Suggerimenti per sopravvivere alle vacanze nel recupero dei disturbi alimentari

Flickr
Fonte: Flickr

Le vacanze possono essere un momento di maggiore stress per molti. Per coloro che si stanno riprendendo da un disturbo alimentare, le vacanze possono essere un momento di maggiore ansia, in quanto vi è una grande enfasi sul cibo, la prevalenza della dieta è prevalente e il senso della struttura e della routine è spesso messo in discussione.

È importante notare che non sei il solo a provare un maggiore senso di ansia durante le vacanze. Inoltre, sfidando te stesso e lavorando per mantenere la tua guarigione, stai facendo qualcosa che richiede incredibile forza e coraggio.

Di seguito sono tre suggerimenti per passare le vacanze e rimanere sulla buona strada nel recupero dei disturbi alimentari.

1. Creare un piano di gestione delle vacanze.

Potrebbe essere allettante cancellare gli appuntamenti che portano alle vacanze, ma è importante cercare di incontrare il terapeuta, il dietologo, il mentore, l'allenatore per il recupero e qualsiasi altro membro del gruppo di trattamento prima delle vacanze. Durante i periodi di maggiore stress, è importante assicurarsi di avere abbastanza supporto dagli altri.

Può essere utile elaborare un piano (con il supporto del team di trattamento) che illustri come affrontare la vacanza. Ad esempio, potresti lavorare con il tuo dietologo per decidere quali alimenti hai intenzione di avere in qualsiasi festa di vacanza e qualsiasi "cibo della paura" che potresti includere. Inoltre, potresti chiedere al tuo terapeuta di aiutarti a trovare alcuni modi sani per far fronte alle situazioni scatenanti.

Anche se non hai un team di trattamento, puoi ancora trovare un piano per come affrontare al meglio la vacanza. Suggerirei che questo piano includa un elenco di potenziali fattori scatenanti (ad esempio persone, situazioni, ecc.), Strategie di coping in buona salute, un elenco di persone di supporto a cui è possibile raggiungere e alcune utili dichiarazioni di coping che potreste dire a voi stessi il momento.

Di seguito sono riportate alcune idee utili per le dichiarazioni di coping:

  • Sono così coraggioso per affrontare questi cibi che temo.
  • Avere paura nel recupero è normale, ma non devo lasciare che la paura controlli le mie azioni.
  • Nessun cibo è "buono" o "cattivo" e tutti gli alimenti possono adattarsi a una dieta sana.
  • Sono forte e so di poterlo fare.
  • Essere più flessibile con il cibo mi permette di avere una vita piena.

Venire con questo tipo di piano può aiutare a ridurre un po 'della tua ansia che porta alle riunioni di vacanza e ti consente di sentirti più preparato a gestire situazioni scatenanti.

2. Stabilisci confini sani.

Preparare in anticipo come è possibile impostare i confini sani con amici o familiari se la dieta o il discorso relativo al peso si avvicina al tavolo. Può essere utile pensare ad alcune affermazioni o strategie che si potrebbero dire quando si presenta inevitabilmente questo tipo di discussione.

Le seguenti sono alcune idee su come puoi rispondere se qualcuno fa parlare la dieta durante le vacanze:

  • Nessun cibo è "buono" o "cattivo"; tutti gli alimenti si adattano a una dieta sana.
  • L'unica ragione per sentirsi in colpa per aver mangiato quel biscotto, è se l'hai rubato dal negozio.
  • Sto dichiarando questo tavolo una zona senza parlare di dieta.
  • Ho sentito che sei davvero interessato alla tua nuova dieta, ma possiamo parlare di qualcosa di più significativo?
  • Allora, come va il tuo nuovo lavoro?
  • Sono davvero molto grato di avere cibo da mangiare e di poter trascorrere del tempo con la famiglia oggi.

Francamente, la dieta e il discorso relativo al peso sono dannosi e poco interessanti. È perfettamente nel tuo diritto scusarti per un momento o cambiare argomento se qualcuno decide di sollevare questi argomenti.

Dopotutto, la dieta e il discorso del peso non hanno posto in un tavolo per le vacanze (o ovunque per quella materia).

3. Pratica l'auto-compassione.

Picchiarsi per sentirsi ansiosi durante le vacanze servirà solo a farti sentire ancora peggio. Uscendo dalla tua zona di comfort e affrontando le tue paure, stai facendo qualcosa che è incredibilmente coraggioso. La vera forza non è negarsi da mangiare o evitare certi cibi, piuttosto è sfidare te stesso, nonostante ciò che la voce del disturbo alimentare potrebbe dirti.

È fondamentale che tu cerchi di praticare l'auto-compassione e di essere gentile con te stesso. Ad esempio, prova a parlare a te stesso come faresti con una persona cara o piccola che stava lottando. Puoi anche praticare l'auto-cura nei giorni precedenti alle feste facendo cose belle e rilassanti per te stesso, come fare un bagno di bolle con una candela, meditare, leggere e bere il tè, farsi una manicure o un massaggio, fare un -Casa notte spa, o giocando con un animale domestico.

Sei così forte

Non hai scelto di avere un disturbo alimentare, ma puoi fare la scelta di continuare a lavorare sulla tua guarigione. Il recupero da un disturbo alimentare è difficile. Sei così forte e coraggioso per continuare a metterti alla prova.

Il vero coraggio non è l'assenza di paura, piuttosto è paura e azione (in linea con i tuoi valori) comunque.

Se continui a lavorare sulla tua guarigione e cerchi aiuto e supporto quando stai lottando, alla fine troverai la libertà. Potrebbe volerci del tempo, ma credo che troverai una vita significativa e orientata allo scopo. Uno in cui puoi finalmente dire "Sono guarito".

Jennifer Rollin, MSW, LCSW-C offre terapie a Rockville, nel Maryland, per adolescenti e adulti alle prese con disturbi alimentari, problemi di immagine corporea, ansia e sopravvissuti a traumi. Jennifer offre anche coaching per il recupero dei disturbi alimentari via telefono / Skype. Connettiti con Jennifer attraverso il suo sito Web all'indirizzo www.jenniferrollin.com

Solutions Collecting From Web of "Suggerimenti per sopravvivere alle vacanze nel recupero dei disturbi alimentari"