Suicidio assistito arriva a "Ragazze"

Nel finale di stagione delle "Girls" della HBO un paio di settimane fa, un fotografo malato di nome Beadie, interpretato dall'inimitabile Louise Lasser su una sedia a rotelle, ha chiesto a Jessa di aiutarla a morire. "Quindi fammi capire bene", dice Jessa, un tossicodipendente in recupero interpretato da Jemima Kirke. "Mi hai assunto perché sapevi che potevo prenderti dei farmaci."

No, dice Beadie, "Ti ho assunto perché pensavo che fossi l'unica persona a vedere quanto fosse necessario."

È stato audace da parte di Lena Dunham, la sceneggiatrice e creatrice dello show, di presentare questo particolare colpo di scena (specialmente così tardi nella stagione). Il suicidio assistito è uno degli argomenti che la televisione americana mostra costantemente di evitare.

Quattro anni fa, il veterano della sitcom Bob Kushell ha provato a mettere in produzione una commedia nera sul suicidio assistito, intitolata "Way to Go". "Mi è stato detto che a tutti è piaciuta molto la sceneggiatura", ha detto Kushell, ma i dirigenti televisivi l'hanno trasmesso comunque, gli ha detto il suo agente, perché "l'argomento era troppo oscuro." Nella mente di Kushell, l'oscurità era una specie di punto. Dare un argomento controverso il trattamento da commedia lo rende meno spaventoso e più gradevole, ha detto, e forse qualcosa che le persone prenderebbero più sul serio a causa delle risate. All'improvviso, il soggetto non è così minaccioso da guardare a testa alta. Kushell, i cui crediti comprendono "Anger Management", "Suburgatory" e "3rd Rock From the Sun", ha preso la sceneggiatura "Way to Go" di un produttore che conosceva alla BBC. Loro l'amarono là. I sei episodi della serie sono stati trasmessi per la prima stagione all'inizio del 2013.

L'introduzione di problemi complessi nelle trame televisive è sia un driver che un riflesso dei cambiamenti culturali. Una volta che un soggetto ottiene un trattamento diffuso nelle sceneggiature, la conversazione popolare può assumere una nuova urgenza, dando alle persone un vocabolario comune e una serie di sentimenti comuni sui personaggi a cui sono venuti a cuore. Ora, quando parliamo di aiuti morenti per chi soffre di sofferenze insopportabili – che è legale, con alcune restrizioni, in cinque stati, con una legislazione in sospeso in altri sette – possiamo pensare a Beadie su "Ragazze".

"Mi sveglio ogni giorno deluso dal fatto che non sono morto di notte", dice mentre supplica il suo caso. "Sono stanco. Il mio corpo è sparito . . . Mi fa tanto male, Jessa. "

I gruppi di advocacy conoscono da molto tempo il potere delle linee di trama televisive. Negli anni '80, la Harvard School of Public Health organizzò una campagna per normalizzare l'idea di un "guidatore designato" per ridurre la guida ubriaca. Jay Winsten di Harvard trascorse settimane a Hollywood, incontrando duecentocinquanta produttori esecutivi e capi sceneggiatori, chiedendo loro di elaborare il concetto di un autista designato nei loro copioni televisivi. Molti sono d'accordo. In un tipico piazzamento, un episodio dello show della polizia "Hunter" del 1989 ha quattro detective seduti in un bar. La cameriera arriva con i loro drink.

"Allora, chi aveva la soda e l'acqua?" Chiede.

"L'ho fatto", dice uno dei ragazzi macho.

"Bene," sorride, "qualcuno deve guidare."

Durante le quattro stagioni successive, Winsten ha contato centosessanta programmi che si occupavano di guida ubriaco o guidatori designati, sia di passaggio che per un intero episodio. E ha aiutato: nei primi anni Novanta era difficile trovare qualcuno che non avesse sentito parlare del guidatore designato.

Qualcosa di simile potrebbe accadere ora con la morte assistita, prima in Gran Bretagna e presto, se "Girls" è una indicazione, anche negli Stati Uniti.

Nella serie britannica, tre giovani maldestri usano una macchina da suicidio "McFlurry of Death" accartocciata per aiutare i vicini molto malati e i conoscenti a porre fine alle loro vite. Sono inciampati nell'affare moribondo assistito dalle circostanze.

Ognuno di loro ha bisogno di soldi: il leader, Scott, così può lasciare il suo lavoro senza fine come receptionist di un veterinario e tornare alla scuola di medicina; il suo fratellastro Joey, in modo da poter pagare i suoi debiti di gioco prima che il suo allibratore rompa le sue dita; e il loro amico Cozzo, un riparatore di macchine per il bibite, in modo che possa sostenere il bambino che sua moglie si aspetta.

Quando il vicino di casa di Scott, che sta morendo di SLA, si offre di pagare profumatamente se Scott lo aiuterà a morire, i tre afferrano l'opportunità di fare soldi seri. Scott ha accesso ai farmaci, gli stessi usati per l'eutanasia dei cani nella clinica, e Cozzo ha il know-how tecnico e le parti di ricambio per assemblare una macchina suicida portatile.

"Perché dovrei lasciare che la vita dica quello che mi succede?" Dice il primo cliente prima che tiri la leva. "In questo modo impongo quello che succede alla mia vita."

Scott si fa scrupolo ogni volta che usa il congegno Rube Goldberg su un nuovo cliente, il che è un modo in cui Kushell ha dato allo spettacolo una certa dose di forza morale. Le persone che vogliono morire – una casa di cura residente con una malattia degenerativa del cervello non specificata, una donna amara sulla quarantina che ha avuto il cancro per metà della sua vita – sono trattate con rispetto. Tutto l'umorismo, un po 'strano, arriva a spese dei tre tizi, non delle persone che muoiono.

"Raramente riesci a cogliere l'occasione in una situazione comica per affrontare un problema così drammatico," ha detto Kushell. "Ho sentito davvero che era importante poter parlare di entrambi i lati del problema nel corso della serie e avere una lotta molto emotiva con l'argomento".

Ecco a cosa serve il personaggio di Scott. Ogni volta che i ragazzi ricevono un nuovo cliente, si chiede di nuovo se stanno facendo la cosa giusta. E quando incontra e si innamora della figlia del primo cliente, il vicino di casa sua, non riesce a dirle che è stato lui ad aiutare suo padre a morire.

Mark Pritchard, un membro del Parlamento tory, ha fatto saltare lo show per trattare un soggetto oscuro come "una questione di divertimento". Ma le obiezioni a "Way to Go" sono state generalmente tenute in sordina, in parte perché lo show è andato in onda su BBC-3, il giovane ribelle cugino dell'impero della BBC. "Sapevamo che se l'avessi messo in prima serata per un vasto pubblico avrebbe potuto essere più incendiario che su un canale più giovane", mi ha detto Jon Plowman, il produttore della serie.

Questo è in parte il motivo per cui Lena Dunham è stata in grado di presentare l'argomento su HBO, in cui è un'entità conosciuta e un famoso rompiballe. È un ricordo di una precedente era d'oro delle sitcom americane, gli anni '70, quando Norman Lear dominò l'arte di mescolare il molto divertente con il molto, molto serio. A quei tempi, era possibile che Edith Bunker subisse violenze sessuali su "All in the Family" o che il personaggio del titolo in "Maude" avesse abortito. Anche la morte assistita ha fatto un cameo, quando a uno dei quartetti di "Golden Girls" è stato chiesto da un amico di mantenere la sua compagnia mentre prendeva una dose letale di pillole.

Ma al tempo dell'episodio "Golden Girls", la commedia americana aveva già fatto un passo indietro. Lo spettacolo andò in onda nel 1989, e alla fine della mezz'ora, il dramma si legò perfettamente in un vero stile sitcom: l'amico che voleva morire era convinto che avesse ancora molto da vivere. Grandi abbracci.

Come il tabù-busting di "Girls" è stato nel corso delle sue tre stagioni, Dunham ha anche tirato un po 'i pugni nel suo finale di stagione. La trama di Beadie-Jessa si è conclusa in un modo non diverso dalla risoluzione della trama delle "Golden Girls" di venticinque anni fa.

Dopo che Jessa aiuta Beadie a ingoiare una manciata di pillole (dicendole che se le soffoca è okay, "è solo una strada diversa per la stessa cosa"), si siede al capezzale tenendole la mano. I minuti passano. "Ora suppongo che aspettiamo solo", dice Jessa goffamente, due volte. La telecamera taglia le scene con tutti gli altri personaggi principali – questo è, dopo tutto, il finale di stagione – e quando torniamo a Jessa è ancora seduta al capezzale, accarezzando i capelli di Beadie in un gesto sorprendentemente materno.

Quindi gli occhi di Beadie si aprono. "Chiama il 911", dice. "Non voglio morire." Lo ripete, urlando ora. "Chiama il 911! Non voglio morire! "

L'ultima volta che vediamo questi due è Jessa che si arrampica su Beadie per raggiungere il telefono, stordito e leggermente infastidito. Fa un respiro profondo e inizia a comporre.

Questo articolo è apparso per la prima volta sul sito web di The Atlantic, il 27 marzo 2014 con il titolo "Plotlines fittizi e Real Suicide assistito".

© 2014 Robin Marantz Henig, come pubblicato per la prima volta da The Atlantic.

Solutions Collecting From Web of "Suicidio assistito arriva a "Ragazze""