Sull'esistenza di Babbo Natale

La frase "C'è un Babbo Natale" è vera?

Questo dovrebbe essere abbastanza facile: definire la verità e vedere se la dichiarazione corrisponde alla definizione.

È opinione diffusa che un'affermazione sia vera se e solo se esiste una corrispondenza uno a uno tra l'affermazione e la realtà. "Il gatto è sul tappeto" è una vera affermazione se si può dimostrare che esiste un felis catus che è attualmente supportato da un pezzo di tessuto grezzo.

In molte circostanze comuni, tuttavia, questo tipo di verità potrebbe non esistere. Ad esempio, il matematico Benoit Mandelbrot ha fatto una domanda apparentemente semplice: quanto è lunga la costa della Gran Bretagna? La risposta dipende da come la misuri. Si ottiene una distanza molto più breve se si va da un'estremità all'altra che se si guida una strada che segue i contorni dell'isola. La strada dà una risposta più breve che se si cammina lungo il bordo della costa. Un verme che si muoveva su ogni roccia su ogni spiaggia avrebbe percorso una distanza più lunga. In breve, man mano che la tua asta di misurazione si accorcia, la costa diventa più lunga e non ci può essere una risposta veritiera alla domanda: quanto è lunga la costa della Gran Bretagna?

Questa osservazione suggerisce che la definizione intuitiva della verità da parte della gente potrebbe non portarla necessariamente dove vogliono andare. Cioè, un'idea può essere vera ma inutile, o falsa e utile. Cinque esempi mostrano come questo possa essere il caso:

1. Di chi l'amore ha avuto un effetto maggiore sul mondo: il vero amore di alcuni veri ma oscuri contadini sposati da cinquant'anni o l'amore fittizio di Romeo e Giulietta? Di chi l'amore ha ispirato più amore? Misurato dall'effetto sugli altri, il cui amore è più reale, il vero amore o l'amore immaginario?

2. Un orologio rotto è preciso due volte al giorno, come quando l'orologio dice che è 1:05 ed è, infatti, 1:05. Sebbene alle 1:05 quando questo orologio è vero (nel senso che c'è una corrispondenza uno a uno tra l'orologio rotto e gli orologi di tutti gli altri), questo orologio è inutile. D'altra parte, un orologio che è affidabile veloce o lento, di minuti o ore, è utile. Tutto quello che devi fare è sapere quanto aggiungere o sottrarre a ciò che è in funzione per ottenere l'ora esatta.

3. Alcune delle affermazioni più importanti nella vita hanno un rapporto ambiguo con la verità. Searle ha sottolineato che ci sono affermazioni chiamate performative, come "Con questo anello ti sposo" o "Ti do questo", che non erano vere prima che tu le dicessi, ma diventate realtà in virtù del fatto che le hai dette . L'uso del linguaggio in questo caso non è per descrivere un evento, ma per farlo accadere.

4. Ci sono non-verità con caratteristiche notevoli. Queste affermazioni non sono vere quando vengono dette, ma diventano vere in virtù di essere state dette e messe in atto. Searle sosteneva: "Una delle più notevoli capacità della mente umana è la sua capacità di costruire una realtà oggettiva di entità che in un certo senso esistono solo perché crediamo che esistano. Penso a cose come denaro, proprietà, matrimonio, governi e, soprattutto, linguaggio. "

5. Una categoria correlata di affermazioni non è vera quando viene detta per la prima volta, ma diventa vera nel tempo. Tra le più eclatanti ci sono le leggi del moto di Newton che ignorano l'attrito e la Dichiarazione di indipendenza: "Riteniamo che queste verità siano autoevidenti …" L'attrito è una caratteristica dominante della materia, ed è tutt'altro che ovvio che le persone avere diritti inalienabili Ma oggi, quando le persone sono andate in uno spazio esterno senza attrito e hanno costruito nazioni su verità auto-evidenti così ovvie, queste falsità mostrano il loro valore di verità.

Questa osservazione è la ragione per cui il drammaturgo Eugène-Marin Labiche ha concluso: "Ci sono momenti in cui mentire è il più sacro dei doveri." Come mai? Goethe credeva: "Perché un uomo realizzi tutto ciò che è richiesto da lui, deve considerarsi più grande di lui." La verità è che potresti non essere all'altezza di un compito difficile, a meno che tu non mentisca a te stesso e ti convinci che ne sei, in effetti, capace. Il primo passo è mentire a te stesso, "Posso farlo". Il secondo passo è quello di costituire la menzogna per trasformarlo in una verità.

Queste storie che raccontiamo a noi stessi (penso di poterlo, penso di poterlo fare) potrebbero non avere una corrispondenza uno a uno con la realtà (perché non lo diresti se davvero pensavi di poterlo fare). La verità, tuttavia, ha altre due definizioni: quella su cui gli osservatori indipendenti concordano e quella che ha un effetto misurabile.

Perché molte persone sono d'accordo su quello che fa e perché ha un effetto misurabile sul mondo, questo significa che, sì, Virginia, c'è davvero un Babbo Natale, non nel senso ontologico (il modo in cui i mattoni esistono) ma nel funzionale senso (il modo in cui i numeri esistono). Significa anche che alcune figure di finzione hanno avuto più influenza sulle persone reali di quante ne abbiano molte persone reali e quindi le figure di finzione hanno una maggiore esistenza funzionale.

E allora? Le nostre esperienze psicologiche, la nostra esistenza psicologica è spesso più importante per noi delle nostre esperienze fisiche ed esistenze. In altre parole, per citare il poeta Muriel Rukeyser, "L'universo è fatto di storie, non di atomi".

Riferimenti

Mandelbrot, B. 1967. "Quanto è lunga la costa della Britannia? Auto-somiglianza statistica e dimensione frazionaria. "Scienza. Vol. 156, n. 3775, pp. 636-638.
Searle, J. 1995. La costruzione della realtà sociale. New York: stampa gratuita.

Estratto dal contributo durevole: come pensare, pianificare e agire per realizzare un lavoro significativo da parte di Tad Waddington. Scopri di più su http://www.lastingcontribution.com.

Solutions Collecting From Web of "Sull'esistenza di Babbo Natale"