Sulla difficoltà di far cambiare le persone

Elaine Bailey
Fonte: Elaine Bailey

Forse il mio consiglio più popolare è la "regola del semaforo".

Tutti i miei clienti prolissi riconoscono immediatamente che la loro volubilità fa male alla loro vita e pretendono di apprezzare il mio modo di insegnare loro la regola del semaforo: Durante i primi 30 secondi di un enunciato, la tua luce è verde. Durante il secondo 30, è giallo: aumentano le probabilità che il tuo ascoltatore vorrebbe che ti fermassi. Dopo i 60 anni, è rosso. Sì, molto di tanto in tanto si desidera eseguire un semaforo rosso, ad esempio, quando si dice un aneddoto accattivante. Ma di solito, al segno di un minuto, dovresti fare una domanda o fermarti. Se la persona vuole saperne di più, lui o lei può chiedere.

Anni fa, quando per la prima volta iniziai a parlarne con i miei clienti, presumo che la loro reazione entusiastica significasse che l'avrebbero attuata e che avrebbe almeno mitigato la loro prolisso fine.

Ma presto ho scoperto che pochi minuti dopo abbracciavano la regola del semaforo, erano tornati a lunghe missive. Quindi ho pensato che dovevo offrire loro una pratica guidata se solo così avessero avuto un migliore senso di quando avevano parlato per 30 e 60 secondi. Chiedo una domanda a risposta aperta, ricordo loro di essere concisi, di auto-modificare, e che se una persona vuole di più, lui o lei può chiedere. Quindi avvio un timer di 60 secondi.

In genere, sono scioccati dalla velocità con cui passano 30 e anche 60 secondi. Pratichiamo fino a quando non dicono di sentirsi giù. Il cento per cento dei clienti afferma di adottare la regola del semaforo.

Nella sessione successiva, la maggior parte di loro ammette che subito dopo la sessione precedente, sono tornati ai loro vecchi modi. Anche durante la sessione, dopo aver fatto notare che hanno appena "lanciato un semaforo rosso" (e perché è una sessione di consulenza, in genere attendo tre o più minuti prima di dire qualcosa), tornano presto a lunghe recitazioni piene di noiosi dettagli, lontano – tangenti sul campo e ridondanze inutili.

Cosa sta succedendo? In alcuni casi, la persona semplicemente non ha l'auto-disciplina per abituarlo. Altri affermano di averlo dimenticato. Altri dicono (razionalizzare?) Che non è abbastanza importante abituarsi senza compiti formali. Quindi, do spesso un incarico. Nella sua forma più completa, assegno la persona a esercitarsi per 10 minuti ogni giorno con un amico, a scrivere "TL" (per semaforo) sui propri specchi domestici, sul frigorifero e sul palmo, e rendere "TL" lo sfondo sul proprio computer e schermo del telefono. Inoltre, ogni volta che stanno per bere qualcosa, devono guardare il palmo della mano e dire "TL". In questo modo, il loro obiettivo desiderato rimane il massimo finchè diventa un'abitudine.

A volte, l'approccio al trattamento dei sintomi è fuori questione. I clienti ritengono che traggano più beneficio dalla longevità che dalla concisione. Ad esempio, riescono a controllare la conversazione, concentrandosi su ciò a cui sono interessati e che sanno. Questo li fa sentire intelligenti. Inoltre, parlando a lungo di qualcosa, riescono a chiarire il loro modo di pensare.

Quindi io e il cliente facciamo un elenco dei benefici e delle responsabilità percepiti dalla loro loquacity. Di solito, ma non sempre, concludono che dovrebbero almeno moderare le loro chiacchiere perché ha ferito gravemente la loro vita personale e professionale. Il loro cinguettio li rende svalutati da colleghi e capi e limita le relazioni. Alcuni clienti mi hanno ammesso che anche il loro coniuge tende a evitarli, non volendo ascoltare il loro bla-bla-bla-bla-bla.

Vedere i pro e i contro in bianco e nero ha fatto capire a alcuni clienti che il loro bloverare è solo una manifestazione del loro autoassorbimento. Ciò motiva alcuni a cambiare ma più spesso li induce ad indurire la loro posizione: credono che il loro egoismo li renda più di ciò che vogliono. E in alcuni casi, hanno ragione.

Il takeaway

Il cambiamento del comportamento di generazione può essere molto più difficile di quanto potremmo immaginare. A volte richiede non solo esercitazioni guidate in sessioni più compiti a casa, ma una comprensione dei guadagni psicologici e pratici che la persona acquisisce dal loro comportamento. E potremmo dover accettare il fatto che a volte i nostri clienti possono pretendere di voler cambiare, ma in fondo non lo fanno.

Sono disponibili nove libri del Dr. Nemko. Puoi raggiungere la carriera e l'allenatore personale Marty Nemko su mnemko@comcast.net.

Solutions Collecting From Web of "Sulla difficoltà di far cambiare le persone"