Suicidio: non tutto nella testa

Perché i tassi di suicidio aumentano dopo un calo negli anni '80? Perché le persone sentono che la morte è un'opzione migliore di rimanere in vita? Il suicidio sembra essere come la politica. Disponiamo di soluzioni semplici e terminali per problemi complessi e complessi. Proprio come in politica, continuiamo a commettere lo stesso errore trattando il suicidio come un problema piuttosto che l'espressione di un'interazione dinamica tra l'individuo e il suo ambiente. Abbiamo cercato di cambiare l'individuo senza trattare l'ambiente.

Il suicidio è una pandemia inespressa, in cui ogni paese del mondo lo vive in silenzio. Senza parole e vergognosi nonostante il fatto che in tutto il mondo, ogni anno oltre un milione di persone muoiono per suicidio. Il suicidio rappresenta circa uno su 50 decessi. In media, per ogni 100.000 persone, 16 si uccideranno. Ma c'è una tremenda variazione. Le generalità nascondono la cruda realtà del suicidio.

Il tasso di suicidio varia in base al paese, al reddito, al sesso, all'età, al periodo di tempo e all'etnia. Questi fattori giocano tutti un ruolo importante. Perché i paesi che superano i tassi di suicidio sono così diversi, sembra essere una malattia erratica. Tra i paesi con il più alto numero di suicidi ci sono: Guyana in Sud America, seguita da paesi dell'Europa orientale, Giappone, Corea del Sud ed Europa – con il Belgio che guida il continente. Gli Stati Uniti sono al 50 ° posto in un elenco di 170 paesi.

Ciò che lascia perplessi e preoccupante è che le statistiche internazionali sul suicidio riportano che i tassi sono aumentati del 60% negli ultimi 45 anni, in particolare dagli anni '80. Non stiamo entrando in un nuovo mondo distopico, ma abbiamo cancellato i progressi che abbiamo fatto prima. Nel 2013, negli Stati Uniti, il più alto tasso di suicidi era tra le persone tra i 45 ei 64 anni, quando si stima che 10.189 americani più anziani si siano suicidati (in particolare uomini bianchi). Quasi un suicida su cinque era di mezza età, ma questo è stato seguito da vicino tra quelli di 85 anni e più. In realtà, il tasso di suicidio nel più antico gruppo di uomini bianchi (età 85+) è oltre quattro volte superiore al tasso complessivo di suicidio della nazione. Negli Stati Uniti, mentre nel 2014 c'è stata una diminuzione sia per gli uomini che per le donne di età pari o superiore a 75 anni, il suicidio tra adolescenti e giovani adulti ha continuato ad aumentare.

Gabriel Crispino/Flickr creative commons
Fonte: Gabriel Crispino / Flickr creative commons

Ci sono molti modi per uccidersi, ma quello che sta guadagnando popolarità, sia per le donne che per i maschi, è il soffocamento. Questo include appendere, strangolare e mettere un sacchetto di plastica in testa, a volte con un gas come l'elio. Negli Stati Uniti, il soffocamento ha posto fine a un suicidio su quattro nel 2014. Tuttavia, i metodi più comuni di suicidio erano diversi per uomini e donne. Negli Stati Uniti, dove abbiamo oltre 300 milioni di armi, più della metà dei suicidi maschili sono stati causati da armi da fuoco, una statistica che altri paesi non condividono. Mentre per le donne, che hanno meno probabilità di avere accesso alle pistole, l'avvelenamento era il metodo più comune. L'avvelenamento include l'assunzione di pillole. Inoltre, era probabile che le femmine saltassero o affogassero, e gli uomini potevano saltare fino alla morte o tagliarsi con i coltelli (meno di 1 suicidio su 20 per entrambi i sessi).

Anche se gli uomini di età pari o superiore a 75 anni hanno il più alto tasso di suicidio, per le donne il tasso più alto è per la mezza età 45-64 seguito da 25-44 e 65-74 gruppi di età. Pertanto uomini e donne devono avere trigger differenti. Per le donne, lo sperone sembra essere diffuso in una fascia di età più ampia, tuttavia i fattori scatenanti per gli uomini sembrano essere concentrati in età avanzata. Per gli uomini questa scoperta è stata spiegata come una perdita dell'identificazione del lavoro, del declino della salute e della virilità, e di un intero elenco di eventi negativi a cui gli uomini più anziani sono inclini. E 'la perdita di guadagni, che per la prima volta non sono più i vincitori del pane?

È solo portando più informazioni insieme che emerge un'immagine che rivela una storia silenziosa, qualcosa che i singoli numeri da soli non possono esprimere. Nel 2012, Clare Wyllie e i suoi colleghi in uno studio per i Samaritani nel Regno Unito hanno riferito che gli uomini di mezza età più poveri hanno maggiori probabilità di commettere suicidio rispetto agli uomini con redditi più alti. E questo non è un risultato solitario. Un recente studio in Grecia, condotto da George Rachiotis e dai suoi colleghi dell'Università di Salonicco, Larissa, in Grecia, ha rilevato un netto aumento dei suicidi tra le persone in età lavorativa in coincidenza con la povertà, suggerendo che il rischio di suicidio in Grecia è un rischio per la salute associato a misure di austerità . Oltre alla povertà, altri fattori che promuovevano il suicidio erano la rottura delle relazioni, l'isolamento e problemi di salute mentale. Tutti questi sono correlati. Le cause del suicidio sono numerose e collegate tra loro. Una rapida rassegna degli studi sul suicidio dissiperà l'idea di una soluzione rapida poiché ci sono molti fattori che possono agire da trigger. Il modo in cui questi trigger funzionano è stato fonte di confronto tra accademici e personale clinico. Anche se intuitivamente potremmo accettare che il suicidio non è solo un problema medico, il nostro trattamento rimane puramente clinico-medico e comportamentale. Respingere questo atteggiamento non è nuovo.

Il primo studio accademico sul suicidio ha fatto proprio questo. Scritto dal padre di Sociologia, Emile Durkheim, nel 1897 Suicide, trasformò il modo in cui guardiamo a questo problema. Mentre gli psichiatri stavano cercando la biologia della malattia, Durkheim notò che un maggiore controllo sociale tra i cattolici portava a tassi di suicidio più bassi. Ha sottolineato che ci sono fattori sociali che determinano l'espressione del suicidio. Sebbene il metodo di Durkheim fosse definito imperfetto come un errore ecologico; ipotizzando i tratti di un individuo dalle statistiche generalizzate – era preciso nell'assegnare un aspetto sociale al suicidio.

Durkheim ha visto il suicidio come una normale reazione a una sensazione unica di distacco dalla società. Come tale ha visto una componente sociale, soprattutto dal momento che il suicidio varia da paese a paese e che questi fattori sociali devono essere intrinseci al paese. Durkheim sostiene che quando le condizioni sociali non riescono a soddisfare le aspettative della gente, i più vulnerabili reagiscono con l'unico mezzo che sanno di fermare il dolore. In linea con tale prospettiva sociologica, Ben Fincham, sociologo dell'Università del Sussex, ha sostenuto che la questione non è il perché le persone si suicidano, ma chiede quali fattori sociali "contribuiscano a far sentire le persone come se desiderassero morire".

Il suicidio è visto come un fallimento. Un fallimento da parte dell'individuo che commette o tenta il suicidio non essendo abbastanza forte da superare le difficoltà; Fallimento da parte della famiglia e dei genitori per una percezione della mancanza di intuizione; I coniugi ritengono che il suicidio sia un riflesso della loro mancanza di impegno nella relazione; Le comunità rispondono con vergogna che è successo tra loro; e la società considera il suicidio come un rifiuto del loro modo di vivere. Ma il vero fallimento sta nel modo in cui i servizi clinici e sociali si occupano del suicidio. Ci sono sfumature al suicidio che stiamo ignorando.

Per ogni suicidio riuscito ci sono molti tentativi falliti. Nella maggior parte dei casi ci sono abbastanza segnali di pericolo. Anche se gli uomini hanno quattro volte più probabilità di suicidarsi, allora le donne tentano il suicidio tre volte più spesso degli uomini. Tentativo di suicidio varia considerevolmente anche dall'età. Sembra che invecchiando ti renda più abile nell'eseguire un suicidio efficace. Per ogni giovane che si suicida ci sono 25 tentativi, mentre per gli anziani quattro tentativi di suicidio risultano in un decesso. Di conseguenza, ci sono meno opportunità di intervenire con il suicidio tra gli anziani. Nel 2000 Ulla Agerskov Andersen e i suoi colleghi dell'Università della Danimarca meridionale hanno ripetuto i risultati secondo cui le vittime del suicidio stanno cadendo attraverso la nostra rete di sicurezza fino alla loro morte. Gli autori hanno riferito che poco meno della metà delle vittime era stata ricoverata in ospedale in reparti psichiatrici, uno su sette nell'ultimo mese. Due su tre delle vittime si sono consultate con il loro medico di base nell'ultimo mese prima di uccidersi. Vi sono numerose prove a sostegno di questo comportamento. Ci sono le ultime richieste di aiuto.

Fino a quando non apprezziamo che il suicidio è un'espressione di più di una malattia mentale e coinvolge un ambiente negativo percepito, solo allora possiamo guardare entrambi i lati di questi fattori scatenanti. Il fatto che gli adulti vulnerabili esprimano silenziose richieste di aiuto in anticipo deve essere l'invito all'azione per i servizi clinici e sociali. L'aspetto mancante, specialmente nella ricerca, è la mancanza di un esame di come il loro ambiente può essere modificato per ridurre al minimo la probabilità di usare il suicidio come strategia di uscita. Ci sono altre opzioni per ridurre il dolore e non è tutto nella testa.

Ulteriori letture:

Andersen, UA, Andersen, M., Rosholm, JU e Gram, LF (2000). Contatti al sistema sanitario prima del suicidio: un'analisi completa che utilizza registri per ricoveri ospedalieri generali e psichiatrici, contatti con medici generici e specialisti della pratica e prescrizioni di farmaci. Acta Psychiatrica Scandinavica, 102 (2), 126-134.
Pirkis, J., & Burgess, P. (1998). Suicidio e recency dei contatti sanitari. Una revisione sistematica. The British Journal of Psychiatry, 173 (6), 462-474.
Luoma, JB, Martin, CE, e Pearson, JL (2002). Contatto con la salute mentale e i fornitori di cure primarie prima del suicidio: una revisione delle prove. American Journal of Psychiatry, 159 (6), 909-916.
Isometsa, ET, Heikkinen, ME, Marttunen, MJ, Henriksson, MM, Aro, HM e Lonnqvist, JK (1995). L'ultimo appuntamento prima del suicidio: è stato comunicato l'intento suicida ?. American Journal of Psychiatry, 152 (6), 919-922.
Vassilas, CA, e Morgan, HG (1993). Il contatto dei medici generici con le vittime del suicidio. BMJ: British Medical Journal, 307 (6899), 300.

© USA Copyrighted 2016 Mario D. Garrett

Solutions Collecting From Web of "Suicidio: non tutto nella testa"