Stupidità astuta, cugina più saggia di Curiosity

"Il più grande ostacolo alla scoperta non è l'ignoranza – è l'illusione della conoscenza." – Daniel Boorstin, "The Amateur Spirit"

"Stavo coltivando la stupidità." – Andres Dubus III, su come ha scritto il suo primo libro di memorie

Andres Dubus III

Il primo memoir di Townie è iniziato con un bullo e un sentimento. A Dubus non piaceva il modo in cui un corpulento allenatore di baseball della Little League parlava ai suoi due ragazzi. I gridi e le abbattute hanno innescato le difese di Dubus, sentimenti che si insinuavano in profondità. La pluripremiata scrittrice e autrice della favorita Oprah A House of Fog and Sand , ha seguito la sensazione e ha iniziato a scrivere un saggio su bulli e baseball. Ma quel saggio lo ha portato da qualche altra parte, tornando alla sua fanciullezza quando ha cercato di rinforzare la sua leggera struttura per proteggere suo fratello e sua sorella e gli altri diseredati dai punk del quartiere. Ha portato a un possibile ricordo.

Ma Dubus non aveva mai scritto un libro di memorie. Un poeta e un romanziere-amico, Richard Russo, gli ricordarono il valore del non sapere, anche se non particolarmente quando scriveva apparentemente la propria storia, il proprio "me-moir" come lo chiama Dubus.

Come onori un sentimento profondo e trovi ancora la Storia, qualcosa che alla fine punterà verso qualcosa di vero e reale e allo stesso tempo muovere i lettori in qualche modo?

Per trovare la vera storia, Dubus dice: "Stavo coltivando la stupidità".

Stupidità? Il maestro del suo mestiere coltivava la stupidità?

Si scopre che Dubus non è solo. Ho intervistato, ricercato e lavorato con centinaia di scrittori, creativi, imprenditori e scienziati per comprendere mentalità, atteggiamenti emotivi, abilità e abitudini che li aiutano a prosperare. Molti di loro, curiosamente, esprimono qualche variazione nel coltivare la stupidità. La stupidità astuta contrasta il prurito incessante della curiosità per scoprirlo e scoprirlo. La stupidità astuta è un talento che può essere coltivato. Credo.

La trappola della curiosità

Un uomo che pensa rapidamente arriva a un consulente di creatività e stratega di libri con un'idea per un romanzo. L'ha concepito liberamente nella sua mente e poi l'ha delineato per il consulente durante. "Ora tutto ciò che devo fare è scriverlo, tirarlo fuori".

"Tirarlo fuori" non è una modalità fruttuosa per scrivere un romanzo, suggerì il consulente.

"Cosa c'è?" Chiese.

"Si tratta di scoprire, di capire le cose mentre scrivi. Almeno per le prime 75 pagine. "

"Ho già capito le cose. E se mi perdessi? "Chiese.

"Allora potresti trovare la vera storia" suggerì il consulente.

Gli autori e i memoiristi di prima generazione spesso commettono errori simili. Scrivono come se già conoscessero la loro materia o sapessero "cosa è successo" a loro. Scrivono per spiegare e per raccontare. Scrivono con una b-line per finire. È una difesa naturale contro l'inevitabile caos di scrivere un libro, specialmente uno che rapidamente può diventare emotivamente o intellettualmente disordinato.

Quella unità b-line potrebbe andare bene per un giornalista o editorialista con una scadenza. Ma il cuore delle storie nel mondo della saggistica, del ricordo e della saggistica creativa meritano di essere scoperte, prese in giro e deviate.

Se ci mettiamo a scrivere ciò che sappiamo già, non otterremo molto interesse, e non porteremo i nostri lettori molto lontano dal loro accogliente falò del noto. Invece, molti di noi scrivono di prudere un graffio o di mettere alla prova le domande in cui viviamo.

La curiosità ci colpisce e ci spinge a continuare a scrivere. Serve anche a sollecitare scrittori esperti e altri creativi a continuare a spingere i limiti del proprio dominio e campo. Mihaly Csikszentmihalyi ha studiato i tratti e le abitudini di numerose persone creative. Nel suo studio seminale, Creativity: The Flow and the Psychology of Discovery & Invention , osserva questo:

"Senza una buona dose di curiosità, meraviglia e interesse per le cose e come funzionano, è difficile riconoscere un problema interessante. L'apertura all'esperienza, un'attenzione fluida che elabora costantemente gli eventi nell'ambiente, è un grande vantaggio per riconoscere la potenziale novità. Ogni persona creativa è più che ampiamente dotata di questi tratti.

Senza tale interesse è difficile essere coinvolti in un dominio abbastanza profondamente per raggiungere i suoi confini e quindi spingerli più lontano. "

La curiosità è un'emozione affamata che può essere saziata. Lasciato a se stesso, lo scrittore curioso potrebbe diventare un informatore gonfio di colpi.

Cosa fare? Come domare il desiderio di curiosità di conoscere senza soffocare la sua guida necessaria?

Stupidità astuta

Dubus ci indica una possibilità. L'astuzia stupida è il talento di incastrare l'innato cablaggio della mente razionale per categorizzare, definire e capire in modo che la persona possa andare avanti con la sua allegra attività.

La stupidità astuta fa bene alla mente creativa.

L'autore di Den of Thieves e vincitore del premio Pulitzer James B. Stewart suggerisce che per lo scrittore ciò che è più interessante è l'ignoto, non ciò che è noto. Propone un suggerimento per le persone che vogliono scrivere delle proprie esperienze o delle storie a cui hanno assistito: porre la domanda non così ovvia.

In tal modo, lo scrittore non sta semplicemente seguendo la curiosità per la ricerca e ottiene risposta ai fatti. Lo scrittore ora ha fatto inciampare su ciò che presume di conoscere e si trova su una pista più impegnativa ma potenzialmente più gratificante – per lui e, si spera, per i suoi lettori.

Charlie Baxter vive e crea in questo spazio liminale tra conoscenza e non-conoscenza. La sua mente è un vero e proprio deposito di conoscenze riguardanti la musica classica, l'esoterica, la filosofia e i punti sfumati della scrittura e della lettura della finzione.

Eppure, disegna storie piene di meraviglia. L'ho rintracciato a una conferenza a Washington qualche anno fa. Con il caffè, ho chiesto all'autrice di Gryphon e alla raccolta di saggi Burning Down the House come continui a incitare la sua ricerca di conoscenza, come continua a bruciare la sua casa.

"Faccio domande. Costantemente. "Aveva appena pronunciato una chiacchierata sulla perdita dei libri di revisione in questo mondo di pollice in su per i complimenti. Si guardò intorno nella hall dell'hotel. "Perché dobbiamo avere questa conferenza in un hotel? Perché non potrebbe essere da qualche altra parte? Perché abbiamo persino bisogno di questa conferenza? "Sembrava sinceramente non conoscere le risposte a nessuna delle sue domande.

Prendi in considerazione il modo in cui Susan Orlean interpreta il motivo per cui sceglie di perseguire un progetto di scrittura o meno. L'editorialista del New Yorker è l'autore di The Orchid Thief (realizzato con il meta-film Adaptation with Meryl Streep as Orlean), di Rin Tin Tin e di articoli su argomenti di vasta portata, come il motivo per cui è innamorata di Dick Cheney e perché i bambini non lo fanno lavoro.

Aspirante scrittrice al The Woodstock Writer's Festival, 2010: "Come fai a sapere quando vale la pena perseguire un'idea che stai lavorando o se dovresti scartarla?"

Susan Orlean: "So che sto scrivendo un bel pezzo quando alcuni giorni nella bozza non so dove sto andando. Se so dove sta andando la scrittura, qual è il punto? "

Le stranezze e le curiosità di Orlean la guidano più del mercato. Il mercato arriva più tardi, probabilmente quando si negozia con un editore o un agente. Ma soprattutto ciò che spinge lei e altri scrittori è la capacità di continuare a essere spaccati in qualcosa di nuovo – anche se non specialmente nei nostri anni centrali, una volta che abbiamo accumulato successi e conoscenze e, terribilmente, le pretese di conoscenza.

Prima della curiosità

Immagina che una curiosità curiosa entri in una stanza, veda una scatola, e la apra all'istante e inizi a controllare come la scatola è messa insieme. Ora immagina che la curiosità abbia un altro cugino, più tranquillo e discreto. Immagina che questo cugino stia sul bordo di una stanza per assorbire il momento per un momento. In un certo senso, questo tranquillo cugino è un po 'esterrefatto dal fatto di essere vivo, persino, e intravede la scatola, poco prima che la curiosità ci mette le mani sopra, e riconosce la sua elegante semplicità, la misteriosa natura della boxe stessa, come una scatola tiene e trattiene, fornisce e nasconde allo stesso tempo. All'inizio non agisce. Lei assorbe.

Questo tranquillo cugino è la nostra esperienza umana che ci spalanca non solo per le novità, ma per le novità che contano. Fa parte della nostra esperienza umana che scardina le nostre porte della percezione, se lo permettiamo.

Nell'antologia Why We Write (Plume 2013), a cura di Meredith Maran, Susan Orlean parla di questo cugino:

"Devi apprezzare la componente spirituale di avere l'opportunità di fare qualcosa di così meraviglioso come scrivere. Dovresti essere pratico e intelligente e dovresti avere un buon agente e dovresti lavorare davvero, molto duramente. Ma dovresti anche essere pieno di soggezione e gratitudine per questo fantastico modo di essere nel mondo. "

Lei parla di meraviglia, e non c'è niente di stupido, se non abilmente così, a riguardo.

3 suggerimenti per coltivare la stupidità abile

Inquadra ogni giorno come una ricerca . Pensi solo di sapere cosa farai e cosa accadrà. Ma apriti per essere un po 'stupido riguardo al momento o all'ora, e le tue porte della percezione potrebbero scricchiolare un pochino.

Scrivi o crea, domanda per domanda . Per un po ', almeno, lascia che l'atto di fare o di scrivere sia la linea che ti porta più lontano nel bosco. Quindi, quando sei abbastanza perso, invia un flare o trova la tua stella polare. (Ci sono modi per farlo anche.)

Smettila di sapere così tanto . La prossima volta che leggi qualcosa o qualcuno ti dice qualcosa relativo a un argomento con cui sei familiare, evita di annuire con la testa e di dire "Lo so". Invece, immagina di non aver mai sentito parlare dell'argomento. Allo stesso modo per gli scrittori – specialmente i memoiristi e gli autori di saggistica.

* * *

Jeffrey Davis è un oratore, consulente e autore che indaga i modi migliori per aiutare i professionisti creativi a prosperare nella sfida alla ricerca di un lavoro significativo.

Solutions Collecting From Web of "Stupidità astuta, cugina più saggia di Curiosity"