Superare gli ostacoli delle donne nella scienza

Quando si tratta di interesse per la scienza, la maggior parte delle persone entra nel mondo a parità di condizioni. Sia i ragazzi che le ragazze provano un naturale senso di meraviglia nel mondo che li circonda. Sia guardando una farfalla emergere dal suo bozzolo o guardando una pioggia di meteoriti stando sdraiati sull'erba, i bambini iniziano la vita con l'innata curiosità di cui ogni scienziato ha bisogno.

Pensa a come separare le cose per vedere come funzionano, a sfidarsi a vicenda con i puzzle matematici e i giochi per la risoluzione dei problemi, e raccogliere insetti e animali randagi – la mia scelta infantile, un opossum, non è raccomandata. Quindi perché, negli anni successivi, poche ragazze e donne si ritrovano ad esplorare le carriere scientifiche e matematiche?

Cultura e storia, non la natura, creano la maggior parte della discrepanza tra uomini e donne nella scienza, tecnologia, ingegneria e matematica o STEM. In precedenza, la nostra società non vedeva alcun ruolo per le donne in questi campi e tali barriere richiedono tempo per crollare. Eppure sappiamo che gli scolari sono motivati ​​a esibirsi bene in scienze e matematica, indipendentemente dal sesso. E i dati recenti indicano che c'è poca o nessuna differenza nelle capacità tra studentesse e studenti di sesso maschile, specialmente nei paesi in cui la cultura ha valore sia nelle scienze.

Nel dichiarare l'11 febbraio la Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza, le Nazioni Unite sottolineano che solo il 28% degli attuali ricercatori di tutto il mondo sono donne. La proporzione negli Stati Uniti è molto simile. E in Texas, i ragazzi legati all'università hanno più di tre volte più probabilità delle ragazze di esprimere un interesse per un major STEM, secondo la ricerca dell'Alliance for Science & Technology in America.

Dobbiamo mantenere più donne, così come persone di colore, impegnate con la scienza. È nel nostro interesse nazionale. Avere una carriera in scienze e matematica rimane in gran parte la competenza di una minoranza della popolazione che limita fortemente il nostro pool di talenti. Questa è una minaccia per vasti settori dell'economia – e per la nostra capacità di nazione di problematizzare – risolvere alcune delle maggiori sfide della società, dalle infrastrutture alle malattie ai cambiamenti climatici.

Inoltre, avere più donne e persone di colore nei team migliora i risultati scientifici: i ricercatori hanno scoperto che i documenti scientifici con una paternità più diversificata ricevono più citazioni e che una startup tecnologica o un'azienda farmaceutica con più donne nel proprio consiglio di amministrazione ha maggiori probabilità di avere successo.

Perché ciò avvenga non è chiaro. Qualunque sia la ragione, è chiaro che il numero crescente di gruppi sottorappresentati nei campi STEM ha il potenziale per trasformare la ricerca e ampi settori dell'economia.

Ci ho pensato molto dalla morte di dicembre dello scienziato pionieristico Vera Rubin. Ha scoperto prove di materia oscura, ma ha affrontato numerosi ostacoli inutili nel suo lavoro. Posso solo immaginare cosa potrebbe aver realizzato se la sua ricerca di astronomia fosse stata aiutata, piuttosto che ostacolata, da alcune delle persone intorno a lei.

Quando considero come ho fatto uno scienziato, merito i miei genitori che hanno nutrito la mia curiosità, tollerando le collezioni di insetti e l'opossum dell'animale domestico, e gli insegnanti che mi hanno incoraggiato. Quando sono arrivato ai punti della mia carriera in cui sono rimaste relativamente poche donne, ho mantenuto un ostinato amore per la scienza e ho supportato i mentori maschili che non trattavano le donne nei laboratori come specie sconosciuta.

Sono stato fortunato Ma la fortuna non dovrebbe determinare se uno studente promettente rimane nella scienza. Dobbiamo sfruttare il potenziale di ragazze brillanti e curiose, consentendo loro di avere il successo dei loro colleghi maschi.

Ciò inizia con la rimozione di tutte le barriere artificiali al successo. Genitori e insegnanti possono contribuire a contrastare pregiudizi culturali incoraggiando e alimentando il loro interesse iniziale per le scienze delle loro figlie e delle studentesse. E le persone in posizione di comando, dai funzionari eletti ai dirigenti scolastici, possono esprimere una visione di una futura forza lavoro STEM che riflette la popolazione nel suo complesso.

Le donne non hanno bisogno di alloggi simbolici o di essere trattate come un ripensamento. Il loro valore è intrinseco. Ma dalla scuola materna alla scuola di specializzazione e oltre, dobbiamo sostenere ragazze e ragazzi, uomini e donne. È su tutti noi promuovere l'interesse futuro in STEM e aiutare i nostri figli a sviluppare le competenze necessarie per avere successo. La nostra società ne beneficerà.

Shelley Payne, Ph.D., è un professore di bioscienze molecolari presso l'Università del Texas ad Austin.

Solutions Collecting From Web of "Superare gli ostacoli delle donne nella scienza"