Sul campo di battaglia della psiche

Il Memorial Day è un'occasione storica per ricordare e rendere omaggio a quei soldati che hanno perso la vita in guerra. Ma è anche un giorno per rendere testimonianza a coloro che sono nell'esercito che sono tornati a casa portando non solo le cicatrici fisiche della battaglia, ma le ferite invisibili della guerra sotto forma di PTSD, o Disturbo da stress post-traumatico. Come queste ferite svestite colpiscono i veterani e i loro cari, come cambiano la nostra comprensione della guerra, le differenze psicologiche tra i veterani della Seconda guerra mondiale, il Vietnam, l'Iraq e l'Afghanistan e come il PTSD può contribuire alla violenza nella cultura e più sono i temi di la mia intervista con Larry Decker, Ph.D.

Psicologo clinico in uno studio privato, Decker iniziò a consigliare i veterinari nelle immediate vicinanze del Vietnam, quando gli fu chiesto di fondare alcuni dei primi gruppi di rap a Santa Barbara. Il lavoro, mi ha detto, è stata una grande esperienza e "lo ha agganciato immediatamente". Ha lavorato per oltre venticinque anni per il Dipartimento per gli affari dei veterani, dove attualmente è un contraente federale che si occupa della consulenza ai veterani della seconda guerra mondiale, il coreano La guerra, la guerra del Vietnam e le guerre in Iraq e in Afghanistan. Decker è l'autore del libro The Alchemy of Combat , pubblicato di recente, e nel seguente dialogo rivela alcuni degli approcci che adotta nel lavorare con i veterinari in terapia, così come ciò che i civili e le persone care possono fare e che non devono fare- per quegli amici, sposi e familiari feriti psicologicamente dalla guerra. La seguente intervista è tratta dal mio nuovo libro, America on the Couch: Psychological Perspectives on American Politics and Culture (Lantern Books).

Pythia Peay: Puoi dirmi in che modo il lavoro psicologico intorno alla guarigione delle ferite interiori della guerra – se è anche possibile – è sorto per la prima volta?

Larry Decker: I soldati hanno subito il trauma della guerra per secoli. Nel suo libro Achille in Vietnam , l'autore Jonathan Shay sottolinea tutte le diverse istanze nell'Iliade di Omero che il guerriero Achille descrive i propri sintomi. Durante la guerra civile un chirurgo di nome Da Costa iniziò a vedere soldati che mostravano depressione, ansia, incubi e pensieri intrusivi. Inizialmente pensava che avesse qualcosa a che fare con i problemi cardiaci, e così l'ha definito "cuore irritabile" o "cuore del soldato". Durante la prima guerra mondiale, questi stessi sintomi sono stati attribuiti allo shock dei proiettili.

Quindi è solo di recente che abbiamo dato a questo fenomeno un nome: PTSD, o Disturbo da stress post-traumatico. Sigmund Freud è stato tra i primi a formare parte del nostro pensiero di base sul trauma. Anche lo psichiatra francese Pierre Janet iniziò a studiare come il trauma influisse sulla vita psichica. Ha descritto la risposta umana al trauma come una membrana attorno al nucleo di chi pensiamo di essere, come un modo per proteggerci dall'orribile cosa che è accaduta. Di conseguenza, una parte di noi si perde, è incosciente e relegata in qualche posto nel profondo di noi stessi. Nondimeno, secondo Janet, queste emozioni represse tendono ad uscire in tutti i modi strani, creando problemi.

PP: Quindi, per riassumere, quando un soldato è traumatizzato dalla guerra, sigilla la parte di se stesso che è stata ferita psichicamente?

LD: Specialmente quando è in battaglia, non ha scelta, perché se non lo fa, rischia di far uccidere tutti, compreso se stesso. Ma a volte succede il contrario, e i soldati affrontano il trauma diventando impazziti. Diventano pazzi e cercano di uccidere tutti, a volte anche qualcuno dalla stessa parte, se capita di intromettersi.

A vari livelli (la maggior parte dei veterani) impara a resistere a quell'opzione una volta tornati alla vita civile. Altre volte, non reincorporano le parti relativamente normali, restano represse o scisse, oppure si intorpidiscono bevendo.

PP: Quindi, anche se i sintomi del trauma correlato alla guerra sono stati registrati durante tutta la storia, guerre diverse portano a sintomi diversi?

LD: Sì. Ad esempio, una delle grandi differenze tra la Seconda guerra mondiale e il Vietnam era DEROS: la data del previsto ritorno dall'estero. In Vietnam, a tutti fu dato un turno di servizio di un anno, tranne che per i Marines, che ricevettero tredici mesi. Nella seconda guerra mondiale, tuttavia, l'arruolamento fu per la durata della guerra; questo fatto per un'esperienza molto diversa. A un certo punto durante la seconda guerra mondiale ci furono in realtà più crolli psichiatrici sul campo di battaglia di quanti ne fossero stati arruolati: soldati caduti a pezzi perché non sapevano quando sarebbero usciti e sarebbero tornati a casa.

In Vietnam, un soldato sapeva quando stava per uscire, e in fondo dovette tenerlo insieme fino ad allora. Ma quando tornarono in America, i veterani del Vietnam subirono un "trauma del santuario": arrivarono a casa con l'aspettativa che la casa sarebbe stata un posto sicuro, che si rivelò quasi pericoloso quanto il posto che avevano lasciato.

PP: Capisco che i veterani del Vietnam hanno sofferto di più a tornare a casa dei veterinari della seconda guerra mondiale, perché la seconda guerra mondiale è stata più accettata e onorata nella cultura americana.

LD: Penso che faccia parte della mitologia intorno alla seconda guerra mondiale: che è stata una buona guerra, e che tutti sono stati elogiati quando sono tornati a casa. Ma i veterinari della seconda guerra mondiale hanno sofferto altrettanto; c'era un'incidenza altrettanto alta di suicidio dopo la seconda guerra mondiale tra i veterani del combattimento; e altrettanto alta l'incidenza di alcolismo, senzatetto, disoccupazione e violenza domestica come tra i veterani del Vietnam.

È solo che gli effetti della guerra hanno cominciato a essere più discussi tra i veterinari del Vietnam, e questo non è andato molto d'accordo con i veterani della seconda guerra mondiale. Ad esempio, un veterinario del Vietnam mi ha parlato della sua esperienza di alzarsi e parlare con un gruppo di veterani. Dopo che ebbe finito di parlare, un veterano della seconda guerra mondiale si alzò e disse: "Sai, figliolo, quello che hai passato è stato davvero duro. Ma non era niente in confronto a quello che abbiamo vissuto e non ne abbiamo mai parlato. "Quello era un rifiuto molto comune da parte di quegli uomini della Generazione più grande: non pensavano che qualcuno avrebbe dovuto parlare di quello che era successo durante la guerra, e nessuno chi ha fatto è stato un piagnucolone, un tossicodipendente e un perdente.

PP: Questa differenza tra le due generazioni è dovuta al fatto che i veterinari del Vietnam erano più sensibili ai sentimenti e alla psicologia, semplicemente a causa dei tempi in cui erano nati?

LD: Penso di sì. A quel tempo, c'era molta più apertura nella nostra cultura per esprimere ciò che era reale, veritiero e onesto su chi e cosa siamo; questo è quello che dovrebbe essere la nostra generazione.

PP: c'erano altre differenze tra le due generazioni di soldati?

LD: Durante la seconda guerra mondiale, i soldati rimasero con l'unità a cui erano stati assegnati durante tutta la guerra, quindi c'era più di un senso di unità di combattimento coesa. Ma in Vietnam, gli uomini andarono al campo di addestramento con un gruppo di persone, poi si trasferirono in fanteria avanzata con un gruppo diverso di uomini, e poi andarono in Vietnam con un altro gruppo. Se hanno formato una relazione con qualcuno nella loro unità, quel soldato potrebbe essere ucciso. Così hanno imparato a non formare relazioni; hanno imparato come esistere da soli, come non fidarsi e essere iper-vigili.

Molti soldati hanno lasciato il Vietnam senza sapere cosa è successo all'unità o al plotone a cui erano stati assegnati; alcuni sono stati persino tirati fuori dall'azione nel bel mezzo di uno scontro a fuoco – improvvisamente un elicottero è sceso, e via. Poi, uno o due giorni dopo, erano a San Francisco, forse in uniforme, e la gente li stava urlando e li chiamava "baby-killer".

PP: Quindi è la transizione improvvisa e improvvisa dei veterani dalla guerra alla vita civile, senza alcuna possibilità di integrare ciò che hanno passato, il che può esacerbare i traumi della guerra.

LD: È esattamente questo. Ancora oggi, i veterani del Vietnam si domandano ancora cosa sia successo al loro plotone. Durante gli anni settanta, ai veterinari che tornavano negli ospedali VA veniva detto di dimenticarsene. Molti di loro comprarono in quel mito che se avessero tenuto a freno i loro ricordi di guerra sarebbero andati via, così non provarono nemmeno a contattare nessuno dalle loro unità, e non volevano parlarne.

Ma a quei tempi il PTSD non esisteva nemmeno: era chiamato fatica da combattimento. L'idea alla base era semplicemente quella di dare al soldato un po 'di riposo e cure per renderlo di nuovo un soldato competente e riportarlo in prima linea. I militari non volevano che gli uomini usassero questo come un modo per uscire dal combattimento.

PP: Quali sono alcune delle differenze che hai visto tra veterinari del Vietnam e veterinari più giovani di ritorno dalle guerre in Iraq e in Afghanistan?

LD: I veterinari del Vietnam sono ormai una popolazione che invecchia; sono tutti sulla sessantina o più. Il loro PTSD è cronico ed è diventato uno stile di vita. Considerando che per i veterani più giovani, indipendentemente dal fatto che siano stati avvertiti in anticipo sul DPTS, sono ancora impreparati per il tipo di difficoltà che incontrano al loro ritorno.

Andare d'accordo con i civili è anche una sfida per molti di questi veterinari più giovani. Ci vedono addormentati; sentono che se appena ci svegliassimo, inizieremmo a capire di cosa tratta veramente la vita. Deplorano anche il nostro individualismo e la mancanza di essere uniti attorno a una missione comune, che era ciò che hanno vissuto durante il combattimento, e che significava un enorme ammontare per loro. Fino ad oggi, ogni singolo veterinario che vedo vuole tornare in Iraq e in Afghanistan.

PP: Confesso di essere completamente preso alla sprovvista da quello che hai appena detto. Perché questi veterinari vogliono tornare in un posto dove le loro vite sono in costante pericolo?

LD: È importante capire quanto sia significativo il loro lavoro laggiù. E cosa fanno quando tornano a casa? Immagazzinano scaffali in un negozio di alimentari, o qualcosa di simile banale. È una dichiarazione eloquente sull'assenza di significato della nostra cultura: che non possiamo fornire qualcosa di meglio che stare in una zona di guerra!

Ma un altro modo per comprendere il desiderio del veterano iracheno di tornare al teatro delle operazioni è il fatto che la guerra richiede che tu sia completamente presente. Senza questo senso di urgenza che richiede di essere in una zona di guerra, i soldati trovano la loro attenzione vagando verso il vuoto comparativo delle loro vite. Di conseguenza, sentono il desiderio di un ritorno a ciò che li ha assorbiti. Il senso di mancanza di senso dei veterani nel tornare a casa si riflette nei molti suicidi dopo ogni guerra, compresi quelli attuali. Questi sentimenti di insensatezza si combinano nel veterano di combattimento con i traumi degli amici che muoiono, uccidendo il nemico e credendo che nell'uccidere una linea (con Dio) sia stato superato, il che è irrevocabile.

PP: Qualcuno che conosco un veterano del Vietnam ha confessato di essere pietrificato dal morire, a causa dell'immenso senso di colpa che provava nei confronti di coloro che aveva dovuto uccidere durante la guerra, compresi, per caso, civili. Sentivo con forza che il suo pesante senso di colpa non doveva essere il suo solo da sopportare, ma che apparteneva a me e a tutti quegli americani per cui era andato in guerra.

LD: È molto vero; li abbiamo inviati lì. A quel tempo, il tuo amico stava facendo il meglio che poteva con quello che aveva. Se avesse esitato, tutta la squadra avrebbe potuto essere uccisa. I soldati in guerra non possono esitare; devono sparare. Questa è la guerra, ed è quello che succede.

Una volta ho avuto un'intervista con il leader buddista tibetano, Sua Santità il Dalai Lama, sul mio lavoro. Quando gli ho chiesto il suo consiglio su come lavorare con i veterani, ha detto che due cose erano importanti: in primo luogo, dovevano avere una sorta di spiritualità. E in secondo luogo, dovevano sapere che era il loro lavoro – il loro dovere – uccidere le persone. Fece anche una distinzione tra il dover uccidere durante la guerra e commettere un omicidio.

PP: Quindi i veterinari del Vietnam volevano tornare in Vietnam, come i veterani dell'Iraq volevano tornare in Iraq, per le stesse ragioni che hai elencato sopra?

LD: I veterinari che ho visto non ne hanno dato voce; la maggior parte dei ragazzi voleva solo uscire dall'esercito. Ma hanno riferito di sentirsi senza scopo, senza sapere cosa fare con loro stessi. Nel suo libro Escape from Freedom, lo psicologo tedesco Eric Fromm ha scritto sul paradosso di coloro che sfuggono ai regimi repressivi, eppure chi, una volta scappato, non può sopportare la quantità di scelte che devono fare, perché sono usati ad avere le loro scelte fatte per loro. La maggior parte dei veterinari di ritorno affronta questo dilemma; I veterinari del Vietnam in particolare. E poi c'è stata un'accoglienza molto negativa quando sono tornati a casa, con il nome e le molestie.

PP: È stato un periodo vergognoso nella nostra storia.

LD: Credo che sia stato un vero crimine. Ma come risultato, i veterani del Vietnam si nascondevano; raramente parlavano con nessuno della guerra, ed erano molto riservati, perché non era accettabile far conoscere le loro esperienze. Ma per tutti i veterinari, la ragione per cui non vogliono parlare di quello che hanno fatto durante la guerra è perché hanno paura che le persone li odieranno o che qualcuno potrebbe dire: "Dio! Come hai potuto farlo? "Questa è la cosa peggiore che possano sentire, oltre a" Come ci si sente ad uccidere qualcuno? "È sorprendentemente comune quante persone chiedono ai veterinari di restituire quel tipo di domande senza pensieri.

PP: Mentre stiamo parlando, mi sembra che l'America non sia cambiata molto rispetto ai suoi veterani feriti. Hai visto qualche tipo di spostamento verso i nostri veterani di ritorno dalle guerre in Iraq e in Afghanistan?

LD: Non li abbiamo sputati e non li abbiamo lanciati quando sono tornati. Ora è più una questione che a nessuno importa davvero. Come un veterano della guerra in Iraq disse: "Sì, è meglio che essere sputi. Ma tutte queste persone che vogliono comprarmi da bere e dirmi che lavoro ho fatto, non sanno quello che ho fatto. Se sapessero cosa ho fatto, non mi comprerebbero queste cose ". I veterinari che tornano dalle guerre in Iraq e in Afghanistan hanno ancora la sensazione che i civili non capiscano e non lo capiranno mai. Di conseguenza, sono molto isolati e bloccati in una specie di terra "Never Never": non sono più nell'esercito, ma non sono nemmeno civili.

PP: Perché non saranno mai la stessa persona che erano prima di andare in guerra?

LD: Giusto. Mentre sono via soffrono orribilmente per la nostalgia di casa, ma quando finalmente tornano, sono cambiati così tanto che non è più casa. Ma la casa non è cambiata: sono cambiati. Tutti i veterani di ritorno dalla guerra passano attraverso questo. Ma nessuno ha la minima idea di come aiutarli, e a nessuno importa comunque, ad eccezione di quelli che sono molto vicini a loro, e che sono colpiti da tutti i problemi legati alla rabbia, all'alcolismo e alla violenza.

PP: Quindi, come fai, come psicologo, a lavorare con i veterinari con PTSD?

LD: Il lavoro riguarda principalmente l'integrazione di ciò che è accaduto. Fondamentalmente, i veterani stanno lottando con il modo di gestire un'esperienza estremamente significativa e nuova che non si adatta al loro vecchio sistema, quindi devono formare un nuovo sistema. Per la maggior parte delle persone, le cose cambiano in modo incrementale, in modi molto lenti e lineari che sono fondamentalmente sicuri. Ma il trauma non è così. Il trauma è un cambiamento enorme, violento e improvviso.

La maggior parte dei veterinari con cui lavoro dice che la loro prima comprensione di ciò in cui si erano cacciati fu quando vennero per la prima volta presi di mira: fu solo allora che realizzarono che le persone stavano cercando di ucciderli. Prima di allora, la guerra era stata solo un concetto, quindi non l'hanno davvero afferrato. Ma il trauma è così: finché qualcosa di enormemente orribile accade a noi, è solo una fantasia.

Quindi, nel mio lavoro con i veterani, ho scoperto che il trauma di guarigione deriva dal collegarsi a un "sé innato" che va molto più in profondità, e che non ha nulla a che fare con i sensi interattivi che ci collegano al mondo esterno. Questo sé innato potrebbe essere chiamato un'essenza, o il nostro spirito o anima; è qualcosa dentro di noi che era presente quando siamo nati. Affinché i veterani possano ricominciare a vivere nel mondo, deve esserci anche una specie di scopo per il trauma che hanno sofferto. Quindi è molto importante nel recupero sviluppare una teoria del significato attorno a quello che è successo a loro: "Qual era lo scopo?" "Perché è successo a me?" E "Che cosa ha a che fare con chi sono?"

PP: Quindi, se gestito da un consulente saggio e competente, i veterani possono essere guidati fuori dal tipo di limbo infernale che si trovano dopo la guerra. Potrebbero persino scoprire il potenziale contenuto nella loro sofferenza per allargare la loro coscienza.

LD: Sì, ma è anche importante ricordare che ci sono alcune cose che non possiamo fare nel lavorare con i sopravvissuti al trauma, come incolpare la vittima, o vederli come psicologicamente carenti se mostrano difficoltà emotive. Ci sono anche diverse forme di "biasimo spirituale": il concetto di peccato originale, di ricompensa karmica, o di raccontare ai veterani che hanno attraversato un trauma per diventare emotivamente più forti.

Un fattore chiave nel lavoro con i veterinari in cura è di dare loro un'ancora, una persona con cui possono sentirsi al sicuro parlando delle loro esperienze. Parlare di cose che non avrebbero mai pensato di poter dire ai veterinari conferma il loro potere. È anche un enorme sollievo scoprire che non sono soli.

Aiuta anche i veterinari con cui collaboro a riscoprire e riconnettere con un senso di innocenza, nutrimento e sicurezza che hanno vissuto in qualche momento della loro vita. Quindi, una volta ancorati in questa solida base, possono tornare nel trauma.

PP: Quindi, prima che il trauma possa guarire, ci deve essere questo rafforzamento iniziale, quindi la rievocazione e la reintegrazione.

LD: Giusto. Li incoraggio anche a guardare al futuro ea vedere il futuro come una forza più forte rispetto al passato, perché ora determinano cosa accadrà in futuro. E così chiedo loro: "Come vuoi che il tuo futuro guardi? Cosa vorresti che succedesse nella tua vita? "Ciò consente ad un nuovo sé di emergere, con nuove convinzioni, capacità e un senso di identità. Un senso di parentela e cameratismo ritorna, e fanno enormi passi in avanti. Questo può anche essere molto spaventoso; c'è una tendenza alla ricaduta in quel punto e a tornare nei sintomi. Un sacco di veterinari abbandoneranno a quel punto. Quindi è un processo molto difficile che deve essere fatto molto lentamente e con attenzione, e dando alle persone il tempo di cui hanno bisogno.

PP: Passando dai nostri veterani alla cultura più ampia, da dove viene l'America per tutto questo? Ad esempio, come hai appena descritto, un modo in cui i veterinari possono iniziare a guarire dal trauma della guerra è quello di rivolgersi al futuro. E anche se quella parte dell'America che è molto futura e orientata all'orizzonte potrebbe aiutare la loro ripresa, mi chiedo anche se la nostra resistenza al passato potrebbe anche contribuire alla nostra incapacità culturale di accogliere e accettare davvero il trauma e la sofferenza che questi veterinari hanno sopportato. C'è quell'atteggiamento nella cultura americana nei confronti di chiunque stia soffrendo che fondamentalmente dice: "Qual è il tuo problema? Basta andare oltre, andare avanti e andare avanti. "

LD: Giusto; semplicemente non vogliamo saperlo. Siamo tutti così stanchi dal nostro lavoro quotidiano e dalle nostre responsabilità, vogliamo solo intorpidire, e poi alzarci e fare tutto da capo. Non vogliamo sapere delle cose di qualcun altro. Se la gente pensa a ciò che i nostri veterani stanno attraversando – il che sono certo che il novanta per cento della popolazione non lo fa – ci pensano in modo superficiale, come "Posso offrirti da bere?" Oppure "Sei andato sopra e preso a calci un po 'di culo – li hai davvero mostrati! "Come se la guerra fosse una specie di partita di football.

PP: Quindi cosa vogliono i nostri veterinari da noi?

LD: Uno dei miei pazienti per tre o quattro anni è stato Karl Marlantes, l'autore di Matterhorn e What It's Like To Go War. Durante la sua apparizione su "Moyers & Company", ha detto a Moyers che i veterani non vogliono una sezione esultante, con la gente che urla "Yeah America!" Quello che vogliono veramente, ha detto, è un lavoro significativo. Inoltre, ha detto, non vogliono essere dimenticati o ignorati. E vogliono assaggiare la bellezza e la bellezza meravigliose della vita. Queste sono alcune delle cose fondamentali che potremmo fare per aiutare i nostri veterinari quando tornano a casa; non si tratta di glorificare la guerra, ma semplicemente di apprezzare ciò che i nostri soldati hanno attraversato.

PP: Quindi presumo che, anche dopo tutte le guerre del ventesimo e ventunesimo secolo, non ci sia ancora una vera preparazione psicologica o spirituale prima che i soldati siano mandati in guerra, e nessuna preparazione quando tornano per aiutarli ad assimilare indietro in cultura?

LD: è migliorato un po '. I soldati vengono informati sul PTSD prima che se ne vadano. Quando ritornano, leggono una lista di sintomi di sintomi. Un marine di ritorno dall'Iraq mi ha detto che, dopo aver ascoltato la lista dei sintomi letta ad alta voce, ha alzato la mano. Il sergente allora lo portò in una stanza sul retro e gli urlò contro, chiamandolo "merda stupida" perché ora il suo congedo sarebbe stato ritardato. Il marine si scusò, il sergente gli fece firmare un pezzo di carta e se ne andarono. E questo è quello che succede. È solo un approccio molto maschile e militare.

PP: Dopo la guerra in Vietnam, ricordo che è sorta una discussione intorno al fornire una sorta di cerimonia o rito a casa per i nostri guerrieri di ritorno – qualcosa per contribuire a purificarli da quello che avevano passato, in modo che potessero rientrare la società ancora una volta.

LD: Avere una cerimonia di ritorno a casa sarebbe relativamente priva di significato perché non c'è nulla nella cultura con cui fare il backup. Non c'è vera cultura guerriera in America, nessuna preparazione o addestramento per i soldati. Non c'è niente di tutto ciò.

PP: Dato il nostro ingente budget per la difesa, penso che affermare che non siamo una vera "cultura guerriera" sarebbe una sorpresa per molti americani.

LD: Abbiamo una cultura guerriera, ma non abbiamo una cultura guerriera. Se andremo in guerra, dovremmo sapere qualcosa sui guerrieri e non ne sappiamo nulla. È molto riservato. Il Dipartimento della Difesa ha un budget annuale di circa 550 miliardi di dollari, un budget così grande da rendere insignificanti tutti gli altri dipartimenti del governo federale. L'amministrazione dei veterani ha il secondo budget più grande, circa $ 150 miliardi. Ma non c'è nulla di un'autentica cultura guerriera in nessuna di queste istituzioni militari.

Milioni di dollari vengono spesi, tuttavia, in programmi che addestrano i soldati a diventare psicologicamente resistenti, in modo che non abbiano risposte emotive all'uccisione. Fondamentalmente, questo rimuove solo la loro coscienza, così come un senso di empatia per il nemico. Invece, ai soldati viene insegnato che per uccidere devono disumanizzare il loro nemico. Così in Vietnam, furono chiamati "gooks", e in Iraq divennero "Hajis" o "negri della sabbia". Al contrario, i Greci e altre antiche culture guerriere capirono il concetto di "nemico onorevole" o "nemici onorevoli". ”

PP: Qual è la differenza psicologica tra uccidere un "nemico onorevole" e uccidere un "gook" o un "Haji"?

LD: Come è stato ben noto nel campo della psicologia, e come ho visto nella mia esperienza clinica, gli effetti della disumanizzazione del nemico possono portare a seri problemi quando i soldati tornano dalla guerra; i loro sintomi di PTSD possono diventare molto, molto gravi. Essenzialmente, quando i veterani tentano di rientrare nel mondo civile, alla fine devono fare i conti con il fatto che i loro nemici, siano essi vietnamiti o giapponesi, sono esseri umani – non solo "mocciosi" o "ghiottoni". Questa realizzazione crea enorme dolore sopra l'uccisione, la tortura e le mutilazioni in cui potrebbe essere stato coinvolto il soldato. Era in grado di fare quelle cose durante la guerra perché si era convinto che il nemico non era veramente umano. Ora come può perdonare se stesso?

PP: Quindi è come se mandassimo i nostri soldati in guerra con tutte le armi di cui hanno bisogno, ma nulla del tipo di allenamento psicologico e spirituale che stai descrivendo. A un certo livello, pensi che i veterinari che stanno tornando dai campi di battaglia con PTSD, e che stanno soffrendo questa terribile disconnessione tra loro e la loro psiche, e tra loro e il paese, sono come il proverbiale canarino nella miniera di carbone, allertando noi a qualcosa che manca alla nostra cultura?

LD: Mi piace questa domanda. Sì, certo che lo sono. Ma non stiamo prestando alcuna attenzione a loro, perché nessuno lo capisce davvero. Ogni volta che dico alla gente che ogni veterano iracheno che ho mai visto vuole tornare in guerra, sono scioccati, proprio come te.

Ma pensaci: hanno vent'anni, armati fino ai denti con armi e attrezzature sofisticate, al fianco di un'enorme quantità di uomini armati allo stesso modo e che si guardano l'un l'altro. Tutti sono stati incredibilmente ben addestrati, tutti hanno una missione e sono tutti d'accordo su come fare le cose. Questi giovani soldati hanno il potere di uscire nella popolazione e uccidere le persone se non fanno quello che vogliono: se qualcuno viene troppo vicino a loro, possono ucciderli. Se discutono con loro, possono ucciderli.

PP: È come ricevere il potere degli dei.

LD: Questo è ciò che ha detto il veterano del Vietnam Karl Marlantes. Ha detto che questo tipo di attività dovrebbe essere lasciato agli dei, ma invece li diamo ai diciannovenni.

PP: Devi arrabbiarti a volte.

LD: No. Più di ogni altra cosa, posso essere sopraffatto dal dolore. In quel momento so che sono distrutto e devo andare via per un po '.

Gli appunti

-Ulteriori informazioni su PTSD possono essere trovate presso l'Associazione Veterans <http: //www.ptsd. va.gov>.
Secondo Decker, una delle spiegazioni dello shock da shell era che "era causato dall'inalazione del monossido di carbonio prodotto dalle esplosioni. Quindi il termine è shock da shell e una delle spiegazioni è stata che è stata l'inalazione di monossido di carbonio che ha creato i sintomi di una mancanza di autocontrollo, una riluttanza a continuare a combattere e una debolezza muscolare generale o nevrastenia. "
-Puoi leggere su Karl Marlantes su "Moyers & Company", con l'ospite Bill Moyers, in <http: // billmoyers.com/guest/karl-marlantes/>.
– Budget annuale del Dipartimento della Difesa per il 2012: 553 miliardi. Il budget del DOD comprende il 45% di tutte le spese militari globali ed è superiore ai diciassette più grandi eserciti combinati <http://www.whitehouse.gov/omb/factsheet_department_defense>.
Bilancio annuale del Dipartimento dei veterani per il 2014: 152,7 miliardi <http://www.va.gov/ budget / products.asp>.

Solutions Collecting From Web of "Sul campo di battaglia della psiche"