Sul difetto commerciale

Nel novembre 2012, la notizia britannica era dominata dalla notizia che il commerciante della città britannica Kweku Adoboli era stato imprigionato per sette anni dopo aver defraudato 1,4 miliardi di sterline mentre il giorno lavorava alla banca svizzera UBS (la più grande perdita commerciale nella storia bancaria britannica). Le frasi che continuavano a ricorrere nella maggior parte dei rapporti televisivi che ho visto erano che Adoboli era "un azzardo o due lontano dal distruggere la banca più grande della Svizzera" dopo aver perso denaro in "day trading senza protezioni, senza copertura, incauto e spericolato" e che sosteneva ha "perso il controllo sui suoi traffici" durante un periodo di turbolenza del mercato nella seconda metà del 2011. La domanda che mi viene sempre posta dai media è se il trading di giorno sia solo un gioco con un altro nome – e in poche parole, la mia risposta è clamoroso "sì". L'accusa sembrò concordare con la mia opinione in quanto sostenevano che Adoboli era un giocatore d'azzardo che credeva di avere un "tocco magico". L'ispettore capo Detective Perry Stokes ha fornito prove e ha affermato che Adoboli "stava completamente fuori controllo". Più specificamente ha detto:

"Lo ha fatto, infrangendo le regole, coprendo e mentendo. In qualsiasi contesto aziendale, le sue azioni ammontavano a frodi, puri e semplici. L'ammontare di denaro coinvolto era sbalorditivo, con un impatto enorme sulla banca ma anche sui loro dipendenti, azionisti e investitori. Questo non era un crimine senza vittime. A tutti quelli che lo circondavano, Kweku Adoboli sembrava essere un uomo in carriera, le cui prospettive di carriera e guadagni futuri stavano decollando. Ha lavorato sodo, ha guardato la parte e apparentemente aveva una risposta per tutto. Ma dietro questa facciata giaceva un trader che stava andando fuori controllo e che esponeva UBS a enormi rischi finanziari ogni giorno. Quando la piramide di mestieri fittizi di Adoboli, i limiti di negoziazione superati e le coperture inesistenti sono crollate, le ripercussioni si sono sentite nei centri finanziari di tutto il mondo ".

Le parole "trader" e "trading" potrebbero facilmente essere scambiate per "giocatore d'azzardo" e "gioco d'azzardo" in quanto tutte le conseguenze sono le stesse. Ecco qualcuno che ha perso il controllo del suo comportamento, pensava di avere il "tocco magico" e mentiva e ingannato per coprire le sue tracce. Come qualcuno che per oltre 27 anni ha studiato il gioco d'azzardo problematico, i resoconti dei media sembrano troppo familiari. (Devo aggiungere che l'accusa sosteneva che al di fuori del suo lavoro, Adoboli stava prendendo scommesse extra con i propri soldi ed era accusato di essere "dipendente dal gioco d'azzardo"). La copertura della stampa ha anche fatto molto riferimento al fatto che Adoboli si è impegnato nelle classiche strategie "doppie o tacite" utilizzate da molti giocatori d'azzardo hardcore (dove, dopo una grossa perdita, i giocatori d'azzardo raddoppieranno la scommessa nel tentativo di recuperare i loro soldi persi velocemente come possibile). Ancora una volta, questa è un'ulteriore prova del fatto che il trading è solo il gioco d'azzardo sotto un altro nome.

E naturalmente, Adoboli non è stato il primo trader a fare questo. Nick Leeson – si potrebbe ricordare, il cosiddetto 'Rogue Trader' – fu l'uomo che nel 1995 fece da solo la più antica banca d'investimento del Regno Unito (Barings). Leeson era un broker di derivati ​​il ​​cui gioco fraudolento ha causato il crollo spettacolare di una delle istituzioni finanziarie più affermate del Regno Unito. Dall'inizio degli anni '90, Leeson ha fatto innumerevoli scommesse speculative (e non autorizzate) sul mercato azionario, che in un primo momento hanno fatto grandi profitti per i suoi datori di lavoro. Tuttavia, come con la maggior parte dei giocatori d'azzardo, la sua "fortuna del principiante" si è presto esaurita e ha iniziato a perdere enormi quantità di denaro. Per coprire le sue perdite, ha iniziato a nascondere le sue grandi perdite in un "conto di errore" (ad esempio, i conti che vengono utilizzati dalle società finanziarie per correggere i loro errori commessi nel commercio). Fu il 16 gennaio 1995 che un disastro nazionale (il terremoto di Kobe) portò a una disastrosa situazione finanziaria (il collasso della Barings Bank).

Le cose andarono tragicamente storte quando Leeson – usando i soldi del suo datore di lavoro per recuperare parte dei soldi che aveva perso – fece una scommessa sul fatto che il mercato azionario giapponese non si sarebbe mosso in modo significativo da un giorno all'altro. Tuttavia, la mattina del 17 gennaio, il terremoto di Kobe si è verificato e ha mandato i mercati finanziari asiatici in subbuglio. Per cercare di recuperare i soldi persi, Leeson ha fatto una serie di giochi sempre più rischiosi scommettendo sul fatto che il mercato azionario del Nikkei si sarebbe ripreso rapidamente, ma non è così. Le perdite di Leeson alla fine raggiunsero £ 827 milioni (che erano più del doppio del capitale commerciale disponibile della banca). Dopo un fallito tentativo di salvataggio, la Barings Bank è stata dichiarata insolvente poco più di cinque settimane dopo (26 febbraio 1995). Leeson è fuggito ma alla fine è stato catturato nel novembre 1995 e accusato di frode. Ha ricevuto una condanna a sei anni e mezzo. È interessante notare che Leeson (e altri) hanno continuato a incolpare le proprie scarse pratiche di auditing e gestione del rischio da parte di Baring (proprio come ha sostenuto anche Adoboli nel suo processo).

La maggior parte delle aziende probabilmente non ha politiche in atto per impedire a un singolo dipendente di azzardare tutti i profitti dell'azienda. Tuttavia, le buffonate di Leeson e Adoboli (anche se un po 'estreme) dimostrano che le organizzazioni devono riconoscere che il gioco d'azzardo con denaro dell'azienda può essere disastroso per l'azienda se le cose vanno terribilmente male. Mentre nessuna azienda si aspetta che un dipendente giochi d'azzardo per provocare il loro collasso, i casi di Leeson e Adoboli fanno almeno evidenziare il gioco d'azzardo come un problema che le aziende dovrebbero prendere in considerazione in termini di valutazione del rischio.

Il sito web della BBC Online News ha pubblicato un articolo di Laurence Knight sulla "psicologia del mercante disonesto". Knight ha lavorato per sei anni per una banca d'investimento. Sebbene Knight non fosse un trader, interagiva quotidianamente con i trader. Knight ha detto:

"Per molti commercianti, il loro senso di autostima è definito in modo univoco dal loro" P & L "- il profitto e la perdita che fanno per la banca – e, implicitamente, la dimensione del loro bonus. Fare un commercio redditizio dimostra che hanno ragione. E più grande è il profitto, più giusto sono. Per quanto riguarda gli enormi bonus … la loro importanza non è tanto nella ricchezza materiale che portano, quanto il riconoscimento dello status e del successo del trader … Adoboli ha negato specificamente di essere motivato da guadagni personali sotto forma di bonus, e la giuria appare averlo creduto. Tuttavia, sembra che abbia sofferto di una fissazione del profitto sopra ogni altra cosa, che sosteneva fosse perché si sentiva sotto pressione per produrre risultati ".

L'ex allenatore di Knight presso la banca d'investimento in cui lavorava – Bruno Curnier – ha affermato che molti trader soffrono della "sindrome di Gekko" (dal nome del personaggio fittizio " avidità è buono " Gordon Gekko nel Wall Street di Oliver Stone). Curnier ha affermato:

"[Alcuni commercianti] mancano di autoconsapevolezza – la capacità di comprendere le proprie emozioni e il modo in cui influenzano gli altri. L'immagine aggressiva, incline al rischio, che spinge al limite, "high-roller" del trader tende ad attrarre esattamente quel tipo di richiedente. Questo effetto di auto-selezione può quindi essere rafforzato da un processo di assunzione in cui i candidati selezionati vengono alla fine scelti dagli operatori per cui lavoreranno. Non penso che alcuni trader abbiano la minima idea di come gestire le persone. Reclutano le persone che a loro piace – se vedono la stessa unità. "

Knight afferma che i commercianti che conosceva si dividevano in uno di tre tipi ("commercianti di flussi", "commercianti di quantità" e "cacciatori di elefanti"). Questi tre tipi non sono basati su alcuna ricerca scientifica, solo sull'esperienza del sesso di Knight di lavorare con queste persone. Più in particolare ha affermato:

I più stereotipicamente aggressivi sono i commercianti di "flusso": persone che lavorano nei mercati più semplici, più competitivi e in rapida evoluzione, come valute o azioni … I commercianti hanno truccato i loro computer per far scoppiare rumori o melodie ogni volta che hanno comprato o venduto . Poi c'erano i commercianti "quant" – quelli che si occupano di opzioni finanziarie o transazioni complicate conoscono come CDO sintetici. Erano tipi intelligenti, che avevano bisogno di avere una presa intuitiva sulla complessa matematica in questione, e di tanto in tanto esplodevano quando avevano sbagliato i loro calcoli matematici. Infine, c'erano i "cacciatori di elefanti". Questi personaggi potrebbero trascorrere mesi in una grande transazione guadagnando milioni di dollari di profitto. Anche loro erano pensatori profondi, ma i loro pensieri erano rivolti a tattiche di negoziazione, documenti legali complessi e questioni contabili. Sembravano anche uomini di famiglia per lo più simpatici. Quasi tutti i trader che ho sentito di aver perso milioni o miliardi (inclusi due casi minori che non sono mai diventati pubblici) si collocano da qualche parte tra i primi due tipi ".

Knight ha anche fatto riferimento a uno studio affascinante che ho rintracciato abbastanza facilmente. Lo studio ha esaminato la biologia dei commercianti misurando i loro livelli di testosterone e cortisolo tra 17 commercianti durante il lavoro. Lo studio è stato condotto dal Dr. John Coates e dal Dr. J. Herbert e pubblicato in un numero del 2008 degli Atti dell'Accademia delle Scienze di Natlonal. Gli autori hanno riportato:

"Poco si sa sul ruolo del sistema endocrino nell'assunzione di rischi finanziari. Qui, riportiamo i risultati di uno studio in cui abbiamo campionato, in condizioni di lavoro reali, steroidi endogeni da un gruppo di commercianti maschi nella City di Londra. Abbiamo scoperto che il livello di testosterone del mattino di un commerciante predice la redditività della sua giornata. Abbiamo anche scoperto che il cortisolo di un trader aumenta sia con la varianza dei suoi risultati di trading sia con la volatilità del mercato. I nostri risultati suggeriscono che un aumento del testosterone può contribuire al ritorno economico, mentre il cortisolo è aumentato dal rischio. I nostri risultati indicano un'ulteriore possibilità: il testosterone e il cortisolo sono noti per avere effetti cognitivi e comportamentali, quindi se gli steroidi acutamente osservati dovessero persistere o aumentare con l'aumento della volatilità, potrebbero spostare le preferenze di rischio e persino influenzare la capacità di un trader di impegnarsi nella scelta razionale. "

Knight ha intervistato Coates che, secondo quanto riferito, ha dichiarato:

"Quello che credo fermamente è che l'assunzione di rischi finanziari sia un atto profondamente fisico. È un po 'come un esercito che si prepara a una carica di cavalleria. Se stiamo andando bene, il corpo ci dice: "Prendilo, c'è frutto ovunque". Il rovescio della medaglia è che rende il vincitore stupidamente spericolato – quando i trader esplodono, tipicamente arriva alla fine di una lunga striscia vincente. E questo è quello che sembra essere successo con Adoboli. "

Il gioco d'azzardo è un'attività di svago popolare e recenti sondaggi nazionali sulla partecipazione al gioco mostrano che circa i due terzi degli adulti scommettono ogni anno e che il problema del gioco d'azzardo colpisce circa l'1% della popolazione britannica (come misurato dal nostro più recente sondaggio nazionale sulla prevalenza del gioco d'azzardo. numero di fattori socio-demografici associati al gioco d'azzardo problematico, tra cui l'essere maschi, avere un genitore che era o che è stato un giocatore problematico, essere single e avere un reddito basso.Altre ricerche mostrano che coloro che sperimentano disoccupazione, cattiva salute, l'alloggio e le basse qualifiche di istruzione hanno percentuali significativamente più alte di gioco d'azzardo problematico rispetto alla popolazione generale.

È chiaro che i costi sociali e sanitari del gioco d'azzardo problematico possono essere notevoli sia a livello individuale che a livello sociale. I costi personali possono includere irritabilità, malumore estremo, problemi con i rapporti personali (incluso il divorzio), assenteismo dal lavoro, negligenza della famiglia e bancarotta. Possono anche esserci conseguenze negative per la salute sia per il giocatore che per il partner, tra cui depressione, insonnia, disturbi intestinali, emicrania e altri disturbi legati allo stress. Gli operatori "Addicted" hanno probabilmente effetti simili (se non esattamente identici).

Il problema del gioco d'azzardo può chiaramente essere un'attività nascosta e la crescente disponibilità del gioco d'azzardo su internet sta rendendo più facile giocare d'azzardo sul posto di lavoro. Per fortuna, sembrerebbe che per la maggior parte delle persone il gioco d'azzardo non sia un problema serio. Per coloro il cui gioco d'azzardo inizia a diventare più un problema, può influenzare sia l'organizzazione che altri colleghi di lavoro (e in casi estremi, come Leeson e Adoboli, causano problemi maggiori per l'azienda nel suo complesso). I responsabili hanno chiaramente bisogno di sensibilizzare la loro attenzione su questo problema e, una volta che ciò è avvenuto, devono sensibilizzare il pubblico sulla questione tra la forza lavoro. Il gioco d'azzardo è un problema sociale, un problema di salute e un problema professionale. Sebbene non siano in cima alla lista per la maggior parte dei datori di lavoro, i problemi evidenziati qui suggeriscono che dovrebbe essere almeno sulla lista da qualche parte.

Riferimenti e ulteriore lettura

BBC News (2012). Kweku Adoboli è stato incarcerato per frode di oltre 1,4 miliardi di sterline. 20 novembre. Si trova all'indirizzo: http://www.bbc.co.uk/news/uk-20338042

Coates, J. & Herbert, J. (2008). Steroidi endogeni e rischio finanziario in un piano commerciale di Londra. Atti della Natlonal Academy of Sciences, 105, 6167-6172.

Griffiths, MD (2000). Trading di giorno: un'altra possibile dipendenza dal gioco d'azzardo? GamCare News , 8, 13-14.

Griffiths, MD (2002). Gioco d'azzardo su internet sul posto di lavoro. In M. Anandarajan & C. Simmers (Eds.). Gestione dell'utilizzo del Web sul posto di lavoro: una prospettiva sociale, etica e legale (pagine 148-167). Hershey, Pennsylvania: Idea Publishing.

Griffiths, MD (2004). Scommettendo su di essa: il problema del gioco d'azzardo ha chiare conseguenze sulla salute. British Medical Journal , 329, 1055-1056.

Griffiths, MD (2006). Gioco d'azzardo patologico. In T. Plante (a cura di), Psicologia anormale nel XXI secolo (pp. 73-98). New York: Greenwood.

Griffiths, MD (2009). Gioco d'azzardo su internet sul posto di lavoro. Journal of Workplace Learning, 21, 658-670.

Knight, L. (2012). La psicologia del mercante disonesto. BBC News, 20 novembre. Si trova all'indirizzo: http://www.bbc.co.uk/news/business-19849147

Wardle, H., Moody. A., Spence, S., Orford, J., Volberg, R., Jotangia, D., Griffiths, MD, Hussey, D. & Dobbie, F. (2011). British Gambling Prevalence Survey 2010 . Londra: l'ufficio di cartoleria.

Solutions Collecting From Web of "Sul difetto commerciale"