Suggerimenti per resistere alla tentazione

Se non abbiamo imparato nient'altro dalla recente ondata di indiscrezioni politiche, lo sappiamo: resistere alla tentazione può essere estremamente difficile. Nessuno di noi è estraneo alla tentazione, ma nulla rende più chiaro quanto potente possa essere la brama e il desiderio di quando guardi la vita di una persona che inizia a sbrogliarsi perché ha ceduto.

Per me, il cioccolato è il mio tallone d'Achille. Lo so, non così eccitante o scandaloso, ma a volte è un problema. Ciò che amo del cioccolato è che mi fa sentire così bene e felice. Il mondo potrebbe finire, ma se ho del cioccolato, tutto va bene. Bene, almeno temporaneamente. Dopo che la mini-euforia svanisce, comincio a lamentarmi del fatto che l'ho mangiato – questo significa che dovrò allenarmi più a lungo o mangiare di meno per compensare il fatto che ho avuto questo sontuoso rimprovero. Mi dico che se lo faccio solo una volta ogni tanto, nessun problema. Ma non funziona in questo modo, vero?

Invece, un giorno si trasforma in due, poi tre … Posso giustificarlo per un po ', ma presto sto mangiando qualcosa di delizioso spuntino al cioccolato quasi ogni giorno. Lo bramo . Lo voglio anche se so che non mi fa bene a lungo termine continuare a farlo. Certo, so come funzionano il corpo e il cervello. Questa non è scienza missilistica, ma ci si sente certi giorni. So che mantieni il tuo peso quando le tue calorie sono consumate = calorie bruciate. Se mangi più di quello che brucia, guadagni peso. Se mangi di meno, perdi. È davvero così semplice a livello biologico. Ma è incredibilmente difficile da applicare e ottenere.

Dare la colpa al cervello?

Il motivo per cui faccio fatica non è colpa mia, è del mio cervello. Una specie di. In verità, siamo entrambi colpevoli ma per ragioni diverse. Ecco perché.

Ogni volta che mangio cioccolato, insegno al mio cervello che questa è un'azione importante, qualcosa a cui prestare attenzione e replicare. Se lo faccio una volta ogni tanto, il mio cervello non prenderà realmente nota e non desidererò il cioccolato. Tuttavia, se ripeto questa azione, anche solo per pochi giorni di fila, il mio cervello comincerà ad aumentare le voglie di cioccolato. Mentre ciò accade, il ritornello che mi sfreccia attraverso il cervello è "cioccolato, cioccolata, cioccolato!" E provo questo desiderio viscerale di mangiare del cioccolato adesso . Quel che è peggio, più cioccolato mangio, più frequenti e intensi diventano voglie. Con il passare del tempo, il mio cervello inizia a fare del cioccolato una priorità e trovo che lo bramo giorno e notte.

Sembra abbastanza ingiusto. Goditi uno spuntino con regolarità e il tuo cervello prende il sopravvento e ti fa desiderare tanto di più. Chiaramente, dal punto di vista evolutivo, ha senso perché il mio cervello lo farebbe. Le cose piacevoli sono prioritarie perché ci tengono in vita e mangiare non fa eccezione. È una pulsione istintiva, mediata dall'ipotalamo e da altre parti del cervello. Darwin sarebbe soddisfatto di ciò che il mio cervello sta facendo. Ma io non sono. Dal punto di vista di una donna che prova a gustare moderatamente del cioccolato, è un trucco mediocre.

Quindi, cosa devo fare? Chiaramente, devo insegnare al mio cervello cosa è veramente importante per me in modo che possa aiutare, piuttosto che ostacolarmi. E non è abbastanza per me desiderare che sia diverso; Devo effettivamente agire diversamente. L'unico modo in cui il mio cervello cambierà il modo in cui risponde e quali voglie genera, si basa su quello che faccio – e, più specificamente, su come focalizzo la mia attenzione .

Changing My Brain … and Cravings

Fortunatamente, so già come cambiare il mio cervello. L'ho già fatto e posso farlo di nuovo. Tutto quello che devo fare è seguire i quattro passi che il mio mentore e io abbiamo sviluppato e che sono delineati nel nostro nuovo libro You Are Not Your Brain . Sembra semplice, ma so per esperienza che non lo è. In verità, ci vuole impegno e impegno, oltre che tempo. È qui che entra in gioco la mia motivazione e intenzione di far sì che le cose siano diverse.

Come uso i quattro passaggi con cioccolato o altri snack desiderabili? Comincio ad essere più consapevole delle mie voglie, dei miei stimoli e dei miei pensieri. Io uso il passaggio 1: relabel per prendere appunti mentali. Dico letteralmente a me stesso: "Oh, c'è quella brama di cioccolato di nuovo". Osservo e indago sulla brama, ma non vi cedo. Ho solo lasciato che fosse lì, schernendomi, ma non dargli l'ora del giorno. Quindi, Reframe (Step 2) l'esperienza ricordandomi che il mio cervello sta generando questo desiderio di cioccolato, non io. Certo, ho iniziato il processo rispondendo alla stanchezza, alla noia o allo stress mangiando cioccolato per qualche giorno di fila, ma ora il mio cervello ha preso il sopravvento. Il mio obiettivo a questo punto è quello di cambiare la mia percezione dell'importanza di questa inutile sollecitazione cerebrale e andare avanti.

Invece di cedere, io uso il Passaggio 3: Rifocalizzazione e scelgo di fare qualcosa che sia più sano per me. Se sono veramente affamato e non ho mangiato, mangerò qualcosa di meno desiderabile, ma pieno e sano. Se non ho fame, andrò a fare una passeggiata, chiamare un amico, lavorare a un progetto o fare qualcos'altro che sia divertente. Mentre la brama continua a tentare di tentarmi, uso il punto 4: Revalue per ricordare a me stesso che questa è solo la sensazione di brama . Devo rendermi conto che questa brama non mi definisce – non è qualcosa a cui devo prestare attenzione o dare priorità. In effetti, posso lasciarlo lì e andare avanti con la mia giornata senza cedere.

Altri modi con cui ho a che fare con le voglie includono:

  • Limitare l'accesso: quando possibile, tengo i cibi che bramo di casa! Ho imparato dall'esperienza che se cioccolato o altri snack apparentemente irresistibili non sono facilmente accessibili, probabilmente non farò di tutto per procurarli.
  • Usa la regola dei 15 minuti: Impegnati a non arrendersi per 15 minuti. Vedi se il desiderio è ancora lì 15 minuti dopo. Se lo è, cerco di aspettare altri 15 minuti. Mi ricordo che il desiderio passerà.
  • Fermati e rifletti prima di rispondere: mi chiedo, cosa sto per fare e perché? Sta mangiando questo adesso proprio andando a servire qualche scopo e aiutarmi, o me ne pentirò più tardi?
  • Ricorda la biologia: ricordo a me stessa che ogni volta che mangio il cioccolato, mi limito a rendere i circuiti cerebrali più forti e più intensi … assicurando così che le voglie future saranno più difficili da resistere.

Aumentare la mia consapevolezza dei miei impulsi e delle mie voglie e rifiutarmi di darci dentro è la chiave per cambiare il mio comportamento – e in definitiva il mio cervello. Quello che ho trovato è che usare i quattro passi per alcuni giorni spesso rompe il ciclo e diminuisce le mie voglie. (Nota: questo perché il comportamento non è ancora fortemente impressionato nel mio cervello. Se avessi mangiato cioccolato per un periodo di tempo più lungo o fosse fortemente associato a fattori di stress specifici, allora il comportamento sarebbe stato collegato in modo più potente al mio cervello e richiedere più tempo per cambiare).

La parte migliore dei Quattro Passi è che puoi usarla per tutti i tipi di tentazioni, non solo per il cibo. In effetti, qualsiasi comportamento che sia piacevole, diminuisca l'ansia, dissolva lo stress, allevia la noia o sia semplicemente collegato alla ripetizione meccanica può essere affrontato con i quattro passi, se lo vedi come un problema e vuoi cambiare il modo in cui agisci automaticamente. La sfida più grande, una volta che hai padroneggiato i Quattro Passi, è continuare – ad usare diligentemente i Quattro Passi anche quando non ne hai bisogno in modo da mantenere il tuo cervello cablato e addestrato nel modo in cui vuoi che sia.

Solutions Collecting From Web of "Suggerimenti per resistere alla tentazione"