Su consigli di feticci e matita pulita

Esiste una profonda connessione tra fobie, feticci e disturbo ossessivo-compulsivo. In ognuno, qualcuno ha un'emozione che minaccia di sopraffarla. Oppure, ha un cervello complesso, così i suoi pensieri da corsa minacciano di deragliarla.

In risposta, divide in compartimenti le cose nel mondo esterno. Una persona con un feticcio affronta il mostro del desiderio concentrandosi non su persone intere ma su parti: solo una scarpa, o il sedere o la fessura delle gonne. Concentrarsi su una cosa organizza o trattiene più sentimenti. Una persona con una fobia è ugualmente in grado di contenere l'ansia condensando le emozioni a un bersaglio: lei teme solo ragni, o ascensori o folle. La mente ossessivo-compulsiva lavora in modo simile: di fronte all'ansia diffusa, impone un senso rigoroso di ordine nel mondo esterno. Deve separare le verdure sul piatto, organizzare il congelatore con una combinazione di colori o affinare le sue matite alla stessa lunghezza di punta.

Ho un amico con un feticcio che è un buon esempio del caso. È un ragazzo che controlla e che non può smettere di sentirsi sessualmente geloso della moglie con cui è stato per dieci anni. Quando ha fatto una torta per i suoi officinali il mese scorso, si è lamentata del fatto che stava cercando di sedurre un collega. Quando ha flirtato con un cameriere una volta, è andato su tutte le furie al ristorante.

Nella camera da letto, solo uno strano scenario lo soddisfa. Gli piace essere finto-umiliato o fatto cuck in forma di gioco. Circa una volta a settimana, la coppia va online per trovare una donna disposta a unirsi nella loro specifica camera da letto. La scena è sempre più o meno la stessa: il marito cerca di sedurre la nuova donna, ma lei lo respinge. Dice che preferirebbe avere sua moglie. Le due donne si impegnano a vicenda, protestando verbalmente l'uomo, chiamandolo "cuckold", "frat boy", "limp dick". L'umiliazione eccita e soddisfa il marito. Ma se lo scenario perdesse mai la sceneggiatura – se le due donne lo colpissero davvero e fermassero "finto-umiliante" il marito – il marito si arrabbia. In tal caso, non viene più rifiutato in modo fasullo, ma rifiutato. Sopraffatto, deve fermare il gioco di ruolo.

Ho pensato a quel feticcio alla stessa luce di una tendenza ossessivo-compulsiva. Questo è un uomo che non può gestire i suoi sentimenti di vergogna di base: il potenziale di essere umiliato, di perdere l'amore della sua donna o il suo senso di controllo nella vita reale. Quindi crea scenari strettamente orchestrati in cui riesce a vivere la "normale" emozione umana della vergogna, in una certa misura. Qui, controlla ancora i tempi della vergogna. È lui a dirigerlo. È lui che può spegnerlo. Può entrare nel mondo reale attraverso la propria organizzazione strettamente imposta.

Di recente ho sentito una bella frase, ovvero che facciamo la maggior parte di ciò che facciamo per vivere all'interno del nostro "raggio di sicurezza". Ognuno di noi si sente sicuro in diverse attività. Alcuni di noi si sentono al sicuro quando esercitiamo il potere fisico, anche se questo significa saltare fuori dagli aerei. Alcuni di noi si sentono al sicuro in obbedienza. Alcuni di noi si sentono al sicuro maniacalmente compartimentalizzando cose che ci sommergono.

Mi chiedo se sei a conoscenza di un'ansia di cui ti occupi attraverso un'accresciuta ordinatezza. Di recente un amico mi ha dato un esempio facile: in una scuola di specializzazione, ha sempre avuto bisogno di pulire la sua stanza prima di iniziare a studiare. Aveva semplicemente bisogno di imporre un po 'di ordine al mondo esterno, per far sì che il caos del mondo interno si sentisse meno un disastro.

Ho anche alcune lievi tendenze compartimentalizzate: ho bisogno della palestra ogni giorno come rilascio programmato di energia ansiosa. Io faccio uno spuntino piuttosto che indulgere in grandi pasti, controllando l'assunzione in quel modo. Tengo pile disordinate di carta intorno alla casa, che conosco abbastanza bene.

Solutions Collecting From Web of "Su consigli di feticci e matita pulita"