"Suono gay?"

Un pezzo collaborativo tra il Dr. Kevin L. Nadal , autore di "That's So Gay! Microaggressioni e la comunità di lesbiche, gay, bisessuali e transgender "e il dott. EJR David , direttore di" Oppressione interiorizzata: la psicologia dei gruppi marginalizzati ".

ThinkThorpe, LLC
Fonte: ThinkThorpe, LLC

"I I Sound Gay?" – uno dei documentari dell'estate 2015 che devono vedere per Entertainment Weekly – è un nuovo film di David Thorpe, uno scrittore gay americano bianco con sede a Brooklyn, New York. Il film esplora l'antipatia di Thorpe per il suono della sua voce, che classifica come nasale, acuto e indesiderabile. Crede che la sua voce abbia influenzato negativamente molti aspetti della sua vita: la sua autostima, il suo successo e anche relazioni romantiche. In realtà, il film inizia con Thorpe che mette in dubbio come possa trovare un uomo che lo ami a causa di questa terribile voce che percepisce di avere.

Attraverso una serie di interviste e interazioni con amici e parenti di Thorpe, alcune celebrità e estranei casuali per le strade, sentiamo uno spettro di prospettive su cosa "suoni gay" e perché il suono in quanto tale sia percepito come cattivo. Molti degli omosessuali nel film ammettono di sentirsi a proprio agio con il suono delle loro voci, non capendo appieno perché Thorpe si sentirebbe così fortemente con la sua voce che potrebbe persino visitare un logopedista e un vocal trainer per liberarsi del suo "Voce gay". Tuttavia, la maggior parte degli omosessuali nel film sono stati in grado di relazionarsi con l'insicurezza di avere una voce più femminile e alcuni hanno persino ricordato che le loro voci "gay" (e le identità omosessuali) avevano portato ad ottenere vittima di bullismo o peggio.

Nel complesso, il film fa un buon lavoro nell'esplorare una lotta psicologica molto reale ma in gran parte invisibile, inaudita e forse inespressa che molti uomini gay potrebbero avere.

Omofobia interiorizzata: una lotta psicologica invisibile e inaudita

Come professori e ricercatori di psicologia, la prima cosa che ci è venuta in mente mentre guardavamo il film era il concetto di oppressione interiorizzata, in particolare l'omofobia interiorizzata * (si veda la nota in basso sul termine "omofobia"), che può essere definita come l'atteggiamento negativo che le persone LGBTQ hanno su se stesse a causa dei loro orientamenti sessuali.

Crediamo che l'omofobia interiorizzata sia la ragione per cui un uomo gay non amerebbe sembrare femminile. L'omofobia interiorizzata è il motivo per cui un omosessuale non gradirebbe "sembrare gay". Crediamo che l'omofobia interiorizzata sia il motivo per cui "sembrare meno un uomo" farebbe sembrare gay un uomo inferiore e indesiderabile, persino agli occhi (o alle orecchie) di altri gay uomini.

È importante notare che le persone non nascono con atteggiamenti negativi nei loro confronti o che percepiscono le loro caratteristiche come inferiori o indesiderabili; l'auto-odio è insegnato e imparato. A questo proposito per i nostri fratelli e sorelle LGBTQ, la ricerca suggerisce che le persone sviluppano l'omofobia interiorizzata perché hanno imparato che essere diversi o di genere non conformi è stato negativo (dalle loro famiglie, amici, società in generale) e così hanno anche imparato a non amarsi. In altre parole, le persone hanno interiorizzato, accettato o creduto nei messaggi omofobi che la società ha imposto loro. Quindi essere stressati e psicologicamente infastiditi da "sembrare gay" – al punto che l'autostima e altri aspetti della propria vita sono influenzati negativamente – è un sintomo molto significativo di omofobia interiorizzata.

Diversi altri intervistati nel film condividevano anche altri concetti comuni relativi a, se non segni di, omofobia interiorizzata, incluso il "passaggio" (cioè, l'essere presunto come membro del "gruppo dominante") e il "cambio di codice" (cioè, cambiando i comportamenti in base ai diversi ambienti o situazioni in cui ci si trova). Ad esempio, l'autore David Sedaris ha parlato di casi in cui altri potevano presumere che fosse eterosessuale e riflette retrospettivamente su ciò che molti uomini gay potrebbero chiedersi: "Perché passare così dritti mi fa sentire bene?" – un altro probabile segno di omofobia interiorizzata .

Il film ci ha anche presentato la nozione di come altre forme di oppressione interiorizzata (ad esempio il razzismo interiorizzato) possano influenzare altre comunità marginalizzate. Don Lemon, un reporter Black American della CNN, ha descritto come ha modificato il suo accento del Sud in modo che potesse avere successo in TV. Margaret Cho, una commediante coreana americana, ha discusso di come i suoi genitori abbiano imparato a parlare perfettamente l'inglese in modo da essere visti come "veri" americani. Questi esempi cominciano a toccare l'idea che diverse comunità marginalizzate possono avere esperienze vissute e lotte psicologiche simili.

Identità intersecanti e oppressioni multiple interne

Dove vogliamo che il film sia andato oltre, è stato discutere come queste identità intersezionali influenzano le persone in tutti gli aspetti della loro vita, in particolare nelle loro voci. Come filippini americani, sappiamo anche cosa vuol dire voler sembrare (e guardare, agire, pensare e essere accettati come) "americano". Comprendiamo il costo psicologico che deriva dal voler adattarsi al gruppo dominante e, nel processo, avvicinarsi pericolosamente alla perdita – se non a rifiutare – di un'altra parte importante della nostra identità.

Inoltre, come omosessuale, il primo autore (Kevin) sa anche cosa vuol dire essere ostracizzato per la sua voce acuta, rumorosa e sgargiante. Questa diffusa emarginazione sociale della "voce gay" e praticamente tutto ciò che è "gay" è molto reale, poiché la maggior parte se non tutti noi siamo socializzati o insegnati ad associare la negatività, l'inferiorità e l '"alterità" all'essere gay. Come uomo eterosessuale cresciuto con forti sapori di "machismo" nelle Filippine e paternalismo negli Stati Uniti, il secondo autore (EJ) può attestare questa diffusa omofobia come ha visto – e anche partecipato – molti esempi di questo tipo di l'alterazione, la presa in giro e il bullismo degli omosessuali, in particolare di quelli che parlano con voci "altezzose", altamente femminili e vistosamente "gay".

Quindi, il codice che cambia le persone LGBTQ potrebbe aver bisogno di fare per navigare e sopravvivere attraverso un'oppressione così pervasiva (e dolorosa!) Può diventare qualcosa di così radicato e automatico che spesso non ci pensano nemmeno, ma è comunque molto faticoso! Che dire delle persone di colore LGBTQ: le loro identità multiple e intersecanti e la giocoleria costante che deriva dall'avere tali identità – insieme al potenziale per lo sviluppo di molteplici oppressioni interiorizzate – aumentano esponenzialmente gli stress psicologici che affrontano?

Combattere l'omofobia interiorizzata e ridefinire la "Gay Voice"

Alla fine del film, Thorpe ha proclamato di essere diventato a suo agio con la "gayness" della sua voce. Crediamo, tuttavia, che due degli altri intervistati – Dan Savage e Tim Gunn – riassumano più profondamente la perfetta combinazione di ciò con cui molti uomini gay lottano quando si tratta delle loro voci.

L'autore Dan Savage afferma che le loro voci sono "l'ultimo pezzo di omofobia interiorizzata" con cui gli uomini gay lottano. In effetti, molti sono apertamente gay in ogni aspetto della loro vita. Hanno forti amicizie maschili gay e relazioni e collaborazioni ancora più forti. Marciano nelle Pride Parades di LGBTQ e sostengono le questioni relative ai diritti civili come l'uguaglianza dei matrimoni, la non discriminazione nel lavoro, l'immigrazione ei diritti dei transgender. Eppure, forse a molti ancora non piace il suono delle proprie voci e in alcuni contesti, anche solo per un secondo, si pensa di "stroncare" le loro voci per "passare" come "normali".

Queste esperienze sono coerenti con le ricerche che il secondo autore (EJ) ha condotto sull'oppressione interiorizzata. La ricerca suggerisce che l'oppressione – in questo caso l'omofobia o l'eterosessismo – può essere interiorizzata così profondamente che anche quelli di noi che sono più consapevoli, più critici e più "liberati" (o "decolonizzati" come alcuni altri popoli marginalizzati possono riferirsi ad esso) potrebbe comunque esserne influenzato. Ancora di più, la ricerca suggerisce che l'oppressione interiorizzata ha una componente "implicita" e automatica in quanto anche se possiamo manifestare esteriormente orgoglio su chi siamo, possiamo ancora avere un senso di inferiorità all'interno che può influenzarci al di là della nostra consapevolezza, intenzione o controllo.

Quindi, per i nostri fratelli e sorelle LGBTQ, possono amare se stessi ed essere fieri delle loro identità, ma quel piccolo pezzo di omofobia interiorizzata potrebbe sempre esistere. E perché no? Per molti, hanno a che fare con decenni di vita – di messaggi odiosi, da cui hanno appreso che essere LGBTQ era cattivo o addirittura malvagio.

Nonostante ciò, vorremmo pensare che potremmo almeno iniziare a combattere l'omofobia interiorizzata semplicemente cambiando la definizione di "normale". In questo caso, invece di vedere le voci acusticamente nasali come cattive, cambiamo la narrativa e vederli come favolosi. Una delle celebrità intervistate nel documentario Tim Gunn, Project Runway Host, lo ha dichiarato al meglio quando ha detto:

"Ora, quando la gente dice 'Sembri gay,' mi rivolgo semplicemente a loro e dico 'Grazie!'"

Kevin L. Nadal, Ph.D. , è professore associato di psicologia presso la City University di New York, il direttore esecutivo di CLAGS: The Center for LGBTQ Studies, e l'autore di That's So Gay! Microaggressioni e comunità lesbiche, gay, bisessuali e transgender. Scopri di più sul suo lavoro qui o seguilo su Twitter.

EJR David, Ph.D. , è Professore Associato di Psicologia presso l'Università dell'Alaska Anchorage. Il suo lavoro sulle esperienze psicologiche dei popoli emarginati si è tradotto in due libri : Oppressione interiorizzata: la psicologia dei gruppi marginalizzati e la pelle marrone, menti bianche: psicologia postcoloniale americana filippina. Scopri di più sul suo lavoro qui o seguilo su Twitter.

* Nota: invece di "omofobia", alcune persone possono usare il termine "eterosessismo" – e in questo caso "eterosessismo interiorizzato" – che è stato sostenuto come termine più appropriato dato che il pregiudizio anti-LGBTQ non è solo un individuo- livello, problema clinico-sonoro (come implica il termine "fobia"), ma è anche una forma diffusa di oppressione che è radicata nella nostra cultura, nella nostra società e nelle nostre istituzioni. Per questo pezzo, tuttavia, usiamo il termine "omofobia" in quanto è più riconosciuto dalla società generale ed è il termine spesso ascoltato nel film "Do I Sound Gay?".

* Una versione precedente di questo pezzo è stata anche pubblicata sul blog della Springer Publishing Company.

Solutions Collecting From Web of ""Suono gay?""