Summer School and Student Learning

Ora siamo ufficialmente in estate e i corsi estivi sono in corso in tutto il paese. Ho frequentato molti corsi estivi quando ero uno studente universitario e ho insegnato diverse volte durante l'estate come professore. Basandomi sulle mie esperienze e parlando con gli altri, penso che ci siano molte domande interessanti sull'insegnamento e l'apprendimento nella scuola estiva a livello universitario. Di fatto, esiste una vasta serie di ricerche sull'apprendimento e sulla conservazione della conoscenza da parte degli studenti in diverse parti dell'anno, ma quasi interamente incentrate sui bambini di terza media e inferiore. C'è anche una National Summer Learning Association, la cui "missione è quella di collegare e dotare le scuole e le organizzazioni della comunità per offrire programmi di apprendimento estivi di qualità ai giovani della nostra nazione per aiutare a colmare il divario di risultati e sostenere uno sviluppo sano .."

Uno degli argomenti più importanti legati all'educazione e al calendario è noto come "perdita dell'apprendimento estivo" o "battuta d'arresto estiva". L'idea è che, a meno che gli studenti non frequentino la scuola estiva, è improbabile che "esercitino" le competenze e le conoscenze hanno ottenuto durante l'anno scolastico e quindi le abilità e le conoscenze saranno dimenticate e sbiadite. La perdita di apprendimento estive può essere osservata, ad esempio, attraverso i punteggi degli studenti su test standardizzati in calo tra la primavera (quando hanno ricevuto nove mesi solidi di istruzione) e l'autunno.

Il professore della Duke University Harris Cooper è stato un importante ricercatore su questo argomento. Una meta-analisi del 1996 da parte di Cooper e colleghi in Review of Educational Research che esaminava i gradi K-8 trovò una perdita in matematica piuttosto maggiore che nella lettura, forse perché quest'ultima è qualcosa che viene fatto più facilmente da soli durante l'estate. La dottoressa Cooper è stata così gentile da rispondere a una mia richiesta via e-mail sull'evidente mancanza di studi sulla perdita dell'apprendimento estivo negli studenti del college (o anche delle superiori):

Il mio sospetto è che non ci siano molti [studi durante il college]. Sospetto anche che l'attenzione si concentri sui gradi precedenti perché la perdita qui ha implicazioni per il successo di [uno] studente nei gradi successivi. Una volta che gli studenti arrivano alle superiori, il materiale è meno spesso sequenziale. Per fare del bene in Algebra II devi ricordare Algebra I, ma American Lit non dipende da Shakespeare, o viceversa.

Certamente, alcune aree del tema del college dipendono dall'accumulo sequenziale di conoscenze e abilità. Inoltre, sospetto che i professori universitari possano aspettarsi che gli studenti integrino le loro conoscenze in discipline diverse più degli insegnanti dei gradi precedenti (quando mi sono laureato in psicologia come studente all'UCLA nei primi anni '80, c'erano molti prerequisiti out-of-department). In breve, direi che un'educazione universitaria richiede agli studenti di mantenere le loro conoscenze attuali e che la frequenza scolastica estiva faciliterebbe tale manutenzione.

La frequenza scolastica estiva in genere sembra essere in aumento, anche se in California (e forse altrove) i budget ristretti ostacolano l'accesso degli studenti. Circa un anno fa, il Boston Globe pubblicò un articolo sulla crescente popolarità della scuola estiva tra gli studenti universitari e alcuni dei suoi presunti benefici. I vantaggi pratici includono un insegnamento più basso in estate rispetto ai semestri regolari presso alcune istituzioni e la possibilità di andare avanti nel completare i requisiti di laurea e alleggerire il proprio carico durante i semestri regolari. Una citazione di uno studente riassume alcuni dei potenziali vantaggi in classe della scuola estiva:

"Sono forti nella discussione, e non lo riceverai nell'anno regolare. È più di un'esperienza profonda. Ci sono anche meno corpi. Il massimo che ho avuto in classe è 11. Lascia molto più tempo per parlare e fare domande. Vorrei che potesse essere sempre così. Inoltre, ho meno probabilità di scivolare attraverso le fessure in questo modo. "

In una nota personale, una delle mie strategie come studente universitario era quella di prendere ciò che consideravo corsi molto impegnativi e / o difficili – come psicologia fisiologica e laboratorio di chimica – in estate, dove potevo concentrarmi completamente su di loro senza avere altre classi.

Un'altra probabile fonte di numeri crescenti di studenti estivi sono le squadre di atletica. Secondo le regole adottate dalla National Collegiate Athletic Association negli anni '90 – prima per studenti-atleti a rischio e poi per tutti – le università ora possono pagare per la scuola estiva degli atleti. Un ulteriore sviluppo è che gli atleti in entrata possono frequentare la scuola estiva prima del loro primo semestre autunnale e anche essere coinvolti nel condizionamento della squadra. Tommy Tuberville, allenatore del Texas Tech, è stato citato in un articolo di un giornale di Lubbock che:

"Cerchiamo di mantenere un passo avanti nel mondo accademico, perché è così difficile per loro durante la stagione … Puoi usare l'estate per recuperare o guadagnare terreno nella parte accademica. Li tiene tutti insieme e li tiene concentrati sugli accademici e facendo correre e sollevare ".

La ricerca più sistematica a livello universitario sta cominciando ad emergere, guidata in parte dall'Associazione nordamericana delle sessioni estive, che pubblica la rivista accademica Summer Academe. Così ora, la ricerca sulla pedagogia della scuola estiva ha la sua casa. Un articolo apparentemente utile che ho trovato dalla rivista presenta i rapporti delle facoltà sulle migliori pratiche in materia di istruzione estiva, che comporta la gestione di programmi compressi / intensivi come l'incontro cinque giorni alla settimana, due ore per lezione, anziché tre ore settimanali (o lunedì). Mercoledì-venerdì o martedì-giovedì) durante i semestri lunghi regolari. Ecco una bibliografia sulla pedagogia a tempo determinato.

La ricerca accademica raggiunge alcune delle stesse conclusioni dello studente citato nel Boston Globe , vale a dire l'importanza delle piccole dimensioni delle classi estive e l'opportunità di discutere e interagire tra insegnanti e studenti e tra studenti. La continuità degli incontri di classe giornalieri è stata anche rilevata nella ricerca. Tra i suggerimenti degli articoli di ricerca agli istruttori delle scuole estive è di pianificare attentamente e ritagliare del materiale che potrebbe essere utilizzato in un lungo semestre, se necessario. Mettere una priorità più alta sui risultati (ad esempio, conoscenze, competenze) che uno studente vuole raggiungere, piuttosto che includere contenuti specifici, può aiutare a gestire i limiti di tempo estivi, in quanto gli istruttori possono rendersi conto che i loro obiettivi di risultato possono essere raggiunti, per esempio, due esercizi o attività di classe, invece dei soliti tre.

La mia percezione è che l'auto-selezione intrinseca di frequentare la scuola estiva porti a un gruppo di studenti più motivato rispetto alle loro controparti che saltano l'estate. Dopotutto, ci vuole una vera dedizione per venire cinque giorni a settimana (a volte alle prime ore del mattino), quando ci sono altre cose che gli studenti presumibilmente preferirebbero fare. Nella misura in cui questa percezione è accurata, ciò dovrebbe rendere le cose un po 'più semplici con gli istruttori estivi e creare un'esperienza educativa benefica per tutti.

Solutions Collecting From Web of "Summer School and Student Learning"