cambiare comportamenti malsani di ricerca dell'approvazione, dobbiamo prendere coscienza di loro", afferma lo psicoterapeuta Santiago Delboy. "A volte possono essere evidenti, ad esempio quando cerchiamo attivamente la convalida o evitiamo lo scontro. A volte possono essere più sottili, ad esempio [quando noi] siamo molto compiacenti, gradevoli o non vogliamo "scalare la barca". "

Quindi, come riconosciamo quando ci stiamo impegnando in questi tipi meno appariscenti di comportamenti gradevoli alle persone? Jenn Kennedy, LMFT suggerisce di porsi le seguenti domande: "Hai detto di sì quando volevi davvero dire di no? Hai messo a tacere la tua voce perché non ha gradito o fatto eco a qualcun altro che ritieni importante? Sembra che tu stia estasiando troppo? "" Se è così, "dice," prova a riprendere queste abitudini e vedere cosa ne viene fuori. "

"La consapevolezza include anche una comprensione in evoluzione delle esperienze che hanno portato al comportamento in primo luogo", dice Delboy. "Quelle esperienze hanno lasciato ferite emotive che non possiamo guarire se non le diamo un'occhiata." Dice che quelli con uno stile di attaccamento ansioso possono essere più inclini a comportamenti malsani di ricerca dell'approvazione.

Lavorare con un terapeuta per elaborare queste esperienze può essere estremamente utile per iniziare il processo di guarigione.

2. Pratica l'auto-compassione.

Come professionisti della salute mentale, uno dei primi principi che impariamo è quello di incontrare i nostri clienti dove sono. Questo stesso principio dovrebbe essere applicato a noi stessi. L'auto-compassione, o auto-amore, implica l'accettazione di dove sei nella tua vita e di chi sei – difetti e tutto. "Invece di essere severi con noi stessi, è molto importante darci l'amore, la costanza e la sicurezza che non abbiamo ricevuto crescendo", dice Delboy. "Attraverso l'auto-compassione possiamo capire che anche se alla gente non piacciono, non è il riflesso del nostro valore come essere umano."

Una parte inestricabile dello sviluppo della compassione di sé si prende cura di se stessi. Kennedy descrive la cura di sé come l'antidoto a un eccessivo bisogno di approvazione: "Parla quando è offeso, riconosce i risultati a se stesso, oltre a tollerare il disagio di essere licenziati o criticati. Sta accettando che non sei per tutti, e va bene. "

Parte della cura di sé è mettersi prima di un altro – non in un modo egoistico, ma nel modo in cui una madre deve mettere la maschera di ossigeno su se stessa per poter aiutare il suo bambino. Senza il nostro ossigeno, non andiamo bene a nessun altro.

Attraverso l'auto-cura, coltiviamo l'autostima. Glenn R. Schiraldi, Ph.D., Lt. Colonel (USAR, Ret.), Autore di The Self-Esteem Workbook e The Resilience Workbook, definisce l'autostima come un'opinione realistica e riconoscente di se stessi e ha una sicurezza interiore ciò non è scosso dalle avversità, comprese le opinioni fluttuanti degli altri. "Il viaggio verso lo sviluppo di una sana autostima", dice, "inizia con il riconoscimento che le persone nascono con un valore umano incondizionato che è indipendente dal modo in cui le persone ci trattano".

3. Costruisci una rete di supporto positiva.

Chi sceglie di circondarci può avere un grande impatto sul nostro benessere e influenzare il nostro senso di sé. Ciò è particolarmente vero per coloro che lottano con bassa autostima. "Dal momento che il bisogno di essere apprezzato spesso deriva da fallimenti nelle nostre prime relazioni, è importante sviluppare relazioni salutari e riparatrici", dice Delboy. "Questi richiedono tempo e ci impongono di correre il rischio di aprirsi e di essere vulnerabili. Potremmo temere che aprendo potremmo dare alle persone più motivi per non piacerci. "Anche se questo rischio è giusto, dice, la ricompensa è una relazione nutrita che può cambiarci dall'interno.

Martinez è d'accordo e sottolinea l'importanza di stare con persone che ci sostengono per quello che siamo, non per quello che possiamo fare, che abbiamo fatto o per chi conosciamo. Questo, ci dice, ci aiuta a districare la nostra autostima da esiti esterni, come vincere l'approvazione degli altri.

4. Prenditi una pausa dai social media.

"Un intenso bisogno di essere amato in genere collega a qualcuno sentendo che il luogo di controllo si trova al di fuori di loro – che hanno bisogno dell'approvazione degli altri per essere accettabile", dice Kennedy. "Questo è rinforzato quotidianamente quando i membri di Facebook danno il pollice in su, cuori e volti sorridenti."

Come ci mostrano gli studi, ogni volta che riceviamo un "mi piace" o altra pseudo risposta di approvazione sui social media, sperimentiamo un picco nella dopamina. Questo ci fa continuare a inseguire il prossimo "alto", molto simile a una dipendenza.

Proprio come produciamo l'illusione della perfezione sulle nostre pagine dei social media, potremmo trovarci a fare lo stesso nel mondo reale. Una volta che ci conformiamo e ci contorciamo nella ricerca dell'approvazione, secondo Kennedy iniziamo a chiederci se gli altri ci apprezzeranno se sapessero chi eravamo veramente.

5. Ricorda che la maggior parte delle volte è più su di loro che su di te.

Escludendo un comportamento egregio da parte nostra, la maggior parte delle volte, la nostra antipatia per un'altra persona è più di una riflessione su di loro . Se vediamo qualcosa in un'altra persona che non ci piace di noi stessi, spesso proiettiamo. La proiezione è una difesa che tutti noi usiamo per evitare di affrontare le parti non così graziose di noi stessi. Spiega spesso cosa succede quando qualcuno ci incontra per la prima volta e subito ci prende in antipatia o fa un rapido giudizio senza conoscerci. Coloro che hanno una maggiore autostima e si sentono più sicuri con se stessi tendono a farlo meno.

Con la stessa cura con cui possiamo provare ad andare in punta di piedi attraverso la vita, nel tentativo di non offendere, inevitabilmente falliremo. Mentre noi abbiamo il controllo su ciò che esce dalle nostre bocche e quello che gettiamo agli altri, il modo in cui atterra su di loro non è nel nostro controllo. Ogni persona interpreta il mondo attraverso le proprie lenti e le proprie esperienze di vita uniche. Ciò che può spegnere una persona può attrarre un'altra persona. È nostra intenzione che importi. Come scelgono di riceverlo è su di loro.

Creare una vita degna di essere vissuta

Immagina quanto tempo perdiamo ogni momento in cui schiacciamo i nostri sé autentici nello sforzo di essere apprezzati. Se basiamo il nostro valore intrinseco sulle fugaci opinioni degli altri, ci imbrogliamo del potere con cui siamo nati – il potere di plasmare le nostre esperienze e abbracciare la vita e il nostro breve tempo qui con compassione – non solo per gli altri, ma anche per noi stessi. Perché alla fine non c'è differenza. Abbraccia il cliché e ama te stesso. È molto dubbio che te ne pentirai.

Solutions Collecting From Web of "Superare la necessità di soddisfare"