Suicidio Versus Psychiatry

Trattare la suicidalità come propria malattia.

Il suicidio è l’undicesima principale causa di morte nel paese e la terza causa principale tra gli adolescenti. Inoltre, le preoccupazioni suicidarie e il tentativo di suicidio sono assolutamente epidemici, con il 6% degli adolescenti che tentano il suicidio in un periodo di 12 mesi, secondo un recente sondaggio sulla salute comportamentale negli Stati Uniti, il 90% delle volte sconosciuto ai genitori. Spesso le persone si rivolgono agli psichiatri per aiutare i suicidi ma, nonostante la recente National Suicide Prevention Strategia del Surgeon General rivolta agli psichiatri, e le risonanze della ricerca sulla psichiatria su cause e “fattori di rischio”, il tasso di suicidio è diminuito solo in minima parte.

Gli psichiatri sanno molto sul suicidio e aiutano molte persone a evitarlo. Soprattutto quelli che vengono nei nostri uffici, ci parlano dei loro pensieri e dei loro impulsi, parlano con noi e ascoltano, e prendono i farmaci che raccomandiamo. Ma il suicidio può richiedere anni o minuti, può emergere all’improvviso e inspiegabilmente quasi come un virus latente che esplode dentro lo spirito, schiudendo cieco il paziente e tutti quelli che lo circondano con una tragedia che riecheggia le generazioni. Un bambino di nove anni entra nel bagno della scuola e si blocca. Le matricole del college, travolte inaspettatamente dalla vergogna, finiscono impulsivamente le loro vite; adolescenti che si sentono esclusi, vergognosi, rifiutati o improvvisamente “innamorati della morte”, si suicidano, sorprendendo tutti intorno a loro.

Negli ultimi anni, circa la metà delle persone che si suicidano non ha mai visto un professionista della salute mentale. Inoltre, la suicidalità non è a questo punto una malattia psichiatrica. È un sintomo, una possibile complicazione di altre condizioni, come la depressione, la schizofrenia o l’alcolismo. Ma la maggior parte delle persone con queste malattie non è suicida e alcune altre sono, che non hanno mai avuto altre condizioni. Un numero di noi sul campo crede che sia un’entità separata, discreta, neurologicamente, geneticamente e psicologicamente, e qualche volta esiste a prescindere da queste altre malattie. Il 90% delle persone che commettono suicidio hanno una diagnosi psichiatrica maggiore, ma il 10% no. Possono essere affidati a un ospedale per essere un pericolo per loro stessi ma non hanno alcuna diagnosi mentre sono lì. Alcuni psichiatri hanno raccomandato che il suicidio venga etichettato come una malattia nel Manuale diagnostico e statistico delle condizioni psichiatriche pubblicato nel 2015 e viene menzionato come condizione per “ulteriori studi”. Da allora è stato raccomandato che ogni persona che vede una salute mentale, o emergenza i professionisti della medicina chiederanno ai pazienti se hanno o hanno mai avuto un impulso suicidario. Tuttavia, il problema rimane che molti pazienti non rivelano le loro preoccupazioni suicidarie, e molti altri, il 40 per cento in uno studio australiano, sembrano davvero dimenticare che hanno mai tentato il suicidio. Potevano essere in uno stato mentale diverso al momento. In breve, i professionisti della salute mentale, i medici, gli educatori e i familiari non aiutano in modo efficace le persone che si suicidano.

Lo psichiatra Michael Phillips ha studiato il suicidio tra i contadini cinesi che senza preavviso avrebbero cercato di uccidersi ingerendo pesticidi, osservando che sembravano essere liberi dalle solite malattie psichiatriche del fattore di rischio. Suggerisce di cambiare la nostra comprensione e il nostro approccio al “modello medico” per aiutare i suicidi. Alcuni anni fa il segretario dell’amministrazione veterana Eric Shinseki, commentando l’efficacia leggermente migliorata dei programmi di prevenzione tra i veterani del combattimento iracheno, sentiva ancora la necessità di chiedere: “Perché sappiamo così tanto sui suicidi, ma sappiamo ancora così poco su come prevenire loro? “(AP 11 gennaio 2010.) Sentimenti quasi identici provenivano da Sigmund Freud che ha concluso la prima conferenza psicoanalitica sul suicidio, 100 anni fa quest’anno, provocata da un’epidemia di suicidi tra gli adolescenti delle scuole superiori a Vienna, dicendo:” In a dispetto di tutto il prezioso materiale non siamo ancora arrivati ​​a nessuna risolutezza su questo problema … ”

La psichiatria offre molte informazioni sul suicidio, ma gli psichiatri non raggiungono abbastanza persone abbastanza del tempo.

Non c’è dubbio che gli psichiatri aiutano molti pazienti e impediscono molti, molti suicidi. Trattare le malattie associate ai suicidi spesso elimina il pericolo di suicidio, anche se a volte il miglioramento della malattia può paradossalmente aumentare il pericolo di suicidio. Ma troppe persone suicide non diventano mai, o effettivamente rimangono, pazienti psichiatrici o psicoterapici. Troppi cadono tra le crepe dei sistemi di assistenza sanitaria mentale. Gli psichiatri raccolgono dati e più dati e più dati e denigrano “stigma” e “raccomandano” che lo stigma non sia associato al trattamento psichiatrico. Tuttavia, anche se ci sono problemi nell’attuazione di trattamenti efficaci, la psichiatria ha la base dati e la conoscenza generale di ciò che deve essere fatto per le persone che sono inclini al suicidio.

L’ex presidente dell’American Psychiatric Association, il dott. Thomas Insel, suggerisce agli psichiatri di seguire la guida di coloro che si occupano di cardiologia e medicina oncologica, di considerare cronici le condizioni mediche e le vulnerabilità e di lavorare con professionisti nella sanità pubblica e nelle istituzioni della comunità. Fare in modo che le persone smettessero di fumare contribuiva tanto a ridurre il tasso di cancro ai polmoni quanto gli articoli sulle nuove tecniche di chirurgia polmonare. Le statine e lo stile di vita cambiano allo stesso modo le cardiopatie. Gli psichiatri devono continuare a lavorare con quelli in medicina preventiva e continuare a diffondere consapevolezza e informazioni su cause e trattamenti. Abbiamo bisogno di lavorare con i consulenti di comunità, scuola e militari per anticipare i problemi e accelerare l’accesso a trattamenti che di fatto sono efficaci.

Oltre a etichettare la suicidalità come una malattia e lavorare con la medicina preventiva e i professionisti della comunità che spesso sono in prima linea in questa guerra, la psichiatria può fare ancora una cosa che potrebbe essere utile: riscoprire, riqualificare i residenti e ri-applicare la terapia familiare. Questa specialità era popolare ed efficace negli anni ’70 e ’80, prima che molti psichiatri iniziassero a trattare i pazienti con prescrizioni farmaceutiche o manuali, e nient’altro che quelle prescrizioni. Molti medici del pronto soccorso non scaricano i pazienti suicidi, in particolare gli adolescenti, a meno che i familiari non si presentino al pronto soccorso. Le persone suicide hanno bisogno di un ambiente emotivo diverso, più efficace, più protettivo. Se le persone con questo “virus” sono inaccessibili, ubriachi, distaccati, eccessivamente filosofici, innamorati, ossessionati da un ex amante, o futuro amante o futuro ex amante, in una sorta di stato di “trance”, i membri della famiglia che sono più accessibili e razionale, o potrebbe diventare così, bisogno di una guida su segni e sintomi, preventivi e attuazione del trattamento.

I membri della famiglia possono essere distruttivi, ma disintossicare la famiglia può essere più utile per lunghi periodi di tempo rispetto alla terapia individuale con una “estrazione” immaginaria dalla famiglia che esiste più nella mente del terapeuta che nel cuore del paziente e nelle opzioni di vita reale. I compiti familiari di imparare a gestire perdite o traumi, definirne il significato e sviluppare i rituali per gestirli sono spesso portati a termine in terapia familiare. L’allontanamento psicologico dalla famiglia è ciò che gli studenti delle scuole superiori e degli studenti universitari sperimentano proprio come i soldati in una guerra di nove anni, con schieramenti multipli, devono affrontare la destabilizzazione della famiglia. Aiutare i membri della famiglia può essere cruciale; sapere cosa aspettarsi e cosa fare, per un membro che non può farlo da solo, diventare più intraprendente ed evitare l’esaurimento usando i sistemi di supporto alla consulenza, continuando ad essere di aiuto l’uno verso l’altro, imparando a comunicare e interagire in modo protettivo, il tutto per accelerare l’accesso a trattamenti che di solito funzionano se possono essere implementati.

Oltre ad anticipare e gestire la crisi acuta e ad aiutare un membro a trascendere la vulnerabilità esistenziale cronica, esiste un terzo possibile fondamento dell’approccio familiare alla prevenzione. Nonostante il fatto che noi, i vivi, comprendiamo il suicidio di qualcuno nei termini dei loro attuali fattori di stress, alcuni ricercatori ritengono che il suicidio sia radicato in problemi nello sviluppo iniziale; nella fase della vita in cui un bambino fa i conti con l’autonomia, la separazione e l’indipendenza dagli altri intorno a lui o lei. Le famiglie hanno bisogno di sostegno e libertà da traumi e interruzioni quando ci sono bambini piccoli, che stanno facendo i conti con il diritto alla vita e l’accettazione dei nostri limiti nella comprensione dei misteri della vita, uno dei quali è l’esistenza.

Gli individui a rischio di suicidio, probabilmente fino al 10-20% della popolazione e quelli a loro vicini, di solito i loro familiari, dovrebbero sapere chi sono, anticipare come e quando il loro problema potrebbe apparire, sapere cosa fare e essere aiutati a fallo. Hanno bisogno di consiglio, terapia, di solito farmaci, ma soprattutto di connessioni umane fino a quando il loro misterioso distacco, il loro viaggio spirituale dietro la luna, finisce sulla terra, con un atterraggio morbido, tra le braccia degli altri intorno a loro, chi può tenerli vicini, o lasciarli andare, ma che sono radicati nella vita.

Solutions Collecting From Web of "Suicidio Versus Psychiatry"